ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

19 febbraio 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 11:54 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXI - Numero 29 MARZO 2013

TRASPORTO MARITTIMO

LA K-LINE ALLA FINE SI AGGREGA AL CLUB DELLE PORTACONTAINER ULTRA-GRANDI

Il gigante marittimo giapponese K-Line ha confermato che alla fine si aggregherà al club delle navi portacontainer ultra-grandi dopo avere sottoscritto una lettera d'intenti finalizzata alla costruzione di cinque navi da 14.000 TEU presso i cantieri navali Imabari.

Com'era stato in precedenza riportato dalla rivista Lloyd's List, l'iniziativa del vettore era già prevista da qualche tempo, dal momento che i suoi soci nell'alleanza cui partecipa, vale a dire Cosco Container Lines, Yang Ming Marine Transport e Hanjin Shipping, hanno tutti quanti iniziato ad impiegare oppure ordinare navi portacontainer giganti.

La K-Line, compagnia di navigazione in crisi di liquidità, con una proporzione fra passivo ed attivo del 72% alla fine del 2012, sta ancora rimuginando se acquisire in proprietà le navi o noleggiarle da una unità di leasing che firmerà il contratto formale di costruzione delle navi con i cantieri Imabari.

“Stiamo ancora discutendo i dettagli definitivi e ci aspettiamo di prendere presto una decisione.

Non escludiamo alcuna possibilità” ha dichiarato il dirigente delle strategie containerizzate della K-Line Yasushi Shigeno.

“Il nostro piano è quello di impiegare tutte le nostre grandi navi nel servizio correlato all'alleanza CKYH, possibilmente nell'ambito dei traffici Asia-Europa.

Discuteremo con la Yang Ming se dovremo avere un circuito congiunto, sebbene non si sia ancora deciso nulla al riguardo”.

La K-Line, che figura fra le prime 20 linee di navigazione containerizzate del mondo, sarà la sedicesima ad ordinare portacontainer ultra-grandi.

Tuttavia, l'ingresso tardivo nel club potrebbe in realtà apportare vantaggi al vettore, dato che potrà usufruire del crollo dei prezzi delle nuove costruzioni.

“Noi prevediamo che ciò comporterà un notevole miglioramento sia dell'efficienza, sia della competitività dei costi” afferma Shigeno.

“Possiamo fruire dei costi minori rispetto a quelli delle nostre navi da 8.000 TEU” che, ha aggiunto, al momento attuale rappresentano le navi più grandi della flotta della K-Line.

Tuttavia, come molti altri operatori, il vettore sostiene di non avere piani in atto finalizzati all'espansione della propria capacità marittima complessiva e che alcune navi panamax probabilmente saranno ritirate dalla propria flotta.
(da: lloydsloadinglist.com, 18.03.2013)



PSA Genova Pra' Logistics Solution


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail