ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

2. Juni 2020 Der tägliche On-Line-Service für Unternehmer des Transportwesens 16:32 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXII - Numero 15 APRILE 2014

LEGISLAZIONE

GLI ARMATORI SUPPORTANO LA COMMISSIONE IN ORDINE ALL'ESTENSIONE DELL'ESENZIONE PER CATEGORIA DEI CONSORZI DI LINEA

La ECSA (Associazione Armatori della Comunità Europea), la ICS (Camera Internazionale dello Shipping) ed il WSC (Consiglio Mondiale dello Shipping) hanno risposto il 28 marzo scorso alla consultazione pubblica lanciata dalla Commissione in ordine alla sua proposta di estendere per altri cinque anni il periodo di applicazione del cosiddetto BER (regolamento sull'esenzione per categoria dei consorzi di linea).

“Abbiamo accolto con grande favore il fatto che la Commissione condivida l'opinione degli armatori secondo la quale il BER dovrebbe essere esteso” ha dichiarato Patrick Verhoeven, segretario generale della ECSA.

Aggiunge Verhoeven: “Le ragioni per mantenere tale regolamento per questo specifico settore sono ancora valide oggi, specialmente se consideriamo i molti ostacoli che il settore del trasporto marittimo dovrà superare.

Dobbiamo garantire una guida chiara ed efficace agli operatori di linea ed evitare qualsiasi incertezza giuridica che l'interruzione dell'esenzione per categoria potrebbe comportare”.

Sin dal 1995 la Commissione ha adottato una serie di regolamentazioni relative alle esenzioni per categoria dei consorzi, ognuna delle quali in vigore per un periodo di cinque anni.

Poiché l'attuale BER è in scadenza nell'aprile del 2015, la Commissione ha lanciato una consultazione pubblica sulla propria proposta chiedendo quali fossero le opinioni dei soggetti interessati alla questione circa l'estensione del suo periodo di applicazione per altri cinque anni, sostenendo che tale estensione non sarebbe andata a vantaggio dei soli vettori ma anche dei caricatori.

ECSA, ISC e WSC hanno condividono pienamente il ragionamento della Commissione.

L'odierno settore della navigazione di linea si è ritrovata con l'acqua alla gola, dovendo lottare con il cronico eccesso di capacità e l'elevato costo del carburante, che sono raddoppiati dal 2007 al 2013, e ci si aspetta che aumentino ulteriormente tenuto conto del minore limite mondiale delle emissioni di zolfo nei carburanti, in calo dal 3,5% allo 0,5% nel 2020 o 2025.

La situazione è aggravata dal fatto che la domanda a livello mondiale resta anemica.

L'unica scelta che i vettori hanno alla luce di queste tristi prospettive è quella di tagliare i costi.

Il trasporto marittimo di linea si è orientato verso economie di scala mediante l'ordinazione di navi sempre più grandi in grado di ridurre i costi unitari.

Tuttavia, al fine di trarre vantaggio da queste economie di scala, le navi dovrebbero essere a pieno carico, il che, alla luce delle attuali circostanze di eccesso di offerta di tonnellaggio, può dimostrarsi un compito arduo.

Gli accordi e le prassi concertate fra compagnie di navigazione di linea strutturate in consorzi possono perciò alleviare gli oneri che il settore deve sopportare.

“Interrompere l'esenzione per categoria dei consorzi di linea a questo punto ed in questo momento costituirebbe una complicazione non necessaria per il settore marittimo, dal momento che il BER fino adesso è andato molto bene ed è risultato utile ai caricatori così come è stato decisivo per i vettori” ha dichiarato Verhoeven.
(da: shipmanagementinternational.com, 1° Aprile 2014)



csteinweg Salerno Container Terminal


Hotels suchen
Zielort
Ankunftsdatum
Abreisedatum


Inhaltsverzeichnis Erste Seite C.I.S.Co. - Mitteilungen
Seite zurück

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genua - ITALIEN
tel.: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail: admin@informare.it