ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

20 de junio de 2018 El diario on-line para los operadores y los usuarios del transporte 17:04 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXV - Numero 31 DICEMBRE 2017

LEGISLAZIONE

LA DEUTSCHE BAHN GUIDA UN'AZIONE COLLETTIVA DA 240 MILIONI DI EURO CONTRO UN CARTELLO DI PRODUTTORI DI CAMION

La DB (Deutsche Bahn) sta capeggiando una decina di imprese tedesche in una causa per risarcimento danni nei confronti di un cartello di produttori di camion.

Il 20 dicembre la società tedesca ha presentato un esposto a Monaco contro DAF, Daimler, Iveco, MAN e Volvo/Renault.

Essi hanno illegalmente concordato i prezzi di listino lordi dal 1997 al 2011 e hanno ricevuto multe per complessivi 3,8 milioni di euro.

Adesso si trovano pure ad affrontare azioni collettive da parte dei clienti.

La Deutsche Bahn ha unito la propria richiesta di risarcimento a quella delle Forze Armate tedesche, anche le quali sono state "gravemente compromesse", ed anche una quarantina di imprese, fra cui operatori aeroportuali e società logistiche, hanno affidato le proprie istanze alla DB.

La DB ha dichiarato a The Loadstar che l'elenco completo delle società coinvolte è riservato.

L'istanza riguarda circa 35.000 camion, acquisiti ad un costo di oltre 2 miliardi di euro.

"La Deutsche Bahn è assolutamente determinata ad ottenere un completo risarcimento dai membri del cartello" afferma Ulrich Weber, amministratore della DB per le risorse umane e gli affari legali.

"La fissazione illegale dei prezzi ha causato enormi danni alla nostra società ed alle altre parti coinvolte".

Secondo la RHA (Road Haulage Association) del Regno Unito, che ha incoraggiato i trasportatori associati ad unirsi all'azione collettiva, i ricorrenti potrebbero ricevere qualcosa come 6.000 sterline (6.785 euro) per ogni camion, cifra che nel caso della DB risulterebbe in danni per 237 milioni di euro: la società tedesca ha detto che presso la sola DB Schenker la cosa ha riguardato diverse migliaia di camion.

Ci sono anche altre cause in corso.

La RHA ha sollecitato i trasportatori ad andare avanti e ad unire la propria azione legale alle altre avviate nei confronti dei produttori.

L'associazione sta lavorando con lo studio legale Backhouse Jones ed il broker assicurativo Therium Capital Management che hanno ricevuto la commissione di sottoscrizione.

Nel procedimento della Commissione Europea si era stabilito che i produttori di camion avevano illegalmente concordato i prezzi di listino lordi, rinviato l'introduzione di nuove tecnologie finalizzate a ridurre le emissioni e trasferito ai clienti i costi correlati a tali tecnologie.

"Gli specialisti della Deutsche Bahn hanno una notevole esperienza e hanno già avuto notevole successo nell'esprimere richieste di risarcimento danni nei confronti di cartelli" afferma la dottoressa Katrin Suder, segretaria di stato del Ministero Federale della Difesa.

Tre anni fa, con grande disappunto del settore del trasporto meri aereo, la DB Schenker aveva intentato due cause civili contro un certo numero di importanti linee aeree che erano state riconosciute colpevoli di fissazione dei prezzi e che avevano presentato "offerte inadeguate" per la composizione della vicenda.

La richiesta non si riferiva solo ai danni, ma anche agli interessi maturati, per complessivi 3,3 miliardi di euro.

La DB Schenker aveva dichiarato ai media in quel momento di sperare in una composizione stragiudiziale, cosa che aveva "irritato" i vettori.

Una linea aerea ha dichiarato a The Loadstar: "Riteniamo che non ci sia stato alcun vero danno finanziario per i nostri clienti.

Queste sono cifre estremamente alte per un settore dai margini bassi e poi loro trasferirebbero i sovrapprezzi ai propri clienti: così, chi ha subito il danno, gli spedizionieri o i caricatori?

Si tratta di uno sviluppo pericoloso che rende la vita difficile a chiunque.

Avere dispute legali è normale, ma è una cosa intelligente combattere una guerra così sui media?

È del tutto insolito".
(da: theloadstar.co.uk, 20 dicembre 2017)



Est Europea Servizi Terminalistici Evergreen Line Vincenzo Miele


Buscar hoteles
Destino
Fecha de llegada
Fecha de salida


Indice Primera página Noticiario C.I.S.Co.
Página anterior

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Génova - ITALIA
tel.: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail: admin@informare.it