ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

18 septembre 2020 Le quotidien en ligne pour les opérateurs et les usagers du transport 15:41 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXII - Numero 31 GENNAIO 2014

LEGISLAZIONE

I CARICATORI CHIEDONO LA FINE DELLA NORMATIVA EUROPEA SUI CONSORZI

Un insigne gruppo di caricatori sta facendo pressioni sulla Commissione Europea affinché cessi di trattare il settore marittimo come un caso speciale per quanto concerne le regole sulla concorrenza.

Il GSF (Forum dei Caricatori Mondiali), che rappresenta gli interessi della merce in tutto il mondo, si è espresso a sostegno dell'abrogazione dell'esenzione di categoria attualmente concessa ai consorzi delle linee di navigazione.

Il Regolamento sui Consorzi n° 906/2009 scade ad aprile del 2015 e Bruxelles sta considerando se non rinnovarlo oppure lasciare che il settore venga trattato nello stesso modo degli altri.

Al momento attuale, un consorzio di navigazione di linea dispone di un'esenzione di categoria ai sensi della normativa sulla concorrenza dell'Unione Europea se la sua quota di mercato è al di sotto del 35%.

Un'alleanza più grande non è necessariamente illegittima, ma i membri devono effettuare un'autovalutazione per far sì che non vi sia alcun abuso della propria posizione dominante.

Sia la programmata P3 Network fra le tre maggiori linee containerizzate del mondo che l'ampliata alleanza G6 eccederebbero il limite del 35% nelle direttrici di traffico fondamentali.

Alcuni legali, che sostengono che le regole al riguardo dovrebbero essere rinnovate, vorrebbero altresì che questa soglia del 35% venisse innalzata al fine di portarla in linea con altre giurisdizioni in cui può essere consentita sino al 50%.

I consorzi sono accordi di cooperazione fra linee di navigazione come quelli di condivisione di navi che riducono i costi e migliorano l'efficienza operativa.

Tuttavia, i membri continuano a farsi concorrenza quanto ai prezzi.

Bruxelles favorisce questo tipo di collaborazione ma sta lavorando per pervenire ad una situazione in cui tutti i settori siano trattati allo stesso modo.

Il GSF ha dichiarato di essere favorevole alla politica generale della Commissione finalizzata all'abrogazione della normativa sulle esenzioni di categoria settoriali.

La sua raccomandazione era intesa “ad assicurare che non ci sia più alcun trattamento speciale del settore marittimo ai sensi della normativa sulla concorrenza dell'Unione Europea”.

Il segretario generale del GSF Chris Welsh afferma: “Dal momento che adesso è stato stabilito definitivamente quali dovrebbero essere i parametri accettabili degli accordi sui consorzi, non c'è più alcuna ovvia necessità di un “porto sicuro” dal momento che un'autovalutazione è tutto sommato sufficiente per gli accordi standard sui consorzi”.

Di conseguenza, il GSF ha dichiarato che nel merito gli accordi standard sui consorzi continueranno ad esistere in assenza di una regolamentazione delle esenzioni di categoria, poiché gli accordi di valutazione ai sensi delle Linee-guida Orizzontali sulla Concorrenza comprenderanno anche i buoni accordi che conferiscano autenticamente vantaggi ai caricatori mediante la riduzione dei costi, l'abbassamento delle tariffe e l'estensione ed il miglioramento dei servizi.

“Il GSF ritiene fermamente che l'accordo relativo all'alleanza globale P3 dimostri che i vettori non hanno bisogno dell'esenzione di categoria per i consorzi per pianificare la loro cooperazione.

Gli accordi relativi a consorzi al di sopra della soglia della quota di mercato del 30% ricadono al di fuori dell'esenzione per i consorzi e, in ogni caso, sono soggetti ad autovalutazione.

Non è necessario avere un'esenzione di categoria per dimostrare l'esistenza di accordi consortili fra le parti” ha detto Welsh.

In passato, la soglia era fissata al 30% per le linee di navigazione riunite in conferenze, ma essa era stata innalzata al 35% per tutti i vettori quando l'Europa aveva proibito la fissazione di prezzi collettiva per mezzo di conferenze nel 2008.

Gli accordi consortili fra linee di navigazione non hanno aspetti inerenti ai prezzi.
(da: lloydsloadinglist.com, 22 Gennaio 2014)



PSA Genova Pra' Autorità di Sistema Portuale Mar Ligure Orientale


Rechercher des hôtels
Destination
Date d'arrivée
Date de départ


Index Première Page Bulletin C.I.S.Co.
Page précédente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Gênes - ITALIE
tél.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail