ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

06 July 2020 The on-line newspaper devoted to the world of transports 04:13 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXII - Numero 15 LUGLIO 2014

TRASPORTO MARITTIMO

LA P3 SI TRASFORMA IN 2M

Le due maggiori compagnie di navigazione di linea mondiali, Maersk Line e MSC, hanno definito un accordo di condivisione delle navi a lungo termine di 10 anni che riguarderà tutti i loro 21 collegamenti nei traffici transpacifico, transatlantico ed Asia/Europa/Asia.

Si spera che la 2M - il nome dato al nuovo accordo di condivisione navi - possa cominciare le operazioni all'inizio del 2015, una volta ottenute le necessarie autorizzazioni governative.

La 2M prevede l'impiego di 185 navi per un totale di almeno 2,1 milioni di TEU.

La Maersk fornirà 110 navi (55%) e la MSC 75 unità, rispettivamente 1,2 milioni di TEU e 0,9 milioni di TEU di capacità in slot.

I programmi relativi alla 2M costituiscono una risposta diretta al fatto che Maersk, MSC e CMA CGM hanno lasciato perdere la propria alleanza P3 dopo che lo scorso mese essa era stata respinta dal Ministero del Commercio cinese.

L'iniziativa avrebbe dovuto coinvolgere 255 navi, 29 collegamenti di servizio, oltre 2,6 milioni di TEU di capacità e l'istituzione di un centro operativo avente sede a Londra con responsabilità esecutive.

La CMA CGM è rimasta esclusa da questo nuovo accordo, ma si ritiene che stia parlando con un certo numero di potenziali partner, fra cui la CSCL (China Shipping Container Lines) e la UASC.

La linea di navigazione francese lavora già assieme a questi operatori nell'ambito di diversi collegamenti, segnatamente nei traffici fra l'Asia ed il Medio Oriente/Mar Rosso.

Nel contempo, sia la CSCL che la UASC dovrebbero impiegare navi da 18.000-19.000 TEU nei propri servizi Asia/Europa alla fine di quest'anno e sono alla ricerca di partner che li aiutino a riempirli.

La Maersk e la MSC hanno dichiarato che la 2M rappresenta un altro passo nell'ambito del loro tentativo si stimolare le efficienze delle proprie reti, conseguendo altresì notevoli riduzioni nei costi del carburante, diminuendo le loro impronte di carbonio e migliorando il livello dei servizi ai clienti.

L'amministratore delegato della Maersk Line Søren Skou approfondisce il concetto: “Continueremo a fornire ai nostri clienti un trasporto marittimo di contenitori competitivo ed affidabile nei traffici est-ovest a prezzi allettanti.

Nel fare ciò dovremo essere innovativi e ridurre i costi, mantenendo nel contempo un prodotto che sia della migliore classe per i nostri clienti in termini di copertura, frequenza ed affidabilità.

Il nostro accordo con la MSC rappresenta un passo avanti verso il conseguimento di tali obiettivi nei traffici est-ovest”.

Ai sensi della 2M, ciascuna parte sarà completamente responsabile delle operazioni delle proprie navi, compreso lo stivaggio, la pianificazione del viaggio e delle operazioni portuali, nonché delle attività commerciali.

Queste ultime comprendono le vendite, il marketing, la fissazione dei prezzi e le funzioni di servizio alla clientela.

Anche se il nuovo accordo condivisione navi fra Maersk e MSC prevede una commissione congiunta di coordinamento che monitorerà la rete quotidianamente, non ci sarà un centro operativo della 2M.

“L'accordo di condivisione delle navi 2M differisce dall'alleanza P3 proposta in precedenza per due importanti aspetti: prima di tutto, la quota di mercato combinata è molto più piccola.

In secondo luogo, la cooperazione in questione è un accordo di condivisione navi puro.

Non vi sarà alcun organismo indipendente congiunto dotato di poteri esecutivi” ha precisato la Maersk in una dichiarazione.
(da: worldcargonews.com, 10 Luglio 2014)



PSA Genova Pra'


Search for hotel
Destination
Check-in date
Check-out date


Index Home Page C.I.S.Co. Newsletter
Previous page

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genoa - ITALY
phone: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail