ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

17 ottobre 2018 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 09:55 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXVI - Numero 30 SETTEMBRE 2018

LEGISLAZIONE

ANALISI DEI GRANDI DATI E NAVI AUTONOME: QUANDO SI ADEGUERÀ LA NORMATIVA?

In un'indagine condotta dalla Reed Smith nella prima metà del 2018, i partecipanti al settore hanno previsto che l'analisi dei grandi dati sarà uno dei più significativi fattori di cambiamento nel settore del trasporto marittimo nel giro dei prossimi cinque anni.

Inoltre, in relazione allo stesso periodo quinquennale, l'indagine ha rivelato che il settore dello shipping considera che lo sviluppo di processi e funzioni automatizzati a bordo delle navi sia il maggior fattore di efficienza nel trasporto marittimo.

Ci si aspetta che la raccolta, l'analisi e la gestione di enormi quantitativi di dati non strutturati (cioè i grandi dati), come i dati sulla prestazione del viaggio, la struttura della nave, le macchine, il consumo di carburante, il traffico, il carico e le condizioni meteo forniscano spunti preziosi in ordine alle operazioni delle navi e scoprano le trame nascoste così come le tendenze del mercato.

L'analisi dei grandi dati consentirà altresì la previsione dei probabili esiti in certi viaggi.

Per di più, è probabile che essa riduca i costi, poiché il settore sarà in grado di identificare le modalità più efficaci per fare affari; essa consentirà di prendere decisioni più rapidamente; infine, renderà il trasporto marittimo più sicuro attraverso la riduzione dei rischi.

Le grandi analisi incoraggeranno anche lo sviluppo di procedure automatizzate e tecnologie avanzate come le MASS (Maritime Autonomous Surface Ships).

La Yara Birkeland, che secondo i programmi diventerà operativa in Norvegia entro il 2020, sarà la prima nave mercantile completamente autonoma, mentre ci si aspetta che entro i 2035 vengano introdotte MASS in grado di viaggiare a livello internazionale.

La questione più urgente al momento, nonché una delle maggiori problematiche nel settore come evidenziato dall'indagine, è se il quadro normativo internazionale richiesto entrerà in vigore abbastanza rapidamente da consentirne una rapida adozione e la diffusione delle operazioni di tecnologie avanzate come le MASS per i traffici internazionali al post del cabotaggio.

Le convenzioni internazionali (come quelle sulla Sicurezza della Vita in Mare - SOLAS, sulla Prevenzione dell'Inquinamento derivante dalle Navi e sugli Standard di Formazione, Certificazione e Vigilanza per i Marittimi) e i regolamenti esistenti (come i regolamenti internazionali per la Prevenzione delle Collisioni in Mare) non sono stati formulati tenendo conto delle navi senza equipaggio e delle tecnologie avanzate.

L'IMO, con l'assistenza del Comité Maritime International, sta adottando misure al fine di identificare le questioni derivanti dall'attuale regime normativo.

Il completamento dello studio esplorativo sulla normativa dell'IMO per identificare le questioni che derivano dalle convenzioni è in programma entro il 2020.

Successivamente all'ultimazione dello studio occorrerà probabilmente che venga presa una decisione in ordine a se le convenzioni od i regolamenti esistenti debbano essere chiariti o modificati, oppure se le nuove convenzioni od i nuovi regolamenti conformi alle MASS ed alle tecnologie avanzate debbano essere fatti entrare in vigore.

Mentre il chiarimento e l'emendamento delle attuali convenzioni possono essere compiuti relativamente in breve tempo, la messa in vigore di nuove convenzioni è una procedura lunga che potrebbe richiedere anni o persino decenni per essere completata.

Ciò è principalmente dovuto agli specifici provvedimenti che debbono essere adottati dai paesi, come la ricezione dell'approvazione parlamentare prima di poter procedere alla ratifica.

È probabile che ulteriori ritardi sorgano dove i paesi in conflitto d'interessi (ad esempio, un numero elevato di marittimi) possano essere riluttanti a ratificare le convenzioni che permettono l'operatività a livello internazionale delle MASS e l'adozione di progressi tecnologici.

Ci si aspetta che l'analisi dei grandi dati e l'operatività delle MASS rendano il trasporto marittimo più sicuro, più efficiente e più ecocompatibile e l'indagine della Reed Smith dimostra come il settore desideri di prendere in considerazione l'adozione di tecnologie innovative.

Tuttavia, queste tecnologie potranno inizialmente operare su piccola scala fino a quando non sarà entrata in vigore la normativa internazionale che ne consenta la diffusa adozione.
(da: hellenicshippingnews.com, 22 settembre 2018)



ABB Marine Solutions Consorzio ZAI Salerno Container Terminal


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail