ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

22 marzo 2019 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 21:17 GMT+1



CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERS ANNO XXXVII - Numero 28 FEBBRAIO 2019

TRASPORTO MARITTIMO

AUMENTANO I RICAVI DELLA MAERSK MALGRADO LA CRESCITA LENTA DELLA DOMANDA

I profitti della Maersk relativi alle attività operative sono scivolati sino a 220 milioni di dollari USA nel 2018, in ribasso rispetto ai 356 dollari USA nel 2017, poiché il mercato containerizzato è rallentato sino al 3,7%, al di sotto del 4% previsto dalla compagnia di navigazione all'inizio dell'anno scorso.

"La crescita dell'offerta è rimasta alta all'inizio dell'anno, riflettendo l'ingresso di molte nuove navi nel mercato così come il basso livello di inattività e demolizione delle navi più vecchie, cosa che ha indotto il declino delle tariffe di nolo nei primi due trimestri del 2018" dichiara la Maersk.

"Gli elementi fondamentali del mercato si sono stabilizzati nella seconda metà del 2018, poiché la crescita effettiva dell'offerta si è attenuata e le tariffe di nolo hanno iniziato ad incrementarsi ed i profitti del settore si sono innalzati nel terzo trimestre dal modesto livello nella prima metà del 2018" aggiunge la compagnia di navigazione.

"I profitti hanno subito conseguenze negative a causa dell'incremento dei costi del bunker che non sono stati del tutto compensati dall'incremento delle tariffe di nolo".

La Maersk ha avvertito che la moderazione della crescita della domanda containerizzata nel 2018 ha rispecchiato il rallentamento della macroeconomia globale e delle ordinazioni delle esportazioni globali.

"Il rischio maggiore della domanda containerizzata globale è quello relativo ad un ulteriore rallentamento ciclico dell'economia globale" afferma la Maersk.

"I mercati emergenti sono particolarmente vulnerabili alle fluttuazioni del dollaro USA ed agli sviluppi economici negli Stati Uniti mediante la loro leva finanziaria.

Inoltre, una ulteriore intensificazione delle tensioni nei traffici internazionali comporta un notevole rischio per i traffici globali".

La maggiore linea di navigazione containerizzata mondiale ha riferito che i ricavi sono aumentati sino a 39 miliardi di dollari USA per l'annata.

Il suo segmento marittimo ha assistito ad un aumento dei ricavi del 29% sino a 28,4 miliardi di dollari USA sulla scia dell'incremento dei volumi derivante dalla sua acquisizione della Hamburg Süd e da un incremento dell'1,9% delle tariffe medie di nolo sino a 1.816 dollari USA per FEU.

Senza il contributo della Hamburg Süd, i ricavi sarebbero stati in aumento di appena il 5,8% per 22,7 miliardi di dollari USA.

"Sebbene abbiamo avuto un problematico avvio nel 2018, se si guardano le nostre prestazioni finanziarie si riscontra come abbiamo incrementato gli utili a dispetto dei prezzi del bunker notevolmente più alti e di una crescita dei volumi containerizzati più bassa di quanto ci si aspettasse nella seconda metà del 2018" afferma l'amministratore delegato Søren Skou.

"Tuttavia, occorre che la redditività migliori".

I profitti netti comprese le operazioni sospese sono giunti sino a 3,2 miliardi di dollari USA, invertendo la perdita di 1,2 miliardi di dollari USA nel 2017.

Ad essi è stato dato impulso dalla conclusione della vendita della Maersk Oil nel 2018 e dalle svalutazioni apportate alla Maersk Drilling nel 2017.

Ma Skou afferma che la società è stata in grado di ridurre i costi mediante la propria nuova struttura.

"Nel corso del 2017 e 2028, abbiamo realizzato oltre 300 milioni di dollari USA di risparmi per mezzo di sinergie di raccolta in tutti i segmenti aziendali indotte per lo più dalla stretta collaborazione fra il nostro settore marittimo ed i terminal porte d'accesso, l'ulteriore ottimizzazione dei nostri terminal ed il miglioramento della pianificazione e dell'utilizzazione della capacità produttiva" ha detto.

L'acquisizione della Hamburg Süd ed il consolidamento delle due linee di navigazione avevano prodotto la rete e le sinergie operative" ha aggiunto.

"Oltre ai vantaggi per la rete, l'acquisizione ha altresì consentito una ulteriore utilizzazione dei terminal ed i vantaggi degli appalti congiunti.

Dal momento dell'acquisizione, abbiamo realizzato 420 milioni di dollari USA in sinergie dalla Hamburg Süd e le aspettative delle sinergie sono state pertanto riviste sino ad un minimo di 500 milioni di dollari USA per la fine del 2019, rispetto ai precedenti 350-400 milioni di dollari USA.

Separatamente, la Maersk ha annunciato di avere dato il via alla scissione ed al distinto processo di quotazione relativamente alla Maersk Drilling, come aveva annunciato nello scorso mese di agosto.

Le quote nella Maersk Drilling e delle sue partecipate, così come certe altre attività e passività, saranno conferite ad una nuova società che avrà la denominazione di The Drilling Company of 1972 e le sue azioni saranno ammesse agli scambi ed alla quotazione ufficiale presso la borsa Nasdaq di Copenaghen.

La Maersk afferma che cercherà l'approvazione della scissione da parte degli azionisti in occasione della propria assemblea generale il 2 aprile prossimo, mentre la pubblicazione della documentazione relativa alla scissione dovrebbe avvenire il 4 marzo.

"Previa tale approvazione della scissione, le quote della Maersk Drilling saranno distribuite agli azionisti della AP Møller-Maersk, che alla propria partecipazione azionaria alla AP Møller-Maersk aggiungeranno quella alla Maersk Drilling" ha dichiarato la Maersk.
(da: lloydsloadinglist.com, 22 febbraio 2019)



ABB Marine Solutions


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail