ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

6 giugno 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 03:50 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXII - Numero 31 LUGLIO 2014

TRASPORTO STRADALE

PROTESTA DEI CAMIONISTI CONTRO LA LEGGE FRANCESE SULL'AUTOTRASPORTO

Gli operatori internazionali di autotrasporto di merci e le associazioni sindacali del settore hanno criticato la nuova normativa “protezionista” che in Francia impedisce ai camionisti di dormire nelle proprie cabine durante i periodi di riposo, affermando che non ci si è riflettuto abbastanza e che essa comporta implicazioni relative alla sicurezza, ai costi ed alla concorrenza.

Nel tentativo di migliorare la conformità alla normativa sul lavoro nel settore del trasporto stradale, in particolare per quanto attiene la non conformità o “dumping” in relazione alle limitazioni sulle ore di lavoro, la Francia ha introdotto una norma che vieta agli autisti di dormire nei propri veicoli nel corso dei periodi di riposo dal lavoro designati, cosa che era stata consentita ai sensi del regolamento 561/2006 dell'Unione Europea.

La mancata osservanza della disposizione comporterebbe il carcere per un anno ed una multa di 30.000 euro.

All'inizio di quest'anno, anche il Belgio aveva modificato la propria normativa in materia applicando sanzioni agli autisti per la medesima violazione di legge, sebbene l'importo massimo della multa fosse stato fissato nell'assai minore cifra di 1.800 euro.

L'IRU (International Road Transport Union) ha descritto tali iniziative come “preoccupanti provvedimenti di protezionismo nazionale” e ha richiesto all'Unione Europea ed agli stati membri di occuparsi della questione.

Il delegato generale presso l'Unione Europea dell'IRU Michael Nielsen ha dichiarato: “Dal momento che la normativa dell'Unione Europea non è chiara in ordine ai periodi di riposo settimanali nelle cabine dei veicoli e poiché l'Unione Europea non la considera una violazione grave, queste annunciate sanzioni sono del tutto inaccettabili”.

Il fatto che coloro che devono attuare tali norme “non conoscano addirittura le esatte condizioni correlate all'entrata in vigore di queste nuove leggi sta semplicemente a significare che l'incertezza giuridica nell'Unione Europea è ancora una volta prevalsa” ha aggiunto Nielsen.

Una ditta di autotrasporto che ha chiesto di restare anonima ha dichiarato a Lloyd's Loading List.com che la Francia ha assunto una posizione protezionista e che questa modifica alla normativa riflette i sospetti francesi secondo cui sono principalmente le ore di lavoro dei camionisti stranieri che vanno ben al di là del limite di legge.

“Quelli che hanno redatto questa legge non hanno perso nemmeno un secondo per pensare a cosa essa potrebbe comportare per gli autisti stranieri” commenta la fonte in questione.

Osservatori del settore affermano che anche se alcuni autisti francesi potrebbero senz'altro dormire in cabina mentre sono in Francia, ad esempio nei fine settimana, la stragrande maggioranza degli autotrasportatori nazionali riporteranno i loro veicoli al deposito aziendale nei fine settimana: opzione, questa, che gli autisti stranieri non hanno.

Un altro ha detto che i legislatori in questione “non avevano proprio idea di come lavori il settore dell'autotrasporto” che deve far fronte ad incertezze giornaliere come i locali dei clienti che non sono aperti per ricevere le consegne quando il camion arriva, gli ingorghi nel traffico e le deviazioni stradali.

“Soprattutto, separare un autista dal suo camion solleva un fondamentale problema di sicurezza.

In assenza di infrastrutture di parcheggio dedicate per i camion presso gli alberghi, un autista potrebbe dover percorrere una certa distanza per trovare una sistemazione, con la possibilità di tornare la mattina seguente al camion e non trovare più la merce o il carburante”.
(da: lloydsloadinglist.com, 22 Luglio 2014)



csteinweg


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail