ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

30 mai 2020 Le quotidien en ligne pour les opérateurs et les usagers du transport 06:36 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXII - Numero 31 LUGLIO 2014

LEASING

LA CMA CGM CONTINUA A SOSTENERE LE PRESTAZIONI DELLA GLOBAL SHIP LEASE

L'armatore di portacontainer GSL (Global Ship Lease) con sede nel Regno Unito ha rivelato di essersi impegnato contrattualmente per un gettito di 900 milioni di dollari in noleggi a lungo termine per 15 delle 17 navi della sua flotta con il vettore francese CMA CGM, cosa che a suo dire “lo ha nella sostanza isolato rispetto alla instabilità del mercato”.

La società quotata alla Borsa di New York, che appartiene al 45% alla CMA CGM, da maggio di quest'anno ha due dirigenti della CMA CGM nel proprio consiglio d'amministrazione.

Nel corso della sua seconda teleconferenza intermedia sul secondo trimestre del 28 luglio, l'amministratore delegato della GSL Ian Webber ha dichiarato che i mercati del trasporto merci containerizzato “sono rimasti precari” e ha fatto notare come il successo dei vettori nell'attuazione degli incrementi tariffari generali in tutte le direttrici di traffico globali abbia avuto “vita breve”.

“La CMA CGM” ha detto Webber “ha continuato a presentare risultati di prima fila nell'ambito del suo settore” ma non ha espresso congetture in ordine ai piani futuri del vettore all'indomani del veto cinese della proposta alleanza P3 con la Maersk Line e la MSC e poi alla sua esclusione dalla diluita proposta di alleanza 2M fatta dalle due linee containerizzate.

Le 15 navi che la GSL ha noleggiato alla CMA CGM hanno un periodo medio di noleggio residuo di 7,3 anni, fatta eccezione per il caso delle quattro navi attrezzate da 2.200 TEU il cui periodo è stato recentemente esteso ai sensi di un affitto giornaliero ridotto.

Inoltre, due navi Panamax da 4.113 TEU di 17 anni di età che erano state restituite per fine noleggio dalla CMA CGM all'inizio dell'anno sono state ora bloccate, rispettivamente dal 7 maggio e dal 16 luglio, dalla Sea Consortium per la sua rete X-Press Feeders in relazione ad un periodo semestrale con opzioni.

La perdita provvisoria del noleggio ed i costi di riposizionamento delle due navi hanno eroso le entrate della GSL nel corso del secondo trimestre, che sono scese dai 35,9 milioni di dollari nel medesimo periodo del 2013 ai 33,5 milioni di dollari quest'anno.

Ciò ha comportato una perdita netta nero su bianco nel secondo trimestre per la SSL di 2,3 milioni di dollari rispetto a profitti per 10,1 milioni di dollari nello stesso periodo dell'anno scorso.

L'iniziativa intrapresa con la Sea Consortium è stata descritta da Webber come una svolta nella strategia della GSL per diversificare la propria base clientelare; a suo dire, l'istituzione di relazioni commerciali aggiuntive con nuovi clienti rappresenta una priorità.

In seguito alla ristrutturazione delle proprie convenzioni creditizie alla metà di marzo, Webber ha alluso a finanziamenti per 80 milioni di dollari messi a disposizione per acquisire portacontainer all'attuale “allettante valore dei beni”, affermando poi di essere molto “incoraggiato dai potenziali accordi nell'ambito del mercato”.

Ciononostante, Webber ha detto che la GSL non voleva “farsi prendere la mano nella caccia” e che sarebbe rimasta “assai disciplinata” nei propri acquisti, preferendo non “crescere per amor di crescita”.

A titolo di esempio, Webber fa notare come, rispetto a 35 delle 40 portacontainer che erano passate di mano nell'ultimo trimestre, nessuna sia stata acquisita dalla GSL malgrado essa sia stata “attivamente impegnata” in un certo numero di trattative.

Webber afferma che il candidato ideale per un'acquisizione da parte della GSL è una nave che giunge sul mercato con un minimo di 18 mesi di noleggio residuo; le navi in difficoltà appartenenti al fondo tedesco KG con poco o nessun residuo di noleggio non interessano.

A tale riguardo, Webber ha dichiarato che la GSL ha dovuto rinnovare la propria posizione e credibilità nel mercato degli acquisti e delle vendite per trovare i giusti candidati all'acquisizione delle navi al giusto prezzo; secondo vesselsvalue.com la flotta composta da 17 navi della GSL ha un'età media di 11 anni, un valore patrimoniale attuale di 254,5 milioni di dollari ed un valore di rottamazione di 146,6 milioni di dollari.
(da: theloadstar.co.uk, 29 Luglio 2014)



csteinweg Salerno Container Terminal


Rechercher des hôtels
Destination
Date d'arrivée
Date de départ


Index Première Page Bulletin C.I.S.Co.
Page précédente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Gênes - ITALIE
tél.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail