ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

28 de noviembre de 2021 El diario on-line para los operadores y los usuarios del transporte 09:40 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXII - Numero 31 MARZO 2014

PORTI

NELLA CLASSIFICA MONDIALE DEI PRIMI 20 PORTI LA METÀ SONO CINESI

L'ultimo rapporto pubblicato dal SISI (Shanghai International Shipping Institute) mostra come fra i primi 20 porti mondiali nel 2013 la metà siano cinesi.

I risultati produttivi dei porti della Cina rappresentano una percentuale notevole nel totale mondiale, in aumento dal 28,7 per cento nel 2012 al 30,4 per cento nel 2013.

Il rapporto prevede altresì che i volumi containerizzati mondiali in transito attraverso i porti marittimi cresceranno ad un ritmo più rapido nel 2014 e comporteranno una concorrenza più serrata fra i porti.

Come sottolinea il rapporto del SISI, la debole ripresa dell'economia mondiale ed il protezionismo nei traffici hanno prodotto quale conseguenza l'anno scorso solo una crescita leggera del tre per cento nei risultati containerizzati nei porti di tutto il mondo, sino a 641 milione di TEU.

Il tasso di crescita è calato per il terzo anno di fila.

I nuovi mercati come la Cina stanno ancora usufruendo di una prospera domanda di traffico.

Fra i cinque porti che hanno scalato la classifica dei primi 20, quattro sono situati in Cina.

L'anno scorso, Shanghai si è piazzato in cima alla classifica per il quarto anno consecutivo con 33,62 milioni di TEU.

Il suo divario rispetto a Singapore, che era al secondo posto con 32,58 milioni di TEU, è cresciuto superando la soglia del milione di TEU.

Shenzhen per la prima volta ha sorpassato Hong Kong divenendo il numero tre al mondo con 23,28 milioni di TEU.

I successivi porti cinesi in classifica sono stati: Hong Kong, quarto con 22,29 milioni di TEU; Ningbo-Zhoushan, sesto in classifica con 17,35 milioni di TEU; Qingdao, settimo, 15,52 milioni di TEU; Guangzhou, ottavo, 15,31 milioni di TEU; Tianjin, 10°, 13 milioni di TEU; Dalian, 13°, 10,02 milioni di TEU; Kaohsiung, 14°, 9,94 milioni di TEU; Xiamen, 17°, 8,01 milioni di TEU.

Come si legge nel rapporto, poiché l'economia mondiale continua a presentare una tendenza al miglioramento, gli accordi commerciali bilaterali e multilaterali si espanderanno fino a coprire un'area più ampia ed i traffici locali ne trarranno un miglioramento più consistente.

Ciò spronerà la crescita dei risultati containerizzati.

Il SISI prevede che l'incremento dei risultati relativi ai contenitori a livello mondiale sarà superiore al quattro per cento.

Il SISI, peraltro, avverte che la ripresa dell'economia e dei traffici non comporterà necessariamente vantaggi per tutti.

Il cambiamento di scenario dei traffici e l'avvento di navi più grandi stanno apportando nuove sfide ai porti.

Le maggiori dimensioni delle alleanze fra vettori stanno indebolendo il potere contrattuale dei porti.

La conversione al regime privatistico del mercato degli operatori portuali cinesi richiede inoltre un continuo miglioramento dei loro servizi e delle loro infrastrutture al fine di sopravvivere alla concorrenza sempre più dura.
(da: seanews.co.tr, 26 Marzo 2014)



PSA Genova Pra


Buscar hoteles
Destino
Fecha de llegada
Fecha de salida


Indice Primera página Noticiario C.I.S.Co.
Página anterior

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Génova - ITALIA
tel.: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail: admin@informare.it