ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

20 febbraio 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 18:41 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXV - Numero 12/2007 - DICEMBRE 2007

Porti

Associazione di operatori per lo sviluppo portuale ad Anversa

La DP World ha sottoscritto un accordo di associazione temporanea d’impresa con la Rickmers-Linie e la Conti Lines, vettori di rinfuse e merci generali, al fine di effettuare operazioni nell’ambito di un terminal per carichi generali ad utenza pubblica presso il Churchill Dock di Anversa.

La DP World ha conseguito il controllo del Churchill Dock nel contesto del suo rilevamento della P&O Ports e, con il consolidamento delle operazioni di movimentazione dei contenitori all’Antwerp Gateway, i suoi terminal all’interno dei varchi portuali sono stati destinati ad altri compiti.

La DP World Breakbulk sarà attiva dal 1° gennaio 2008 e la DP World deterrà il 60% delle sue quote, mentre ai vettori apparterrà il 20% ciascuno.

Jan Steffens, c.e.o. della Rickmers-Linie, dichiara: “Questa joint-venture ci assicura una capacità terminalistica specializzata per i volumi in aumento di rinfuse, carichi pesanti e carichi speciali spediti da e per Anversa sui nostri servizi e ci consente di sviluppare ed offrire servizi a valore aggiunto ai nostri clienti”.

Ci saranno altresì carichi dalla sesta banchina portuale della DP World, che è in fase di vendita alla Sea-Invest, secondo l’amministratore delegato della DP World Anversa, Eric Noterman: “L’infrastruttura movimenta circa 2,5 milioni di tonnellate l’anno e noi le consolideremo presso il Churchill Dock, in relazione al quale abbiamo in programma il miglioramento delle infrastrutture.

Abbiamo ricevuto dall’ufficio principale l’approvazione circa la prosecuzione del progetto con un investimento di 18,8 milioni di euro nel terminal.

Rispetto a quella somma, quasi 6 milioni di euro verranno investiti in attrezzature, gru mobili portuali comprese.

La somma restante se ne andrà in pavimentazione e costruzione di magazzini.

Il piano d’investimento è spalmato su cinque annualità e sarà posto in essere in cinque fasi”.

Jean-Frederic Brion, c.e.o. della Conti Lines, afferma: “Questo accordo rappresenta la prova autentica del nostro risoluto impegno nei traffici in questione.

La nostra meta è quella di salvaguardare e garantire la continuità della movimentazione dei carichi alla rinfusa ad Anversa in futuro”.

Poco prima del suo recente ritiro, il direttore per l’Europa della DP World, Roger Roels, aveva dichiarato che lo sviluppo del terminal costituisce principalmente una reazione al mutevole scenario del trasporto dei carichi generali: “Una delle grandi sfide che ci troviamo ad affrontare è quella di costruire un futuro per i carichi generali.

Ad Anversa ci saranno sempre carichi generali, movimentati da poche linee di navigazione, ma le linee saranno più “solide”.

I giorni delle carrette del mare sono finiti; la sfida è quella di ammodernare le infrastrutture portuali allo scopo di servire la concezione di trasporto marittimo di linea che si sta sviluppando nel settore dei carichi generali”.
(da: Cargo Systems, novembre 2007, pag. 11)



PSA Genova Pra'


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Anno XXV
Numero 12/2007

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail