ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

18 ottobre 2018 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 15:24 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXVI - Numero 30 SETTEMBRE 2018

PORTI

ANVERSA DELINEA NUOVE INIZIATIVE PER LA LOGISTICA DEI CONTENITORI ALLO SCOPO DI AFFRONTARE LA CONGESTIONE

Il porto di Anversa questa settimana ha posto in evidenza diverse iniziative a breve e lungo termine per la logistica dei contenitori, pronte per essere messe alla prova ed attuate nel contesto di una serie di misure finalizzate a snellire le attività ed a ridurre la congestione presso il fondamentale porto nordeuropeo.

In seguito alle lamentele degli utenti portuali ad Anversa ed in altri porti containerizzati del Nord Europa un anno fa, l'Autorità Portuale di Anversa ha annunciato il proprio impegno, unitamente ai portatori d'interesse nel porto, "al fine di ridurre la pressione sulla mobilità in ordine al trasporto di merci e persone, con provvedimenti temporanei a breve termine oltre alle soluzioni strutturali a lungo termine.

A distanza di un anno, è il momento di fare il punto" ha detto questa settimana l'operatore portuale.

"Le ambizioni sono state individuate, i progetti sono stati delineati ed i primi risultati sono visibili.

È stata introdotta la logistica notturna ed i servizi di chiatte vengono resi sempre più efficienti".

Riconoscendo che "il trasporto merci su strada è ancora un grattacapo" per i traffici da e per il porto, Anversa ha sottolineato: "Le soluzioni a lungo termine come il collegamento Oosterweel apporta importanti innovazioni sotto forma di interventi infrastrutturali.

L'Autorità Portuale è pertanto propensa ad incoraggiare la comunità portuale a fare un maggiore uso della logistica notturna, dal momento che tutte le infrastrutture necessarie vi sono già.

Ma questo potrà avere successo solo se tutte le parti coinvolte si impegnano a cambiare le proprie politiche.

A tale proposito, è stato stabilito un Piano d'Azione per la Logistica Notturna e ad ottobre inizieranno seminari con tutte le parti coinvolte: caricatori, spedizionieri, compagnie di navigazione, terminal, agenti marittimi, autotrasportatori eccetera" mentre l'Autorità Portuale mette in risalto il proprio ruolo di "costruttore di comunità" in questo progetto.

Nel contempo, "allo scopo di affrontare il problema della carenza di spazi per parcheggi in porto" è in corso di costruzione un grande e moderno parcheggio per camion sulla "riva sinistra" del porto.

Esso offrirà spazi per 370 camion, con strutture fra cui bagni e docce, wifi, telecamere di sorveglianza e distributori automatici, realizzati a basso impatto energetico, grazie a pannelli solari.

"C'è già un parcheggio per camion con 200 spazi sulla riva destra, dove le strutture saranno ampliate ed ammodernate sul modello della riva sinistra" aggiunge il porto.

"Una volta ottenuto il permesso per la pianificazione, ci si aspetta che questo parcheggio per camion possa essere in uso per l'estate del 2020".

L'Autorità Portuale ha detto di avere investito 8,3 milioni di euro in questo progetto.

"Nel frattempo viene affrontato il problema del parcheggio non autorizzato, in stretta collaborazione con la polizia" ha aggiunto.

Per quanto attiene lo snellimento del trasporto container su chiatte, l'Autorità Portuale ha sottolineato di avere sottoscritto un Piano d'Azione per le Chiatte Containerizzate all'inizio di quest'anno con tre principali componenti e precisamente: programmazione e collaborazione, consolidamento e digitalizzazione.

"Queste misure combinate dovrebbero rendere il trasporto di contenitori su chiatta più efficiente per tutti i partner della filiera distributiva" afferma il porto.

Vari progetti pilota inizieranno quest'autunno.

Un progetto pilota per il consolidamento di piccoli volumi di contenitori dovrebbe iniziare il 5 novembre.

"A partire da quella data solo alle chiatte con un minimo di 30 movimentazioni per scalo (carico più scarico) sarà consentito di scalare direttamente i terminal marittimi in porto" afferma l'Autorità Portuale.

Un altro progetto di prova nel Piano d'Azione per le Chiatte Containerizzate è il "Central Barge Scheduling", che diventerà operativo il 1° ottobre.

"Ci sarà poi una singola unità centrale di programmazione per le operazioni di carico e scarico delle chiatte" afferma il porto.

"I programmi abbozzati da questa unità saranno seguiti dai vari terminal container in porto, fra cui il PSA, il DP World ed il MPET, con l'aiuto del software di programmazione e del sistema di prenotazione degli ormeggi BTS".

A detta dell'Autorità, poter disporre di un unico punto di contatto centrale renderà altresì più semplice e più efficiente il ciclo di programmazione.

"Questo a sua volta apporterà vantaggi al progetto di consolidamento, dal momento che ci sarà un più stretto coordinamento fra l'unità centrale di programmazione e gli hub di consolidamento".

I piani finalizzati ad alleviare la congestione in porto comportano altresì l'incremento del ruolo del trasporto ferroviario.

"La ferrovia al momento rappresenta solo il 7% del trasporto in ambito portuale, una situazione che necessita urgentemente di cambiare" afferma il porto.

"Oltre alla promozione del trasporto su chiatte, l'Autorità Portuale punta a dare il suo pieno supporto al trasporto ferroviario, con l'intento di raddoppiare il grado di utilizzazione della ferrovia nei prossimi cinque anni".

La responsabilità della sua attuazione è stata assunta dalla Railport, un'iniziativa congiunta dell'Autorità Portuale di Anversa, della Left Bank Development Corporation e delle associazioni di categoria Essenscia Flanders e Voka Alfaport.

"Nils van Vliet è stato nominato amministratore delegato a giugno di quest'anno e dopo un periodo di studi e progetti pilota in ordine al trasporto distribuito il suo compito sarà quello di introdurre iniziative pratiche per il miglioramento e la promozione del trasporto ferroviario" dichiara il porto.

"Nel contempo, sono iniziate discussioni costruttive con la Infrabel per sviluppare un nuovo modello gestionale per l'infrastruttura ferroviaria in ambito portuale, allo scopo di rendere il trasporto ferroviario più flessibile ed efficiente".

Il dirigente per la mobilità dell'Autorità Portuale Tom Verlinden commenta: "Per migliorare la mobilità dentro ed attorno il porto, puntiamo a realizzare un dirottamento modale che porti giù la quota dei camion dal 55% al 43% entro l'anno 2030.

Al fine di contribuire al conseguimento di tale obiettivo, vorremmo raddoppiare la quota del trasporto ferroviario sino al 15% e far salire la quota del trasporto fluviale su chiatta dal 38% al 42%.

Al momento attuale stiamo già togliendo 2,1 milioni di camion dalla strada ogni anno grazie al trasporto fluviale.

Si tratta di oltre 8.000 camion al giorno, che è come dire che evitiamo la presenza di una fila continua di camion lunga 120 km.

Ulteriori progressi in termini di efficienza possono solo migliorare questa situazione".

Commentando l'iniziativa nel complesso, l'amministratore delegato dell'Autorità Portuale Jacques Vandermeiren afferma: "L'attuale situazione della mobilità è un serio ostacolo per le imprese in porto.

Non esiste una soluzione miracolosa per il problema della mobilità dentro ed attorno Anversa.

Ci stiamo assumendo la nostra responsabilità sociale cercando soluzioni strutturali assieme all'intera comunità portuale, per il trasporto sia di merci che di persone".
(da: lloydsloadinglist.com, 21 settembre 2018)



ABB Marine Solutions Consorzio ZAI Salerno Container Terminal


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail