ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

5 giugno 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 02:16 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXI - Numero 15 NOVEMBRE 2013

PORTI

I CARICATORI CHIEDONO UNA LOGISTICA MENO COMPLICATA ALL'INTERNO DEL PORTO DI ROTTERDAM

Aumentano le preoccupazioni fra i caricatori di container che utilizzano il porto di Rotterdam in ordine all'organizzazione della sua logistica interna: essi lamentano che lo scambio di contenitori fra i terminal del porto ed i collegamenti con il trasporto intermodale diretto nell''hinterland siano ostacolati.

I principali caricatori affermano che i suddetti problemi stanno limitando l'efficienza del mantenimento delle scorte nei magazzini e stanno provocando effetti negativi sulle consegne tempestive ai clienti.

Recentemente, Ger Hagens, direttore del settore contratti acquisizioni globali della Xerox, ha espresso la propria preoccupazione circa la consegna giornaliera di 35 container ai suoi magazzini della Xerox nell'Olanda meridionale.

“Noi facciamo affidamento sulle consegne just-in-time, ma sarà difficile ottenerle se i portatori d'interessi di Rotterdam sono riluttanti a trovare una soluzione appropriata ai fini di una logistica scorrevole” dichiara Hagens.

Alcuni utenti ed operatori portuali hanno suggerito la creazione di una corsia di trasporto interna fra i terminal container del porto.

Tuttavia, gli utenti ed i portatori d'interessi del porto discutono circa la necessità di un simile sistema dal 2002 ma con scarsi risultati concreti.

Albert Thisse, presidente dell'associazione agenti marittimi di Rotterdam ed amministratore delegato della Hapag-Lloyd a Rotterdam, avverte che l'estensione dell'attuale corsia di trasporto interna fra i terminal situati nel Maasvlakte II dovrebbe essere approntata prima che le nuove infrastrutture della APM Terminals e del Rotterdam World Gateway diventino operative (la previsione al riguardo è per il 2014 e 2015).

Thissen ha dichiarato che doveva essere negoziato un piano d'emergenza finalizzato ad estendere la corsia interna per collegare i terminal e le modalità di trasporto intermodale, in relazione al quale i dirigenti di punta dell'autorità portuale di Rotterdam avrebbero dovuto fungere da moderatori indipendenti.

“La corsia interna dovrebbe essere costruita nel giro di poco tempo” ha detto.

André Kramer, responsabile del Kramer Group, si è detto d'accordo.

Kramer offre questa soluzione: impiegare il Rotterdam Container Terminal, appartenente al gruppo Kramer ed adiacente ai terminal APMT Rotterdam ed ECT Delta, quale hub per le chiatte fluviali containerizzate e le navi di raccordo.

Tuttavia, affinché avvenga la realizzazione della corsia di trasporto interna, a suo dire occorre che altri portatori d'interesse collaborino.

Afferma Kramer: “La decisione sarà presa entro la fine di quest'anno.

Io per primo mi aspetto che la corsia interna venga realizzata.

È destino che ciò accada, visto il quantitativo di merci da trasportare da e per l'hinterland.

Stiamo parlando di poco più di 650.000 box all'anno, trasportati da chiatte, battelli da raccordo e treni, e di contenitori vuoti da e per i depositi” ha detto Kramer.
(da: theloadstar.co.uk, 05.11.2013)



csteinweg Salerno Container Terminal


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail