ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

7 juin 2020 Le quotidien en ligne pour les opérateurs et les usagers du transport 08:33 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNÉE XXIV - Numéro 2/2006 - FÉVRIER 2006

Porti

Trattative tra la HHLA e la Deutsche Bahn

La DB (Deutsche Bahn), il potente conglomerato statale tedesco ferroviario-logistico, ha espresso un forte interesse all誕cquisizione di una quota del maggiore operatore di terminal containers di Amburgo, la HHLA, che appartiene ancora interamente alla città di Amburgo.

L段niziativa fa seguito ad un annuncio da parte del senato cittadino, lo scorso anno, che dichiarava l段ntenzione di cedere il 49% della HHLA nel giro di due anni. Anche la Rhenus Logistics ha espresso un interesse al riguardo.

L段nteresse della DB nei confronti della HHLA ha provocato un furioso dibattito sotto due diversi aspetti. In relazione al primo, l段niziativa potrebbe comportare lo spostamento degli uffici centrali della DB da Berlino ad Amburgo, il che politicamente rappresenta una patata bollente.

In secondo luogo, alcuni ritengono che l段niziativa potrebbe incoraggiare la DB a favorire i servizi ferroviari in partenza da Amburgo anziché da Bremerhaven.

Peraltro, come sottolinea un portavoce del Porto di Amburgo, la seconda preoccupazione sembra trascurare il fatto che la DB e la HHLA sono già co-proprietari della Transfracht, il secondo fornitore tedesco, quanto a dimensioni, di servizi intermodali per i traffici containerizzati.

Conclude il portavoce: "Pertanto, se la DB volesse favorire Amburgo rispetto a Bremerhaven, l段ncentivo già esisterebbe, ma non sarebbe propriamente un favoritismo". Nel 2004, la HHLA ha movimentato il 67% del traffico containerizzato complessivo di Amburgo (7 milioni di TEU).
(da: Containerisation International, gennaio 2006)




csteinweg


Rechercher des hôtels
Destination
Date d'arrivée
Date de départ


Index Première Page Bulletin C.I.S.Co.
Année XXIV
Numéro 2/2006

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Gênes - ITALIE
tél.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail