ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

22 febbraio 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 08:24 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXIX - Numero 3/2011 - MARZO 2011

PORTI

Grandi ambizioni per Tianjin

Tianjin è un grande porto con grandi ambizioni.

Così grandi, che i suoi piani, se verranno realizzati, lo renderanno uno dei porti più grandi del mondo.

Non solo esso ha in programma una crescita ragguardevole delle proprie infrastrutture, ma il suo obiettivo più ampio è quello di riconfigurare i modelli di trasporto marittimo dapprima nel Nord-Est asiatico e poi in tutto il mondo.

"Tianjin è un porto artificiale e svolge un ruolo decisivo nell'ambito del settore marittimo cinese in ragione della sua vicinanza a Pechino" spiega Lee Perkins, dirigente in capo di China Intelligence Online nel rapporto 2010 sullo sviluppo della logistica in Cina.

"Negli ultimi anni il governo ha lavorato sodo al fine di promuovere la regione con investimenti intraprendenti in infrastrutture nel tentativo di attirare investimenti dai delta dei fiumi Yangtze e delle Perle, con il porto di Tianjin e la vicina Zona Franca di Binhai al cuore di tale strategia".

Secondo il sindaco della città, Huang Xingguo, il piano prevede che Tianjin diventi un centro internazionale di shipping entro il 2015.

"Nei prossimi cinque anni, Tianjin sfrutterà pienamente questi vantaggi al fine di diventare un eminente centro internazionale per il trasporto marittimo e la logistica nella Cina settentrionale" afferma Huang in un rapporto al Congresso del Popolo del Municipio di Tianjin.

Un dettaglio è assai significativo: la previsione del raddoppio della movimentazione di contenitori nel giro del periodo sopra indicato allo scopo di diventare uno dei primi cinque porti containerizzati del mondo.

"Il piano è quello di incrementare i risultati containerizzati annuali del porto sino a 20 milioni di TEU entro il 2015" come Yu Rumin, presidente e capo del settore tecnico del Tianjin Port Group, ha recentemente dichiarato in occasione del Congresso del Popolo del Municipio di Tianjin.

Il porto ha movimentato lo scorso anno 10,7 milioni di TEU, il che lo rende il numero 11 nelle classifiche mondiali.

Il raddoppio di questo risultato lo porterà entro le prime cinque posizioni, se non addirittura in cima alla classifica.

Non che i container siano la sola cosa destinata a crescere.

Situato com'è nella baia di Bohai, Tianjin è in grado di servire altre comunità oltre alla capitale Pechino.

In effetti, esso ha nel mirino la cintura dell'industria pesante cinese nel nord del paese, basandosi sulla sua preminenza nelle infrastrutture dedicate al petrolio, al carbone ed al ferro grezzo.

C'è inoltre l'associazione fra imprese con una società di Hong Kong nel Terminal Minerali Yuanhang International del porto di Tianjin, costituita per gestire le operazioni dell'ormeggio da 300.000 tonnellate del porto di Tianjin specializzato in ferro grezzo.

La capacità produttiva annua è stabilita in 23 milioni di tonnellate ed essa, secondo il rapporto sullo sviluppo della logistica in Cina, una volta completata sarà in grado di movimentare le operazioni di carico scarico delle unità da 300.000 tonnellate adibite al trasporto di ferro grezzo.

Ciò viene supportato dalla produzione relativa al petrolio con il terminal per il petrolio grezzo da 300.000 tonnellate (Area Portuale N. 30 di Najiang), che fa parte del progetto da 1,3 miliardi di dollari USA che coinvolge la China PetroChinical Co. E la Tianjin Port Group.

La rapida crescita di Tianjin nelle importazioni di petrolio è continuata nel corso del 2009 e del 2010, sottolineando la sua importanza.

Le importazioni a gennaio 2010 ammontavano a 1,18 milioni di tonnellate, più di 1,4 volte il quantitativo fatto registrare nel mese di gennaio dell'anno precedente.

E poi, c'è il terminal carbone di Shenhua.

"È probabile che la produzione complessiva inerente al carbone della Shenhua Group raggiunga i 200 milioni di tonnellate annue, l'80% delle quali devono essere trasportate attraverso i porti.

Ci si aspetta che la crescita annua raggiunga in media 13 milioni di tonnellate, servita dal porto di Tianjin" afferma il rapporto sullo sviluppo della logistica in Cina.

Quello che fa di Tianjin un competitore così forte per un posto sul podio non è solo il supporto del governo - per quanto esso sia di aiuto - ovvero l'investimento da parte del settore privato, bensì il massiccio investimento nel porto e nelle infrastrutture correlate.

"Tianjin ha attualmente in corso l'effettuazione di un investimento da 3,4 miliardi di dollari USA in 30 importanti progetti di costruzione, fra cui il completamento di una corsia per navi da 200.000 t.s.l. che innalzerà lo status del porto fino al livello di tale stazza, nonché l'accelerazione dello sviluppo di ormeggi ad acque profonde nella regione del porto meridionale" afferma Perkins nel rapporto.

"Al momento, la costruzione ed i miglioramenti vengono portati avanti presso 6 terminal.

Oltre a ciò, le infrastrutture di supporto, fra cui il nuovo collegamento ferroviario ad alta velocità che connette la città con la capitale alla vertiginosa velocità di 350 km/h, hanno tutte quante aggiunto qualcosa alle attrattive della regione dalla prospettiva di un investitore, facendo così ben sperare circa i futuri sviluppi dei risultati del porto" aggiunge Perkins.

Questo significa che Tianjin è divenuta un posto allettante per concludere affari sia ora che in futuro.

Una società che ha tratto vantaggio da tale situazione è la APM Terminals che effettua operazioni in due terminal contenitori di sua proprietà (congiunta) a Tianjin: il Tianjin Port Alliance International Container Terminal ed il Tianjin Port Euroasia International Container Terminal.

"Dal punto di vista del trasporto merci, noi accogliamo con grande favore gli impressionanti investimenti nell'alta velocità ferroviaria" afferma Martin Gaard Christiansen, dirigente in capo della APM Terminals per la ragione Asia e Pacifico.

"La nuova linea ferroviaria ha liberato molta capacità di cui si sentiva molto bisogno per il trasporto merci, consentendo ulteriori miglioramenti all'efficienza del settore del trasporto intermodale cinese.

Più capacità ed una più elevata affidabilità nel sistema ferroviario assicurano opportunità di crescita alle zone che in precedenza si trovavano al di fuori del raggio delle direttrici di traffico internazionali, quali alcune province dell'interno.

Ciò aggiunge qualcosa in più alle prospettive di crescita del nostro settore".

In effetti, è così anche per il porto di Tianjin.
(da: portstrategy.com, 11.03.2011)



PSA Genova Pra'


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail