ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

7. April 2020 Der tägliche On-Line-Service für Unternehmer des Transportwesens 10:06 GMT+2



CENTRO ITALIANO STUDI CONTAINERS JAHR XVII - Anzahl 5/99 - MAI 1999

Industria

Il decollo dei sistemi containerizzati per il trasporto di veicoli

Poco più di un anno fa, la ditta britannica Clive-Smith Associates ha costituito una società partecipata distinta, nota come Car-Rac, finalizzata specificamente alla commercializzazione di una gamma di modelli di veicoli destinati al trasporto di flatracks pieghevoli. Il direttore della società, Martin Clive-Smith, commentando l'iniziativa, ha dichiarato che "questo è il momento" in cui il trasporto containerizzato di automobili e di altri veicoli è pronto a decollare in grande stile. L'ultima dichiarazione rilasciata dalla Car-Rac è relativa al fatto che la società ha riscosso un notevole successo nel corso del suo primo anno di attività e mira a momenti ancora più felici nei 12 mesi a venire.

Pronti a muoversi

Secondo John Evans della Car-Rac, "abbiamo in mano ordinazioni relative a 500 Car-Racs. Un certo numero di essi è attualmente in fase di realizzazione nel Regno Unito, con consegna prevista nel mese di maggio. Il resto verrà costruito nel corso di un certo periodo di tempo presso le nostre fabbriche concessionarie in Cina. Il livello d'interesse della clientela si è rivelato molto maggiore di quanto immaginassimo. L'interesse, infatti, è a livello mondiale: più di 50 Paesi hanno chiesto informazioni al riguardo. Tra i segmenti del mercato coinvolti vi sono produttori di auto, operatori ferroviari, linee di navigazione a lungo raggio, trasportatori di automobili tradizionali, operatori ro-ro, linee aeree, imprese di autotrasporto, società di logistica e terminal containers ed automobilistici".

Come molti nuovi prodotti, il modello Car-Rac è stato modificato alla luce dell'esperienza fatta negli ultimi 12 mesi; Evans, peraltro, ha espresso la propria soddisfazione circa la concezione di base che connota il prodotto. "La tecnologia Car-Rac è stata resa più raffinata" ha dichiarato "ma il principio del mezzo per il trasporto-veicoli a doppio pianale a funzionamento idraulico resta invariato". La modifica maggiormente significativa è stata quella che consente il sollevamento del secondo pianale orizzontalmente, mediante un unico cilindro idraulico, connesso in estensione con dei cavi. La Car-Rac è ora molto simile ad una bisarca stradale standard, con pianali frazionati al fine di agevolare il fissaggio dei veicoli senza perdite di tempo. I collaudi sul campo hanno dato risultati molto positivi. Sui treni sono state raggiunte velocità fino a 90 miglia all'ora senza effetti negativi sul Car-Rac".

Nel corso degli ultimi anni, sono stati scovati alcuni altri espedienti progettuali. Ad esempio, secondo Evans "abbiamo modificato il Car-Rac affinché sia compatibile con parecchi diversi scartamenti dei tunnel ferroviari. Il Car-Rac può essere dotato del nostro congegno "a fermaglio" per il carico e lo scarico denominato "CarLift", che consente la realizzazione di una vero e proprio servizio di raccolta e consegna delle auto da porta a porta. Noi attualmente offriamo il Car-Rac nella versione sia a singolo che a doppio pianale di varie lunghezze che spaziano dai 20 ai 53 piedi e con altezze sino ai 10 piedi. I nostri programmi inerenti all'anno prossimo prevedono: l'aumento del numero di produttori di automobili che accettano il Car-Rac rispetto agli attuali tre (Ford, General Motors e Renault); la creazione di una rete internazionale di vendita; infine, l'ulteriore miglioramento e semplificazione del progetto del Car-Rac".

La Kar-Tainer quadruplica?

Un secondo produttore di equipaggiamenti in grado di riferire che, finalmente, il mercato dei sistemi per il trasporto containerizzato di veicoli sta prendendo velocità è la ditta statunitense Kar-Tainer International Inc. Secondo il direttore esecutivo di questa società, Richard Cox, "nel 1998 abbiamo prodotto approssimativamente 3.000 sistemi cassonati per veicoli singoli, 200 sistemi cassonati per due veicoli, 200 sistemi SKD e 600 sistemi a rampa portatile. Si tratta di un risultato leggermente migliore rispetto a quello del 1997. Per il 1999 prevedo di poter produrre altri 12.000 sistemi cassonati per veicoli singoli e circa 1.000 sistemi cassonati per due veicoli.

Abbiamo sperimentato una grossa crescita nel settore dei cassonati per veicoli singoli, tre dei quali possono essere caricati in un contenitore standard da 40 piedi. Questo sistema è assai economico dal momento che il fattore-proventi sia pari a 54 per contenitore (per un sistema cassonato per vettura singola, ovvero a 14 per contenitore con due veicoli per cassone) mentre i costi sono solo del 15% nel caso del sistema per due veicoli.

A causa delle summenzionate ragioni, nel 1998 ci siamo concentrati sullo sviluppo del sistema per tre veicoli/container. Questo progetto, sebbene utilizzi la medesima tecnologia del sistema destinato ad accogliere due veicoli, è una versione più semplice e basilare rispetto a quella del vecchio progetto. Il sistema per veicolo singolo è stato progettato per movimentazioni di grossi quantitativi, dato che quando ci si serve di questo modello un contenitore può essere caricato con tre veicoli in un lasso di tempo che va da cinque a sette minuti.

Nel 1998 abbiamo avuto ricevuto un sacco di approvazioni circa le caratteristiche del prodotto da parte di produttori di nuovi veicoli, nonché da parte della AAR (Associazione Americana delle Ferrovie) - ha dichiarato Cox - di modo che il nostro obiettivo, quali unici fornitori ad avere rispettato tutti questi criteri, sarà quello di inaugurare nuovi mercati nel 1999. Sono in corso contratti con la Volkswagen e per quest'anno prevediamo la spedizione di 60.000 veicoli per conto di questo produttore mediante l'utilizzazione del nostro sistema cassonato per veicolo singolo dal Sudafrica alla Germania. Attualmente, sono in corso trattative con altri produttori di veicoli sudafricani in ordine ad iniziative simili".

La Kar-Tainer al momento trasporta veicoli della Honda dalla Costa Occidentale degli Stati Uniti alle Hawaii utilizzando il sistema cassonato per due auto. Cox è dell'opinione che è probabile che questo traffico si allarghi fino a comprendere presto altri produttori, particolarmente a causa del rapido ricambio degli equipaggiamenti in questo settore trasportistico, il che rende molto economico l'uso dei metodi containerizzati.

Il sistema VTAR

Un secondo produttore di sistemi per lo stivaggio di automobili su contenitori con sede negli Stati Uniti, la VTI (Vehicle Transport Inc), ha recentemente lanciato un nuovo progetto di marca, il sistema VTAR (Rastrelliera Adattabile per il Trasporto di Veicoli). Questa nuova concezione consiste di rotaie d'acciaio saldate secondo le ondulazioni del contenitore e di rastrelliere di alluminio che vengono piazzate sotto il box lungo le rotaie d'acciaio. I vantaggi di questa concezione, secondo il VTI, sono rappresentati dal fatto che la capacità cubica del container è massimizzata e che i veicoli possono essere caricati/scaricati dal box con grande rapidità (cinque minuti per macchina).

Il VTI inoltre ha recentemente riprogettato il proprio risalente modello Autostable, che è un sistema sullo stile cassonato in grado di caricare due veicoli all'esterno del contenitore, per poi essere inserito nel box.
(da: Cargo Systems, aprile 1999)

Evergreen Line csteinweg


Hotels suchen
Zielort
Ankunftsdatum
Abreisedatum


Inhaltsverzeichnis Erste Seite C.I.S.Co. - Mitteilungen
Jahr XVII
Anzahl 5/99

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genua - ITALIEN
tel.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail