ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

5 giugno 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 02:35 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXI - Numero 15 OTTOBRE 2013

TRASPORTO FERROVIARIO

IL SETTORE FERROVIARIO EUROPEO SI BATTE AFFINCHÉ L'AGENZIA FERROVIARIA EUROPEA SIA UNO SPORTELLO UNICO

Le associazioni ferroviarie d'Europa stanno premendo sul Consiglio dell'Unione Europea affinché adotti una programmazione nel senso di fare dell'ERA (Agenzia Ferroviaria Europea) lo sportello unico per la certificazione della sicurezza e l'autorizzazione dei veicoli in Europa in luogo della proposta presentata da alcuni stati membri a favore di una versione modificata dell'attuale tremendo sistema.

Le associazioni hanno spinto affinché l'ERA divenisse uno sportello unico allo scopo di porre fine all'esistente costosa procedura - che oltre tutto porta via un sacco di tempo - relativa all'autorizzazione ed alla sicurezza dei veicoli che al momento attuale viene condotta a livello nazionale e ha comportato la conseguenza che intere flotte di nuovi treni languiscono sui binari morti per mesi in attesa dell'autorizzazione ad entrare in servizio.

Nel proprio nuovo ruolo, l'ERA collaborerebbe strettamente con le NSA (Autorità Nazionali per la Sicurezza), specialmente allo scopo di stabilire tutti i restanti ruoli a livello nazionale.

Tuttavia, alcuni stati membri stanno spingendo avanti un'alternativa alla Direttiva sulla Sicurezza nel cui contesto una NSA assumerebbe la guida e fungerebbe da sportello unico coordinandosi con gli altri NSA.

La NSA-guida sarebbe l'ente coordinatore e responsabile della corretta applicazione delle procedure, nonché per il rilascio della certificazione sulla sicurezza.

La proposta è stata accolta con serietà, dal momento che attualmente è al vaglio del gruppo di lavoro trasporti del Consiglio.

Le associazioni affermano che questo approccio “dipende in tutto e per tutto dal mutuo rispetto ed è probabile che non abbia successo a causa degli approcci divergenti a livello nazionale.

Inoltre, in caso di controversia fra le NSA, non vi sarebbe alcun organismo di appello indipendente cui rivolgersi, e, pertanto, le decisioni potrebbero rimanere pendenti illimitatamente perché le parti “uguali” non sono riuscite a raggiungere una soluzione comune.

La concezione della NSA-guida comporterà la prosecuzione delle odierne inefficienti e lunghe procedure per il conseguimento della certificazione sulla sicurezza.

La proposta dev'essere respinta allo scopo di porre rimedio ad una situazione difficile e non limitarsi a conservare l'odierno problematico scenario”.

Le associazioni sostengono che rendere l'ERA responsabile del rilascio delle autorizzazioni ai veicoli e dei certificati relativi alla sicurezza, in stretta collaborazione con le NSA, sarebbe un notevole passo avanti.

Esse, peraltro, vorrebbero che l'ERA venisse dotata di sufficiente personale competente ed esperto.

“Adottare l'approccio del tipo NSA-guida finirebbe per consolidare l'attuale inaccettabile situazione e rappresenterebbe inoltre un passo indietro irreversibile nella direzione sbagliata” dichiarano la CER (Comunità delle Imprese Ferroviarie ed Infrastrutturali Europee), la Unife (Associazione dell'Industria Ferroviaria Europea), la ERFA (Associazione Europea Trasporto merci Ferroviario), la UIP (Unione Internazionale dei Proprietari di Carri ferroviari), la Epittola (Associazione Europea Treni Passeggeri e Noleggiatori di Trazione Operativa), la UIC (Unione Internazionale delle Ferrovie), la UITP (Associazione Internazionale del Trasporto Pubblico) e la UIRR (Unione Internazionale per il Trasporto Combinato Strada-Rotaia).

Fra pochi giorni avrà luogo una decisiva riunione del Consiglio con all'ordine del giorno la Direttiva sulla sicurezza proposta dalla Presidenza lituana.

“Il settore ferroviario si aspetta che in occasione della riunione venga approvato un approccio generale da parte degli stati membri” affermano le associazioni.

“Si dovrebbe continuare nella direzione di un ruolo potenziato dell'ERA mediante il rilascio di certificati sulla sicurezza ed ulteriori iniziative verso l'Area Ferroviaria Unica Europea”.

Questa opinione è supportata da Philippe Citroën, direttore generale della Unife, il quale dichiara: “Il settore ferroviario europeo da anni chiede procedure semplificate e trasparenti per le autorizzazioni ai veicoli e le discussioni sul

Fondamento Tecnico del Quarto Pacchetto Ferroviario finora hanno percorso il binario giusto.

Il ruolo potenziato dell'ERA non dovrebbe essere messo in discussione”.
(da: railjournal.com, 01.10.2013)



csteinweg Salerno Container Terminal


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail