ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

21 luglio 2018 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 09.28 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXVI - Numero 31 MARZO 2018

TRASPORTO FERROVIARIO

LA SBB CARGO SI APPRESTA A RISTRUTTURARE LE ATTIVITÀ DI TRASPORTO MERCI

La SBB Cargo, partecipata della SBB (Ferrovie Federali Svizzere) specialista in trasporto merci ferroviario, ha svelato i propri piani finalizzati a ristrutturare sensibilmente le proprie operazioni aziendali nel giro dei prossimi anni dal momento che essa è alle prese con un calo della domanda di servizi di trasporto merci in Svizzera che ha comportato notevoli perdite.

Attualmente, il 90% dei carri viene movimentato attraverso circa la metà dei 344 punti di servizio della SBB Cargo; è questo servizio sistematizzato che la SBB Cargo punta a sviluppare ulteriormente, con un prodotto regolare, affidabile ed efficiente che coinvolga collegamenti rapidi e frequenti, i quali utilizzino spazi riservati.

Ciò richiede altresì un incremento dell'uso dell'automazione e della digitalizzazione e la SBB ha in programma lo sfruttamento di innovazioni quali l'aggancio automatico ed i controlli dei freni mediante telecamere fisse, compiti che attualmente vengono eseguiti manualmente.

Presso i punti di servizio scarsamente trafficati residui, i volumi sono diminuiti di un terzo fra il 2011 ed il 2017 sino ad una media di soli due carri al giorno.

La SBB Cargo sta puntando ad alternative con i propri clienti in ciascun caso ed esse potrebbero comprendere l'uso di punti di servizio fissi con servizi regolari o una combinazione di trasporto ferroviario e stradale.

La SBB rivedrà il futuro di 100 punti di servizio scarsamente trafficati entro la fine del 2020 e di altri 70 entro la fine del 2023.

Inoltre, la SBB Cargo ha in programma la riduzione della propria forza-lavoro da 2.200 a 1.400 unità entro il 2023, 330 delle quali dovranno essere rimosse entro la fine del 2020.

Rispetto a tali cifre, si prevede che 750 dipendenti lasceranno il posto di lavoro attraverso meccanismi naturali, comprese diverse centinaia di persone che raggiungeranno l'età della pensione nel corso di tale periodo.

La società ha fatto registrare una perdita operativa di 37 milioni di franchi svizzeri (31,6 milioni di euro) l'anno scorso ma spera che il programma di ristrutturazione possa farla tornare al pareggio di bilancio entro il 2020.

La SBB Cargo sarà inoltre parzialmente privatizzata, in seguito ad una raccomandazione da parte del Consiglio Federale Svizzero nello scorso mese di novembre nel senso che il suo consiglio di amministrazione venga rafforzato e la sua indipendenza aumentata con partner imprenditori oppure che importanti clienti vengano invitati a rilevare una quota minoritaria.

Il consiglio sarà allargato di almeno un membro in più da gennaio 2019 e sarà anche presieduto da un terzo.

Tuttavia, la società resterà una partecipata della SBB.

La SBB Cargo International, l'associazione imprenditoriale della società con la Hupac, non è stata toccata da questi sviluppi.

La società ha migliorato i propri risultati nel 2017 malgrado la chiusura di sette settimane della linea Karlsruhe-Basilea a Rastatt in Germania, che ha causato un notevole scompiglio per il traffico merci nel corridoio Genova-Rotterdam.
(da: railjournal.com, 5 marzo 2018)



Est Europea Servizi Terminalistici Vincenzo Miele ABB Marine Solutions


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail