ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

29. März 2020 Der tägliche On-Line-Service für Unternehmer des Transportwesens 23:54 GMT+2



CENTRO ITALIANO STUDI CONTAINERS JAHR XVII - Anzahl 5/99 - MAI 1999

Trasporto marittimo

I risultati annuali della P&O Nedlloyd

"C'è ancora un bel po' d'oro del filone" secondo Tim Harris, dirigente capo della P&ON. Questa infatti è la sua opinione in ordine al residuo raggio d'azione per i miglioramenti produttivi nell'ambito della linea di navigazione costituita da un'associazione commerciale, espressa nel corso della conferenza stampa della Royal Nedlloyd in relazione ai suoi risultati annuali. Riguardo all'intero 1998, i profitti operativi della P&ON sono aumentati dell'11% rispetto all'anno precedente, sino ad 81 milioni di dollari USA. In relazione al quarto trimestre del 1998, il risultato operativo lordo (vale a dire senza calcolare gli interessi, le imposte e le poste non ricorrenti) ha raggiunto i 55 milioni di dollari, con un aumento del 28% rispetto allo stesso periodo del 1997.

Per quanto attiene l'intero 1998, l'introito medio per TEU è calato del 6% circa rispetto all'anno precedente, sino a 1.370 dollari. Tuttavia, le cifre sono diminuite del solo 4% nell'ultimo trimestre, il che suggerisce una tendenza verso una maggiore stabilità. Lo scorso anno la P&ON ha trasportato volumi complessivi per 2.488.900 TEU, con un incremento del 7% rispetto al 1997. Il livello complessivo di utilizzazione della capacità è diminuito dall'84% del 1997 all'80% dello scorso anno. Harris ha dichiarato che si tratta di una conseguenza del problema asiatico: "Le navi dirette in Asia nel 1998 sono state un bel po' meno piene che nel 1997". Egli ha affermato che nel trimestre conclusivo dello scorso anno i migliori risultati ed i risparmi sui costi hanno più che controbilanciato la riduzione delle tariffe, l'aumento degli interessi ed i problemi connessi alla situazione asiatica e ha poi aggiunto che si è verificato un miglioramento dei volumi d'importazione asiatici sin dall'inizio del 1999.

Sostenere la crescita

Secondo Harris, la persistente crescita negli Stati Uniti e nell'Europa Orientale ha costituito un fattore-chiave per la programmazione degli aumenti tariffari del trasporto merci nel 1999: "L'occidente continuerà ad importare dall'Asia come ha fatto lo scorso anno? Se così fosse, ci aspetteremmo un miglioramento dei ricavi, nel caso i volumi vi fossero" ha dichiarato. Citando l'acquisizione della Safmarine da parte della Maersk come solamente l'ultimo esempio dell'accresciuto consolidamento del settore, Harris ha ammesso che le economie di scala stanno dimostrando di essere la chiave per il successo dei vettori. Ha poi affermato che la costituzione dell'associazione commerciale P&ON ha sinora comportato un risparmio di 200 dollari per TEU rispetto ai costi, senza per questo incorrere in una perdita di lavoro.

"Non pretendiamo che questo sia un settore facile" ha continuato. "Non lo è. Ma la P&O ha dimostrato di essere una buona consolidatrice. Le linee di navigazione debbono fare attenzione a cogliere le opportunità di consolidamento. Noi abbiamo ridotto i costi mediante la riduzione del personale e siamo in grado di operare più produttivamente di quanto non si pensasse in origine. Non credo che ci sia un'altra società che abbia conseguito riduzioni dei costi paragonabili alle nostre negli ultimi due anni. Noi abbiamo l'obiettivo di riuscire ad essere la società con le migliori economie di scala. Non andiamo a caccia della crescita per amor di crescita".

Harris non ha voluto rivelare se la P&ON abbia partecipato o meno all'asta per la Safmarine, ma si è servito della decisione della Maersk di acquistarla per rivendicare la strategia della P&ON: "La Maersk ha pagato ben più di 300 milioni di dollari per la Safmarine. Essa ha scelto di apprezzare il valore dei traffici nord/sud e ha considerato che il modo migliore di accedere a quel mercato consisteva nel consolidamento e non nella crescita organica".

Il consolidamento attinente la P&ON potrebbe - senza dubbio - essere agevolato dal fatto di possedere un terminal proprio presso lo ECT di Rotterdam, come accade per la Maersk. Harris ha spiegato la posizione del vettore in ordine a tale questione: "Noi vogliamo un trattamento uguale e vogliamo un terminal nostro". La P&ON ha sporto un reclamo alla Commissione Europea in relazione alla prossima acquisizione dell'ECT da parte della Hutchison Port Holdings, affermando che si tratta di un'iniziativa anticoncorrenziale. Ha detto Harris: "Il possesso del controllo di Felixtowe, Thamesport ed ECT dà alla Hutchison il 43% dei volumi movimentati nel Nord Europa. Non penso che siamo i soli ad avere perplessità in merito".

Sono stati rivelati anche i risultati dell'ECT, che attualmente è ancora controllato dalla società-madre Royal Nedlloyd. Il profitto netto del 1998 è stato pari a 43 milioni di fiorini olandesi (21,5 milioni di dollari) con un incremento del 2% rispetto al 1997. La quota della Nedlloyd al riguardo è stata di 13 milioni di fiorini. I volumi complessivi movimentati sono stati di 4,38 milioni di TEU, con un aumento del 10% rispetto all'anno precedente.

I ritorni sul capitale della P&ON dello scorso anno sono stati minori del 4% e Harris ha ammesso che si è trattato di un risultato inadeguato, ma ha altresì ribattuto: "La nostra prestazione è stata relativamente buona; nessuno, in questo settore, è riuscito ad ottenere ritorni sul capitale adeguati".

Commentando i singoli traffici, Harris ha osservato che il traffico atlantico è quello più problematico dal punto di vista commerciale, a causa dell'incertezza attuale in ordine al TACA (Accordo Conferenza Trans-Atlantica): "Sono in corso trattative tra varie linee di navigazione circa la condivisione di navi e spazi-containers, ma è ancora troppo prematuro dire che cosa accadrà" ha dichiarato Harris, il quale ha peraltro riaffermato l'impegno della P&ON sui traffici con Montreal.
(da: Container Management, aprile 1999)

Evergreen Line


Hotels suchen
Zielort
Ankunftsdatum
Abreisedatum


Inhaltsverzeichnis Erste Seite C.I.S.Co. - Mitteilungen
Jahr XVII
Anzahl 5/99

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genua - ITALIEN
tel.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail