ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

24 septembre 2020 Le quotidien en ligne pour les opérateurs et les usagers du transport 23:10 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXII - Numero 31 AGOSTO 2014

PORTI

ROTTERDAM ED ANVERSA GUIDANO LA RIPRESA DEI VOLUMI CONTAINERIZZATI DEL NORD EUROPA

I porti containerizzati del Nord Europa hanno incontrato difficoltà nel far fronte a flussi di carichi più elevati di quanto ci si attendesse nei primi sei mesi dell'anno ed probabile che ciò continui secondo le ultime previsioni della pubblicazione North Europe Trade Outlook del GPT (Global Port Tracker), in cui si parla di un incremento del 7% delle importazioni complessive di quest'anno rispetto al 2013, unitamente ad un aumento del 3,8% delle esportazioni.

Nel 2013 c'era stata una modesta crescita da un anno all'altro del 2,2% per le importazioni e dell'1,6% per le esportazioni, di modo che questa impennata costituirà una buona notizia per i vettori marittimi che cercano di rinforzare i problematici incrementi tariffari generali di agosto da e per l'Europa.

Nell'ambito dei sei principali porti containerizzati della regione (Le Havre, Zeebrugge, Anversa, Rotterdam, Bremerhaven ed Amburgo) analizzati dal GPT, si prevede che quest'anno vengano trattati 21,7 milioni di TEU di traffici in entrata - vuoti e carichi di trasbordo compresi - con le esportazioni in aumento sino a 20,5 milioni di TEU.

Infatti, il co-autore del rapporto Ben Hackett afferma: “Stiamo assistendo ad una consistente espansione di settori industriali dal momento che la produzione aumenta data la buona domanda proveniente da Asia e Nord America.

Ciò è suffragato dalla crescente domanda di consumo alimentata dalla fiducia in una crescita nel Regno Unito ed in Germania a livelli mai visti sin dal 2008”.

L'edizione di luglio del GPT riferisce che i volumi reali delle importazioni a maggio presso i sei porti sopra menzionati sono aumentati del 2,1% rispetto al mese precedente e la cifra di 3,5 milioni di TEU ha comportato una impressionante percentuale del 6,5% più alta rispetto a quella di maggio 2013.

Amburgo ha fatto registrare un rispettabile incremento del 3,9% delle importazioni a maggio, mentre i porti del Benelux di Rotterdam ed Anversa hanno fatto segnare guadagni a doppia cifra da un anno all'altro rispettivamente del 10,4% e 11,4%.

Altrove, il molto più piccolo porto containerizzato di Zeebrugge ha registrato un massiccio picco del 17,3% nei propri risultati produttivi relativi alle importazioni.

Tuttavia, si sono stati anche alcuni perdenti: le cifre d'importazione di Le Havre sono state in ribasso dell'8,3% rispetto a maggio dell'anno scorso, rallentate dalle cattive prestazioni dell'economia francese, mentre anche le infrastrutture di Bremerhaven hanno subito un calo dato che lì si è registrato un risultato in calo del -5,3% nei volumi di importazione.

Aggiungendo sapore alla rivalità fra i porti containerizzati, il co-autore dr. Maatsch dell'Institute of Shipping Economics and Logistics con sede a Brema ha commentato: “La concorrenza fra porti resta un problema, dal momento che Rotterdam ed Anversa lottano fra loro per conservare, ovvero recuperare, le proprie quote di mercato”.

Sottolineando l'influenza dei mega-vettori, il dr. Maatsch continua: “In parte, le modifiche delle quote di mercato sono dovute alle decisioni dei vettori in ordine agli scali portuali, cosa assai evidente ad Anversa dove la crescita è stata praticamente esponenziale”.

Ciononostante, sia Rotterdam che Anversa hanno sofferto di ingorghi negli ultimi mesi costringendo gli operatori di chiatte e di navi di raccordo ad imporre sovrapprezzi.

Peraltro, malgrado i colli di bottiglia presso i terminal container, il GPT “resta ottimista” circa l'espansione dei traffici in Nord Europa nella prima metà del 2015, alimentata altresì dalla crescita della domanda di esportazione verso la Cina e gli Stati Uniti.

Ne dovrebbe conseguire che, dato che la sostenuta domanda fra Asia ed Europa si dovrebbe convertire in buoni livelli di utilizzazione per i vettori, il pacchetto di incrementi generali tariffari di agosto avrà un successo maggiore di quanto non sia accaduto finora, sebbene l'autocontrollo dei vettori sia decisivo per far sì che tale successo venga sostenuto.
(da: theloadstar.co.uk, 31 Luglio 2014)



PSA Genova Pra' Autorità di Sistema Portuale Mar Ligure Orientale


Rechercher des hôtels
Destination
Date d'arrivée
Date de départ


Index Première Page Bulletin C.I.S.Co.
Page précédente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Gênes - ITALIE
tél.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail