ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

5 juin 2020 Le quotidien en ligne pour les opérateurs et les usagers du transport 02:22 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXII - Numero 30 NOVEMBRE 2014

LOGISTICA

IN UN CONTESTO DI RAPIDI MUTAMENTI, I CARICATORI DIFFIDANO DEI CONTRATTI DI FORINITURA DI LOGISTICA INTEGRATA A LUNGO TERMINE

Nel corso del summit annuale EFT dei 3PL, svoltosi ad Amsterdam il 19 novembre, i partecipanti hanno sentito dire che vi sono pochi casi di caricatori che puntano ad estendere la durata dei contratti con i fornitori servizi logistici.

Malgrado un prolungato dibattito nel settore, durato un certo numero di anni, sul fatto che caricatori e fornitori di servizi logistici integrati dovrebbero sviluppare partenariati a lungo termine, ci sono state poche iniziative verso un allungamento dei termini contrattuali fra loro, che, alcuni sostengono, consentirebbe ai fornitori di servizi di effettuare un investimento maggiore in soluzioni su misura per la clientela.

Il direttore della logistica EMEA ESSN della Hewlett-Packard, Mark Schneider, afferma che i contratti triennali sono rimasti quelli con il limite più lungo e ha aggiunto che non vi è stata alcuna iniziativa da parte del gigante dell'elettronica per passare alla durata decennale, o quanto meno quinquennale.

“Non potevamo proprio passare a quel livello.

Non otteniamo quel genere di impegno da parte dei nostri clienti, di modo che è quasi impossibile per noi estendere le nostre relazioni 3PL da tre a dieci anni” ha detto Schneider.

Robert Kearns, direttore anziano dello sviluppo attività europee alla Ingram Micro Supply Chain, afferma che è più probabile che avvenga il contrario.

“Ne ho anche sentito parlare in occasione di varie conferenze ma non ne ho mai visto passare dalla mia scrivania” sostiene.

“Al contrario, sembra che nei contratti venga inserito un numero maggiore di clausole di risoluzione, che bloccano gli investimenti da parte dei 3PL perché ci sono meno garanzie che il contratto giunga alla sua scadenza naturale”.

Tuttavia, Kearns sostiene altresì che i rapidi cambiamenti in atto nello scenario della distribuzione al dettaglio nel corso degli ultimi anni forniscono qualche spiegazione al riguardo.

“Lo straordinario passaggio al commercio elettronico sta cambiando tutto e ha reso assai difficile per i clienti pensare di estendere la durata dei contratti quando spesso in realtà non sanno che cosa sembrerà la loro attività nel giro di 18 mesi” ha detto.

Peraltro, i fornitori di servizi logistici che presentano una combinazione di logistica a lungo termine e di attività di trasporto merci dovrebbero accogliere con favore quella riluttanza, sostiene Peter Jasperse, amministratore delegato della APL Logistics Benelux.

“Posso capire senz'altro che si voglia avere un contratto se si è un 3PL, ma se si è nel trasporto merci occorre che ci sia l'opportunità di muoversi di pari passo con il mercato” afferma e suggerisce che ci sono altri modi per strutturare gli investimenti in capacità per particolari contratti.

“Quello che spesso puntiamo a fare è costituire una joint-venture con i clienti in termini di sviluppo congiunto di soluzioni informatiche per una particolare filiera della distribuzione: in seguito, ciò evolve in un partenariato piuttosto che in una relazione a lungo termine” dice Jasperse.
(da: theloadstar.co.uk, 19 Novembre 2014)



csteinweg Salerno Container Terminal


Rechercher des hôtels
Destination
Date d'arrivée
Date de départ


Index Première Page Bulletin C.I.S.Co.
Page précédente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Gênes - ITALIE
tél.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail