ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

5. Juni 2020 Der tägliche On-Line-Service für Unternehmer des Transportwesens 02:21 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXII - Numero 30 SETTEMBRE 2014

PROGRESSO E TECNOLOGIA

ESISTONO ALTERNATIVE ALLE NAVI D'ACCIAIO?

La stessa domanda, ma in forma leggermente diversa, avrebbe potuto essere fatta 150-200 anni fa, al momento della comparsa delle prime alternative al legno.

Peraltro, anche se l'acciaio ha avuto buone opportunità e sembra pronto a reggere per diversi altri decenni, in effetti stanno emergendo delle alternative.

L'uso dell'alluminio, ad esempio, è stato significativo nello sviluppo dei traghetti veloci, in cui occorre combinare la forza con la leggerezza.

Oggi, grandi imbarcazioni veloci vengono costruite con questo utile materiale, che tuttavia richiede un trattamento speciale ed abili saldatori in grado di lavorare l'alluminio.

Esso è stato inoltre ampiamente impiegato nelle sovrastrutture delle navi da crociera e nella costruzione di navi da guerra, dove l'esigenza di risparmiare sul peso è di primaria importanza.

Speciali leghe di alluminio sono state utilizzate anche come sistemi di isolamento del carico per il trasporto di gas naturale liquido, dove il carico viene trasportato a basse temperature sino a -165 C° per le quali l'acciaio sarebbe inutile.

L'acciaio continua ad essere utilizzato quale principale materiale strutturale a causa della sua disponibilità, dei suoi trascorsi documentati e della familiarità che si ha con tale elemento.

Ciononostante esistono acciai che stanno facendo emergere proprietà diverse, come quelli resistenti alla corrosione, quelli ad elevata flessibilità ed i più nuovi di tutti, una piastra d'acciaio specialmente duttile che può affrontare un certo grado di protezione da impatti.

Ma ci sono in vista materiali per le costruzioni navali del tutto nuovi?

L'uso di vetroresine è divenuto un impiego su larga scala nella costruzione di yacht ed ora imbarcazioni di notevoli dimensioni vengono plasmate in questo modo.

È stato suggerito che l'uso di compositi possa offrire buone opportunità nelle costruzioni navali, dal momento che questi materiali non ferrosi sono in grado di essere concepiti in modo da fornire qualsiasi caratteristica di cui si abbia bisogno: duttilità, flessibilità, forza, rigidità, resistenza al calore od al freddo, eccetera.

I serbatoi di carburante esterni e riutilizzabili usati per lanciare gli Space Shuttle della NASA hanno costituito esempi del genere di qualità che i compositi possono fornire, dato che questi serbatori cadono in mare da una grande altezza quando vengono espulsi dal veicolo in ascesa.

Per quanto riguarda i compositi, è stata la costruzione di yacht a mostrare una tendenza ad impiegare questi innovativi materiali strutturali, la cui leggerezza e forza sono apprezzate dai progettisti che li utilizzano.

I costi, molto semplicemente, restano una barriera per qualsiasi adozione nella produzione di grandi navi commerciali, in cui l'acciaio resta il materiale prescelto alla luce delle sue note qualità e dei costi comprensibili.

L'industria marittima non è contraria alle innovazioni, ma è portata ad evitare i materiali strutturali non conosciuti e le tecniche non collaudate sul campo.

C'è stato qualche notevole interesse all'uso di polimeri inseriti fra lastre di acciaio, che assicurano sia forza che leggerezza e non richiedono i rinforzi che sarebbero altrimenti necessari.

La tecnologia delle lastre a sandwich, elaborata dalla Intelligent Engineering con sede nel Regno Unito, viene adesso impiegata per rinforzare i ponti adibiti al trasporto di veicoli sottoposti ad un compito gravoso sui traghetti, mentre un importante costruttore navale coreano la utilizza nelle navi più grandi.
(da: hellenicshippingnews.com, 15 Settembre 2014)



csteinweg Salerno Container Terminal


Hotels suchen
Zielort
Ankunftsdatum
Abreisedatum


Inhaltsverzeichnis Erste Seite C.I.S.Co. - Mitteilungen
Seite zurück

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genua - ITALIEN
tel.: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail: admin@informare.it