ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

6. Juni 2020 Der tägliche On-Line-Service für Unternehmer des Transportwesens 04:36 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXII - Numero 31 MAGGIO 2014

TRASPORTO INTERMODALE

I TRASPORTATORI RITENGONO CHE IL CATTIVO STIVAGGIO DEI CONTENITORI RAPPRESENTI UNA MINACCIA PEGGIORE DELLA SCORRETTA DICHIARAZIONE DEI PESI

Secondo un importante trasportatore del Regno Unito i contenitori sovrappeso “non costituiscono necessariamente la problematica maggiore” della filiera distributiva intermodale: il pericolo derivante dal cattivo stivaggio a suo dire rappresenta una minaccia peggiore per la sicurezza della filiera della distribuzione.

Parlando in occasione del recente evento Multimodal 2014 svoltosi presso il NEC di Birmingham, Andrew McNab, direttore marketing della Maritime Transport, ha sottolineato i problemi quotidiani che gli autisti devono affrontare per il fatto di dover trasportare box caricati male sulle strade da e per i porti.

Infatti, alla luce della bozza di modifica al capitolo V1 del SOLAS dell' International Maritime Organization, che richiede la verifica obbligatoria dei pesi dei contenitori prima della spedizione, passando attraverso le fasi finali di approvazione con entrata in vigore prevista per il 2016, l'attenzione è adesso rivolta al problema intrinseco dello stivaggio dei contenitori.

Secondo McNab, la Maritime Transport effettua operazioni con un parco di 1.000 camion in 16 località del Regno Unito e movimenta oltre 10.000 viaggi di contenitori alla settimana, di modo che egli è in grado di commentare con una certa autorità su tali argomenti.

La Maritime non lascia correre quando c'è un problema di eccesso di peso dei container e se gli autisti hanno qualche dubbio al riguardo li autorizza a passare sulla pesa ed a rifiutare di caricare presso un porto o un piazzale di uno spedizioniere se hanno davvero qualche preoccupazione in merito.

Il vero problema per i trasportatori, ha detto McNab nel corso del seminario durante la conferenza, è quello di un sovrappeso sull'assale causato della cattiva distribuzione del carico nel contenitore.

McNab ha dichiarato che, specialmente a proposito dei contenitori di importazione, “nel 90% dei casi non sappiamo che cosa stiamo trasportando e non abbiamo idea di come il carico sia stato imballato od il peso sia stato distribuito”.

Questo non significa che “le esportazioni sono buone e le importazioni sono cattive” ha detto a chi lo ascoltava. “Abbiamo visto anche alcuni imballaggi scandalosi da parte di esportatori britannici che hanno causato qualche grave incidente”.

McNab ha fornito l'esempio di un autista che raccoglie un contenitore da un terminal container e ravvisa i primi segnali di un eccesso di peso o di un cattivo stivaggio del container.

Afferma infatti: “Per provare questo carico, il percorso va dal punto di raccolta al varco terminalistico.

Se si è fortunati, mezzo miglio in tutto.

Per prima cosa, si provano i freni: si ottengono moltissime informazioni preliminari sul comportamento di un carico quando si frena”.

Dopodiché, dice McNab, tutto dipende dalle “sensazioni” trasmesse dalle mani, dai piedi e dal sedile dell'autista perché si possa giudicare se c'è un problema con il box.

McNab ha raccontato di un incidente di ribaltamento verificatosi ad appena 600 iarde dal varco portuale: la sua causa è stata individuata nel fatto che il caricatore aveva imballato un carico più pesante sopra un carico più leggero nel contenitore, rendendo così il carico del tutto instabile.

Fra i molti altri incidenti citati dal dirigente, vi sono esempi di spostamento del carico a causa della mancanza del pagliolo.

In occasione del medesimo seminario, Peregrine Storrs-Fox, direttore gestione rischi dell'assicuratore marittimo TT Club, ha detto che due terzi delle richieste di risarcimento dei danni potrebbero essere attribuite al cattivo imballaggio del container od alla scorretta dichiarazione dei pesi.

Il TT Club da tempo avverte delle conseguenze comportate dai carichi insicuri o fissati male nei contenitori che in molti casi provocano gravi ferite o persino la morte.

Storrs-Fox afferma che aumentare il livello di addestramento per mantenere e migliorare le competenze di tutti coloro che sono addetti all'imballaggio dei contenitori “è ora essenziale”.
(da: theloadstar.co.uk, 12 Maggio 2014)



csteinweg


Hotels suchen
Zielort
Ankunftsdatum
Abreisedatum


Inhaltsverzeichnis Erste Seite C.I.S.Co. - Mitteilungen
Seite zurück

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genua - ITALIEN
tel.: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail: admin@informare.it