ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

21 maggio 2018 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 17.05 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXVI - Numero 31 GENNAIO 2018

STUDI E RICERCHE

QUALE FUTURO PER LE TARIFFE DI NOLO NEL 2018?

Le tariffe di nolo sono aumentate costantemente dal punto più basso del 2016, ma a detta degli esperti l'ampia disponibilità di navi potrebbe porre un tetto ad ulteriori incrementi.

I prezzi dei noli sono aumentati stabilmente per quasi due anni, logorando i margini per i traffici di minerali industriali.

Ma, come i consulenti di trasporto marittimo hanno detto a Industrial Minerals, con un sacco di navi disponibili è improbabile che il settore possa assistere ad un ulteriore deciso aumento del costo del trasporto marittimo negli anni a venire.

Il Baltic Dry Index, che misura i prezzi globali relativi al trasporto marittimo di derrate alla rinfusa, aveva toccato il fondo di 290 punti a febbraio del 2016 dopo essere stato sottoposto alla pressione derivante dal periodo di calma stagionale nel corso del Nuovo Anno Cinese, che arresta molta attività di trasporto marittimo in Cina.

Da allora i prezzi sono cresciuti gradualmente aumentando sino a 961 punti alla fine del 2016 e toccando i 1.366 punti alla fine del 2017, ma i prezzi sono ancora ben al di sotto del loro picco storico raggiunto con gli 11.793 punti di maggio 2008.

"È un buon momento per i caricatori di minerali industriali" ha dichiarato a Industrial Minerals Peter Malpas, del gruppo di trasporti Braemar Shipping Services.

"A marzo del 2016 si è assistito ad un periodo davvero poco propizio, effettivamente in tutte le dimensioni di navi, ma in particolare nelle grandi unità Capesize" ha affermato, aggiungendo che "le Handysize sono state quelle meno colpite, ma anche loro sono rimaste ben al di sotto del livello dei costi operativi".

Le Handysize sono rinfusiere di medie dimensioni che trasportano la maggior parte dei minerali industriali.

"Abbiamo avuto un periodo di ripresa" afferma Malpas, aggiungendo che nel 2018 "la ripresa sarà ancora evidente… quello che non ci aspettiamo è un significativo incremento delle tariffe al di là di quello che stiamo vedendo attualmente".

"Il 2016 è stata un'annata estremamente brutta e così il 2017 sembra buono, relativamente parlando" afferma Basil Karatzas, amministratore delegato della Karatzas Marine Advisors & Co. con sede a New York, aggiungendo che "tuttavia la domanda da porsi è se questa tendenza sarà sostenibile".

Incremento della domanda, specialmente per le Capesize

Il quadro della domanda per i noli è composito, con un modesto rialzo economico globale che appare positivo per la domanda.

Ma il settore dei minerali è stato colpito dal giro di vite del governo cinese sull'inquinamento che sta riducendo le locali attività dell'industria pesante.

I controlli cinesi sull'inquinamento, tuttavia, a detta di Malpas, stanno contribuendo a sostenere la domanda di Capesize, cioè le rinfusiere più grandi, che vengono utilizzate per trasportare i minerali di ferro.

"Le misure anti-inquinamento hanno concentrato maggiormente l'attenzione sui minerali di ferro di grado superiore" sostiene Malpas, poiché essi richiedono meno energia per essere lavorati.

L'attenzione alla qualità dei minerali sta dirottando la domanda dalle forniture locali e dalle importazioni australiane verso i minerali brasiliani, facendo aumentare la distanza che devono percorrere i minerali consumati in Cina e limitando la capacità delle Capesize.

"Ciò sta influenzando molto le Capesize" afferma Malpas.

Ampia disponibilità di navi

La maggiore pressione verso il basso sulle tariffe di trasporto marittimo è costituita dalla disponibilità di navi che è rimasta ingente a causa della ripresa dei prezzi che ha agevolato il ritmo al quale le navi datate vengono rottamate.

I bassi prezzi dei noli nel 2016 significano che gli armatori hanno dovuto affrontare perdite.

"Le tariffe medie per la Handysize sono diminuite sino a 2.900 dollari Usa al giorno" afferma Malpas, aggiungendo che "i costi operativi sono stati di 4.500 dollari USA al giorno… non tenendo conto per nulla dei costi del capitale".

Ma i ritorni da allora sono saliti.

"Alla fine del 2017 assistevamo ad una tariffa media di 9.000 dollari USA al giorno" ha dichiarato.

"Nel 2017 si è vista una notevole rottamazione (di navi).

Poiché la ripresa è stata evidente, l'incentivo alla rottamazione è svanito ed essi potrebbero cominciare a ricavare qualche profitto.

Abbastanza per tenere le navi lontano dal cantiere di demolizione".

Ciò ha contribuito a mantenere la disponibilità di navi, che è stata altresì rafforzata dal ritardo dell'entrata in vigore delle nuove regole ambientali.

"Quello che si prevedeva inizialmente era l'entrata in vigore della regolamentazione delle acque di zavorra alla fine del 2017 e, se le cose fossero andate così per un periodo quadriennale, avremmo assistito alla rottamazione di un numero significativo di navi di mezza età" afferma Malpas.

Ma a luglio del 2017 la International Maritime Organisation ha posticipato l'entrata in vigore dei requisiti per la conformità delle navi alle nuove regole inerenti la gestione delle acque di zavorra.

Le regole, che erano state ideate per evitare che le navi scaricassero acque di zavorra non trattate e potenzialmente turbassero gli ecosistemi locali, adesso entreranno in vigore a partire dal 2019, due anni più tardi rispetto a quanto consentito in precedenza.

"Questo finirà per rinviare la necessità di rottamare le navi di mezza età" sostiene Malpas, facendo sì che il tonnellaggio continui a vedere una "modesta" crescita.

Anche Karatzas ravvisa un'ampia disponibilità di navi.

"In generale la domanda è cresciuta complessivamente perché la economie mondiali stanno crescendo" ha detto, aggiungendo che "peraltro fortunatamente per i caricatori di merci è un mercato saturo quanto all'offerta".

"Nel 2017 il mercato dei noli potrebbe essere migliorato un po', ma si tratta di un mercato favorevole ai noleggiatori e non agli armatori" ha affermato.
(da: hellenicshippingnews.com, 15 gennaio 2018)



ABB Marine Solutions Est Europea Servizi Terminalistici Evergreen Line


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail