ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

18 septembre 2020 Le quotidien en ligne pour les opérateurs et les usagers du transport 15:37 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXII - Numero 31 GENNAIO 2014

TRASPORTO MARITTIMO

L'ACCORDO FRA HAPAG-LLOYD E CSAV CREA LA QUARTA COMPAGNIA DI NAVIGAZIONE A LIVELLO MONDIALE

Le quotazioni della CSAV (Cia. Sud Americana de Vapores) SA hanno raggiunto il punto più basso degli ultimi due anni ed oltre dopo l'accordo siglato dalla compagnia di navigazione cilena per combinare le operazioni con la tedesca Hapag-Lloyd AG.

La sua quotazione è scivolata del 12% sino a 29,1 pesos alle 16.43 di Santiago, rappresentando la diminuzione maggiore da settembre 2011.

La quotazione era avanzata del 31% dal 3 dicembre scorso, dopo che il giorno precedente la compagnia, controllata dalla famiglia miliardaria cilena Luksic, aveva confermato di essere in trattative con la Hapag-Lloyd in ordine ad una fusione che avrebbe portato alla formazione della quarta compagnia di navigazione containerizzata a livello mondiale.

La CSAV deterrà il 30% della nuova compagnia ed andrà ad aggiungersi al miliardario tedesco Klaus-Michael Kühne ed alla città di Amburgo per una quota di controllo complessiva del 75,5%.

Le compagnie di navigazione hanno in programma due incrementi di capitale di 370 milioni di euro (507 milioni di dollari USA) ciascuna e la CSAV cercherà inoltre di raccogliere altri 200 milioni di dollari USA al fine di acquisire nuove navi.

Secondo Arturo Curtze, esperto della società di gestione VanTrust Capital, queste iniziative hanno indotto preoccupazioni negli investitori di minoranza che assisteranno alla riduzione delle proprie quote a causa degli aumenti di capitale.

Le due società, che risalgono entrambe al 19° secolo, stanno lottando per superare un prolungato calo nel mercato del trasporto marittimo di container e competono con la rivale più grande A.P. Møller-Maersk A/S.

I Luksic, la famiglia più ricca del Cile, hanno puntato sul settore nel 2011 quando avevano iniziato a rilevare una quota nella CSAV.

A detta della CSAV, la compagnia di navigazione combinata conseguirà entrate per 12 miliardi di dollari all'anno.

Risparmi derivanti dall'accordo

Secondo i dati forniti dalla ditta di consulenze Alphaliner, la Hapag-Lloyd attualmente effettua operazioni con una flotta di circa 150 navi, ovvero il 4,1% del settore mondiale del trasporto marittimo contenitori.

La CSAV dispone di 50 navi, vale a dire l'1,5% del mercato globale.

Come dichiara la CSAV, il collegamento fra le due compagnie di navigazione realizzerà risparmi per 300 milioni di euro (406 milioni di dollari USA).

La Maersk è il maggiore vettore di merci e box del mondo con il 14,6% della flotta globale.

Secondo Alphaliner, la svizzera Mediterranean Shipping Co. ha il 13,3% e la CMA CGM SA possiede l'8,5%.

La CSAV non ha detto se abbandonerà la propria quotazione alla borsa di Santiago nell'ambito dell'accordo o a quali condizioni le azioni saranno offerte ai soci di minoranza.

“La Hapag non è una società quotata in borsa, di modo che ciò sta provocando delle preoccupazioni fra gli esperti in ordine a come valutare l'accordo” ha dichiarato nel corso di un'intervista telefonica German Guerrero, socio della società di brokeraggio MBI Inversiones con sede a Santiago.

A detta della CSAV, nel contesto della seconda transazione essa potrebbe presentare un'offerta pubblica iniziale.

Rotte asiatiche

Una portavoce della TUI AG (TUI1), Natascha Kreye, ha dichiarato nel corso di un'intervista che l'operatore turistico ha ancora in programma di presentare un'offerta pubblica iniziale in relazione ad una quota del 22% nella Hapag-Lloyd.

A detta di Friedrich Joussen, amministratore delegato della TUI, gli azionisti della Hapag-Lloyd hanno procrastinato la presentazione di un'offerta pubblica iniziale in attesa che le condizioni del mercato migliorino.

Kühne, che controlla la Kuehne & Nagel con sede a Schindellegi in Svizzera, il maggiore spedizioniere marittimo di merci del mondo, detiene una quota del 28% nella Hapag-Lloyd.

A giugno, Kühne aveva chiesto un dibattito circa il futuro della Hapag-Lloyd dopo che le trattative finalizzate alla fusione con i rivali tedeschi della Hamburg Süd erano fallite a marzo.

La Hapag-Lloyd rafforzerà la propria presenza nelle rotte Europa-America Latina ed America Latina-Asia attraverso questo accordo.

La famiglia Luksic controlla la CSAV con una quota azionaria del 46%.

Essi hanno investito più di un miliardo di dollari USA nella società negli ultimi due anni dopo che la stessa aveva fatto registrare una perdita di 1,25 miliardi di dollari USA nel 2011.

La compagnia di navigazione non aveva fatto registrare alcun profitto sin dal 2010 ed aveva riportato perdite per 108 milioni di dollari USA nei primi nove mesi dell'anno scorso.

Guillermo Luksic, il più vecchio dei tre fratelli che costituiscono la più ricca famiglia del Cile, è stato il presidente della CSAV fino alla sua scomparsa, avvenuta il 28 marzo dell'anno scorso.

I fratelli minori Andronico e Jean-Paul hanno nominato quale nuovo presidente una persona non facente parte della famiglia, Francisco Perez Mackenna.

La combinazione non comprende i beni inerenti a carichi liquidi ed alla rinfusa della CSAV.
(da: cargobusinessnews.com/bloomberg.com, 23 Gennaio 2014)



PSA Genova Pra' Autorità di Sistema Portuale Mar Ligure Orientale


Rechercher des hôtels
Destination
Date d'arrivée
Date de départ


Index Première Page Bulletin C.I.S.Co.
Page précédente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Gênes - ITALIE
tél.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail