ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

18 settembre 2018 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 19:13 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXVI - Numero 31 MARZO 2018

TRASPORTO INTERMODALE

FILIERE DISTRIBUTIVE AFFLITTE DAI COLLI DI BOTTIGLIA INTERMODALI NEGLI STATI UNITI

Le filiere distributive da e per il Nord America sono perturbate da varie problematiche e vari colli di bottiglia intermodali, tanto che alcuni caricatori sono alla ricerca di alternative logistiche di emergenza a causa dei ritardi dei carichi nei porti nordamericani.

Lloyd's Loading List aveva avvertito il mese scorso che i caricatori e le linee di navigazione dovessero aspettarsi drastiche impennate delle tariffe di autotrasporto merci negli Stati Uniti quest'anno, poiché la carenza di autisti, la domanda sostenuta dei consumatori e le nuove normative avrebbero comportato "una tempesta perfetta" di aumento delle problematiche nella filiera distributiva che sarebbero potute peggiorare a partire da aprile.

Erano poi seguiti rapporti inerenti alla carenza di capacità di autotrasporto che avrebbero esacerbato i ritardi nello scorso mese presso diversi porti statunitensi, fra cui quelli di New York e New Jersey, Charleston, Jacksonville, Norfolk, Savannah, Chicago, Columbus, Detroit, Memphis and Houston.

Gli specialisti di logistica riferiscono che una combinazione di fattori ha continuato a mettere sotto pressione le infrastrutture logistiche ed intermodali nella regione.

La linea di navigazione containerizzata CMA CGM riferisce che per diversi mesi la situazione relativa all'autotrasporto negli Stati Uniti "ha continuato a deteriorarsi sino ad un livello insostenibile.

In molti mercati, stiamo affrontando notevoli problemi nel trovare guidatori che eseguano le nostre ordinazioni di lavoro, con la conseguenza di ritardi nella raccolta e nella consegna, così come di significativi incrementi dei costi".

In una nota indirizzata alla clientela, la CMA CGM ha spiegato che le principali problematiche hanno riguardato il rispetto delle nuove regole richiedenti che i camion commerciali fossero equipaggiati con dispositivi elettronici di misurazione, il brutto tempo invernale in specifici mercati che ha fatto rallentare le consegne e l'ulteriore riduzione delle riserve di autisti e capacità camionistica, nonché il minor numero di autisti nel mercato.

"La ridotta disponibilità degli autisti comporta un impatto sulla nostra capacità di occuparci degli ordini di lavoro che dobbiamo gestire quotidianamente" ha aggiunto la compagnia di navigazione.

Di conseguenza, la linea stessa ha posto in atto uno EIS (Sovrapprezzo Intermodale di Emergenza) di 300 dollari per contenitore dove la CMA CGM è incaricata di fornire servizi di trasporto terrestri, in determinati mercati chiave, con effetto dal 16 marzo.

Questo onere attualmente viene addebitato nelle spedizioni intermodali via Chicago, Houston, Savannah, Memphis e Columbus, sebbene la linea di navigazione abbia detto di riservarsi il diritto di applicare tale addebito in altre località "se la situazione lo giustificasse".

Si dice che anche altre linee di navigazione abbiano iniziato ad introdurre oneri simili.

Nota la CMA CGM: "L'addebito aggiuntivo ci consentirà di gestire l'aumento dei costi e ci aiuterà a continuare ad assicurare un livello di servizio appropriato.

Il sovrapprezzo non si applicherà a quelle movimentazioni in cui è stato assunto per fornire i servizi il camionista designato da un caricatore".

Lo specialista di logistica di emergenza Evolution Time Critical ha dichiarato questa settimana di avere lavorato con i produttori di autoveicoli ed i loro fornitori per movimentare componenti essenziali dall'Europa e dalla Cina in conseguenza del ritardo dei carichi presso i porti nordamericani.

Esso ha messo in evidenza un elenco simile di fattori "che si sono combinati per mettere sotto una pressione sempre maggiore le infrastrutture della regione", fra cui il doversi continuamente riprendere da disastri naturali e brutto tempo, il nuovo obbligo di adozione dell'EDL (Congegno Elettronico di Misurazione), "e la carenza di camion ed autisti disponibili che ha comportato la minaccia di una offerta gravemente insufficiente per qualche fornitore".

Brad Brennan, direttore generale della Evolution Time Critical, commenta: "Il trasporto merci marittimo è un aspetto decisivo della filiera distributiva automobilistica, ma a causa della scarsa disponibilità delle riserve o scorte c'è spesso un margine minimo di errore.

Attualmente i clienti ci dicono di stare sperimentando ritardi di settimane dovuti a questa tempesta perfetta di eventi, con la conseguenza di avere bisogno di assicurarsi nuove parti presso i fornitori originari e di dovergliele portare il più rapidamente possibile".

Brennan afferma che le infrastrutture della zona si stavano ancora riprendendo dai notevoli danni dovuti alle intemperie e che "un certo numero di fattori che normalmente sarebbero stati gestibili più facilmente se presi da soli si sono combinati sino a causare problemi più diffusi: un problema che devono affrontare molti importatori statunitensi consiste nell'incapacità materiale di far proseguire i contenitori".

Aggiunge Brennan: "La carenza di camionisti e di telai disponibili è inasprita dalla mancanza di flessibilità del nuovo obbligo di adozione dello EDL, il che significa che è più difficile per i fornitori di logistica standard implementare soluzioni stradali innovative basate sul parco automezzi".

Brennan sostiene che il nuovo obbligo di adozione dello EDL controlla rigorosamente le ore di guida e la disponibilità di movimentazione delle merci e che la sua introduzione è "coincisa con uno dei più esigui mercati di capacità di trasporto merci mai registrati che ha messo il settore sotto sempre maggiore tensione" e aggiunge che "i produttori di equipaggiamento originale hanno lavorato con la Evolution Time Critical per tutta la durata della carenza di capacità, ma che gli ultimi sviluppi hanno condotto ad un incremento dell'utilizzo della sua esperienza per quanto attiene la sensibilità al fattore tempo.

A peggiorare le preoccupazioni in ordine ai potenziali ritardi, ci stiamo approssimando alla tradizionale alta stagione pre-pasquale del trasporto merci aereo, che ostacolerà alcuni tentativi preliminari di spedire efficientemente i carichi.

Abbiamo già riscontrato una crisi di capacità di trasporto merci aereo negli ultimi mesi, nel corso dei quali abbiamo lavorato con i produttori di equipaggiamento originale per realizzare programmi innovativi che assicurassero il completamento in orario delle spedizioni transatlantiche".
(da: lloydsloadinglist.com, 21 marzo 2018)



ABB Marine Solutions Consorzio ZAI


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail