ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

20 octobre 2019 Le quotidien en ligne pour les opérateurs et les usagers du transport 16:36 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXX - Numero 29 FEBBRAIO 2012

Porti

La Renault apre un nuovo impianto di assemblaggio nel Tanger Med

La Renault ha appena aperto un impianto di assemblaggio di autoveicoli nel Tanger Med che promette di apportare nuova linfa vitale alla porta d'accesso marocchina.

Esso dispone di una capacità annua iniziale di 170.000 veicoli ed è in grado di raggiungere alla fine 400.000 veicoli.

Fino adesso, il Tanger Med - infrastruttura in rapida espansione - ha per lo più funzionato come porto hub, in particolare per i carichi di trasbordo da e per l'Africa settentrionale ed occidentale.

La nuova fabbrica della Renault mette chiaramente in una posizione privilegiata i carichi locali, specialmente ora che i suoi collegamenti autostradali nel contesto della rete viaria del paese sono stati completati.

Esiste un collegamento con l'attuale autostrada A1 in direzione sud verso Rabat ed una autostrada a quattro corsie per Fnediq (nei pressi di Ceuta) che da lì prosegue verso la nuova autostrada per Tetouan.

Il miglioramento da due a tre corsie nel tratto da Rabat a Casablanca è stato completato all'inizio di quest'anno.

Il progetto di linea ferroviaria a grande velocità (TGV) da Tangeri a Casablanca è stato sottoscritto dal Re a dicembre del 2011.

I treni passeggeri ad alta velocità dovrebbero essere pronti ed operativi entro la fine del 2015.

Questo progetto contribuirà altresì a sviluppare la nuova zona economica di Tangeri-Tetouan mediante l'accorciamento delle distanze fra il nord ed il sud del Marocco.

Tuttavia, esso libererà inoltre capacità sulla rete ferroviaria già esistente allo scopo di agevolare l'arrivo di ulteriore traffico merci ferroviario, segnatamente fra il porto di Tanger Med e Casablanca.

I due terminal container del Tanger Med, le cui operazioni sono gestite dalla Eurogate e dalla APM Terminals, devono ancora riprendersi dalle agitazioni dei lavoratori avvenute ad ottobre del 2011, che avevano comportato il ritorno della Maersk Line agli hub concorrenti di Algesiras e Malaga, in Spagna, ed il ritorno della CMA CGM a Marsaxlokk, a Malta.

Parte dei loro traffici sono in seguito ritornati, ma occorre ancora che fra tutte le parti in causa vengano definiti accordi di pace sociale soddisfacenti.

Sono stati riferiti buoni progressi al riguardo.

La Maersk, inoltre, ha ancora vari impegni contrattuali inerenti a volumi di traffico ad Algesiras ed a Malaga che occorre onorare.

Pertanto, mentre nei primi nove mesi del 2011 era stata registrata una crescita del 25% sino a 1,81 milioni di TEU, i risultati finali in relazione al medesimo anno per entrambi i terminal sono aumentati del solo 0,5% sino a 2.070.000 TEU, stando ai dati previsti.

Algesiras è stato il maggiore beneficiario di tale situazione, avendo incrementato i propri traffici containerizzati del 28,2% lo scorso anno, sino a circa 3.603.000 TEU.

Ciò, tuttavia, non è stato interamente dovuto alla Maersk Line, dal momento che anche il nuovo terminal della Hanjin ha incrementato i propri traffici da circa 147.000 TEU ad approssimativamente 661.500 TEU (compresi i quasi 200.000 TEU della Maersk Line).

Poiché le navi provenienti dall'Asia hanno ancora un sacco di capacità disponibile, esse possono essere delle buone navi-madre per i carichi africani.
(da: ci-online.co.uk, 16.02.2012)



PSA Genova Pra' Logistics Solution


Rechercher des hôtels
Destination
Date d'arrivée
Date de départ


Index Première Page Bulletin C.I.S.Co.
Page précédente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Gênes - ITALIE
tél.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail