ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

6. Juni 2020 Der tägliche On-Line-Service für Unternehmer des Transportwesens 14:52 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXII - Numero 31 DICEMBRE 2014

TRASPORTO STRADALE

LA CRISI DELLA VALUTA RUSSA ACCENTUA IL RALLENTAMENTO DEL TRASPORTO MERCI

Il rallentamento dei volumi di trasporto merci di origine stradale dall'Europa occidentale alla Russia ha ricevuto un ulteriore impulso nelle ultime settimane dal momento che il rublo si è indebolito ancora nei confronti del dollaro e dell'euro, come ha dichiarato un importante operatore in questa direttrice di traffico nel corso di un'intervista a Lloyd's Loading List.com.

La ditta francese di trasporti e logistica FM Logistic, che trae poco meno di un terzo del proprio giro d'affari complessivo annuo di 1 miliardo di euro dalle proprie attività russe, afferma che ci sono stati alcuni notevoli cambiamenti nelle caratteristiche del mercato così come diminuzioni dei volumi.

“Un aspetto del mercato adesso è che i caricatori stanno passando dal carico completo al carico parziale dell'automezzo di pari passo con la diminuzione dei quantitativi di merci trasportate, siano esse merci industriali o beni di largo consumo non durevoli” sostiene Ivan Golovko, direttore trasporti internazionali per la Russia della FM Logistic.

“C'è poca visibilità nel mercato dal momento che nessuno davvero sa sino a dove slitterà il rublo e quando si riprenderà il potere d'acquisto delle attività e dei privati consumatori russi”.

Sintomatiche della crescente crisi valutaria russa sono state le scene questa settimana di “frenesia degli acquisti” di costose merci ad alta tecnologia, come gli strumenti del marchio Apple, dal momento che i consumatori investono in prodotti ad alto valore prima che il rublo si inabissi ulteriormente e faccia sì che non ce li si possa più permettere.

Golovko rivela come - poiché la domanda di importazioni si è indebolita - gli autotrasportatori russi operativi sulle tratte internazionali stiano cercando di vendere i propri camion in seguito al peggioramento dell'eccesso di capacità nel settore ed all'ulteriore ribasso delle tariffe.

“Noi non abbiamo ancora preso in considerazione tale iniziativa per quanto ci riguarda poiché effettuiamo operazioni con il nostro parco automezzi solamente in ambito russo” afferma.

La FM Logistic punta a compensare il calo dei volumi di importazione mediante lo sviluppo dei flussi di traffico in esportazione dalla Russia ai paesi della CSI e ad altri paesi vicini, traendo vantaggio dalla morbidezza del rublo.

“Anche se al momento attuale stiamo parlando di volumi modesti, il nostro traffico in esportazione fuori dalla Russia è in crescita, in particolare quello diretto negli stati caucasici quali la Georgia, l'Azerbaigian e l'Armenia.

Esso comprende le confezioni del marchio Mondelez, le gomme Michelin e gli apparecchi domestici della marca SEB” dichiara.

Anche se la FM Logistic non trasporta le categorie di merci nel mirino delle sanzioni occidentali, ha tuttavia assistito al calo del trasporto delle merci industriali a causa del declino del valore del rublo.

“Alcune settimane fa, abbiamo consegnato una spedizione di equipaggiamento correlato al petrolio ed al gas ad un cliente russo, ma da allora questo tipo di attività si è prosciugato poiché le ditte locali hanno sospeso i propri progetti non avendo più i mezzi di acquistare le merci in dollari ed euro.

Anche i prodotti automobilistici hanno subito un duro colpo.

La realtà oggi è che c'è un marcato rallentamento in un certo numero di settori-chiave dell'economia e le ditte russe non si azzardano a bandire nuove gare o ad assegnare nuovi contratti di trasporto”.

Golovko conclude tratteggiando un deprimente quadro del mercato russo, in cui i piccoli spedizionieri “di nicchia” stanno ritirandosi dall'attività e la già ben radicata tendenza verso il basso delle tariffe di trasporto merci sta peggiorando.
(da: lloydsloadinglist.com, 17 Dicembre 2014)



csteinweg


Hotels suchen
Zielort
Ankunftsdatum
Abreisedatum


Inhaltsverzeichnis Erste Seite C.I.S.Co. - Mitteilungen
Seite zurück

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genua - ITALIEN
tel.: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail: admin@informare.it