ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

15 novembre 2019 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 16:02 GMT+1



CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERS ANNO XXXVII - Numero 15 OTTOBRE 2019

INDUSTRIA

LA ROTTA DA SEGUIRE: CONTINUA LA DOMANDA DI RIMORCHI MULTIPLI

Le conclusioni di un recente rapporto della Transparency Market Research confermano la continua domanda di trattori per rimorchi multipli.

Il rapporto ''Global Trailer Terminal Tractor Market - Global Industry Analysis, Size, Share, Growth, Trends, and Forecast, 2019-2027” fornisce informazioni davvero interessanti in relazione allo stato attuale e futuro di questo settore.

Uno dei principali titoli del rapporto è rappresentato dalle previsioni di una cifra di oltre 650 milioni di dollari attribuibile al mercato globale dei trattori di rimorchi terminalistici da qui al 2027.

Infatti, c'è un tasso di espansione dal 2019 al 2027 previsto nell'ordine di oltre il 3% annuo, con continue ordinazioni da specifiche regioni come il Nord America che ha un tasso di crescita atteso di oltre il 2% all'anno nell'arco di tempo sopra considerato.

Un'altra area è la capacità di innovare costantemente l'equipaggiamento da parte dei principali produttori come la Kalmar, la Mol CY e la Terberg, mentre anche lo sviluppo del trattore di rimorchi terminalistici elettrico è fondamentale poiché si tratta di una tendenza che è assolutamente in linea con la fiorente crescita di soluzioni alternative rispetto ai carburanti tradizionali.

Il rapporto della Transparency Market Research sottolinea due importanti vantaggi dei trattori per rimorchi terminalistici elettrici: il basso livello delle emissioni e la facile manutenzione (dovuta al minor numero di parti in movimento).

Di conseguenza, non solo ci si aspetta che il trattore per rimorchi elettrico assista ad una continua crescita della domanda nel periodo che va dal 2017 al 2019, ma ci si aspetta che faccia sì che si incrementi ulteriormente l'interesse per questo tipo di prodotto.

Una fattispecie significativa al riguardo è la recente versione completamente elettrica della Kalmar del trattore terminalistico Kalmar Ottawa T2.

Utilizzando la moderna tecnologia delle batterie agli ioni di litio e un apparato propulsore completamente elettrico questo trattore terminalistico è un veicolo che si è dimostrato facile e a buon mercato da mantenere, producendo nel contempo naturalmente zero emissioni.

Fra un periodo di utilizzazione e l'altro, la macchina può essere ricaricata da un trasformatore situato a bordo, oltre al fatto che l'autista del trattore è in grado di dire quando occorre che la batteria dev'essere ricaricata grazie ad un sistema di monitoraggio della batteria che mostra l'esatto stato della carica.

Gina Lopez, vice presidente trattori terminalistici della Kalmar, ha offerto ulteriori informazioni.

"Dato che le regole relative alle emissioni dei veicoli diventano sempre più rigorose, sempre più aziende sono alla ricerca di alternative all'equipaggiamento per la movimentazione di contenitori e rimorchi alimentato a diesel" conferma.

Le più notevoli innovazioni tecnologiche dei trattori per rimorchi multipli sono state, a detta della Lopez, "la commercializzazione dei sistemi di trazione del tutto elettrici, le dimostrazioni di avanzate tecnologie di ricarica come il caricabatteria rapido a corrente diretta e a ricarica induttiva, nonché le dimostrazioni dei trattori automatizzati".

Anche i motori dei trattori per rimorchi multipli Terberg prendono in attenta considerazione l'impatto sull'ambiente, con l'implementazione in atto della gamma di motori Stage V, come conferma Frank Oerlemans, direttore esportazioni della Terberg.

"Quando costruiamo i nostri trattori per rimorchi multipli (sulla base della nostra normale gamma di trattori) ci si approfitta immediatamente del continuo miglioramento della nostra gamma di prodotti.

In questo momento stiamo implementando la gamma di motori Stage V che noi riteniamo siano la migliore soluzione per il nostro ambiente".

Più in dettaglio, la Terberg utilizza il gancio a barra di trazione per carichi pesanti per collegare i rimorchi con connessione automatica al sistema frenante ed a quello elettrico.

L'autista può restare in cabina quando si aggancia ad un convoglio MTS.

"Questo sistema è stato recentemente rinnovato" spiega Oerlemans.

"Il rinnovamento consiste nel modo in cui il gancio è montato al telaio del trattore.

Ciò consente un migliore allineamento con la barra di trazione del rimorchio per un aggancio/sgancio senza problemi dei rimorchi in ogni momento.

Inoltre, la parte elettrica è ora connessa con la tecnologia Canbus nei trattori".

Il trattore per rimorchi multipli offre una vasta gamma di vantaggi per i porti.

Il rapporto della Transparency Market Research sottolinea come i trattori per rimorchi terminalistici presentino un certo numero di vantaggi, fra cui una buona visibilità, una buona configurazione della trasmissione ed una buona visibilità.

Con vantaggi come questi, i porti possono trarne notevoli risultati nel corso delle operazioni quotidiane di trasporto dei carichi.

Il Mol CY Multi Trailer Truck, ad esempio, offre maggiori livelli di efficienza.

Progettato per trainare fino a cinque rimorchi, il Mol CY Multi Trailer Truck può accogliere un peso massimo di 350 tonnellate, facendo risparmiare agli operatori portuali il tempo in più nel trasporto dei carichi.

Il camion trae inoltre vantaggio dall'agganciamento automatico che consente un abbinamento meccanico e pneumatico elettrico con i convogli di rimorchi.

Gina Lopez della Kalmar afferma che i principali vantaggi correlati ai porti dei rimorchi multipli e dei trattori per convogli di rimorchi sono la flessibilità ed il risparmio sui costi, specialmente "in relazione all'uso dell'equipaggiamento ed al costo di un trattore rispetto ai più costosi veicoli su strada ed alle gru mobili".

Frank Oerlemans spiega che quanti più rimorchi sono collegati al trattori, tanti più contenitori può trasportare un autista: questo significa che lo stesso compito può essere espletato da meno persone.

Oltre a questo, Oerlemans osserva che i convogli MTS diventano più interessanti quando le distanze sono più lunghe.

"C'è sempre un numero ottimale nel quantitativo di TEU da movimentare in ogni località.

Ci sono a disposizione convogli MTS da 4 a 10 TEU.

Nel Rail Service Centre di Rotterdam, si utilizzano questi convogli MTS con quattro rimorchi (8 TEU) sin dal 1993.

Lì sganciano i rimorchi sotto la gru, di modo che l'autista non deve aspettare che il suo convoglio MTS vanga caricato.

Ciò risulta in una migliore efficienza dei trattori e degli autisti".

Rispetto ai vantaggi relativi alla sicurezza personale, i trattori per rimorchi multipli e per convogli di rimorchi vogliono dire che non c'è necessità di interazione con le gru.

"Il maggior vantaggio è che le modalità di trasporto terrestre non necessitano di interfacciarsi con le gru, cosa che tiene fuori dalle banchine l'equipaggiamento destinato ad operazioni non portuali" afferma Gina Lopez.

Frank Oerlemans aggiunge che i principali vantaggi in termini di sicurezza personale degli odierni trattori per rimorchi multipli consistono nel fatto che c'è un sacco di gente in meno a lavorare nel terminal.

"Con meno gente, anche i rischi di incidenti o lesioni sono minori.

La guida di un convoglio MTS non consente accelerazioni rapide, rendendo così più sicuro il lavoro.

"Questo significa che il lavoro viene sempre eseguito con più attenzione, specialmente perché la fretta e la velocità sostenuta in curva non sono possibili.

Il sistema sterzante dei nostri trattori viene automaticamente limitato quando un convoglio MTS viene collegato.

L'autista non può sterzare per errore se una curva è troppo stretta.

Tutti i rimorchi sono dotati di freni, di modo che le fermate d'emergenza non richiedono una distanza maggiore rispetto ad una normale combinazione corta di trattore e rimorchio".

Con il rapporto della Transparency Market Research che prevede un futuro positivo per il trattore per rimorchio, non sorprende che queste unità continuino ad essere popolari.

Le soluzioni ad alimentazione elettrica e a basse emissioni, unitamente alle elevate capacità di peso di traino ed ai maggiori comodità e spazio per l'autista: tutto questo contribuisce al continuo gradimento.

Il potenziale di ulteriore sviluppo come l'automazione (v. la sottostante sezione Risposte automatiche) offre ulteriore interesse, come conclude Gina Lopez.

"La commercializzazione delle avanzate tecnologie di ricarica e l'automazione stanno senza dubbio facendo il loro ingresso nel nostro settore nel prossimo futuro".

"Di sicuro, nel caso della Terberg, i porti continueranno a trarre vantaggio dagli ultimi sviluppi nella normale gamma di trattori" aggiunge Frank Oerlemans.

"Inoltre, è probabile che anche le soluzioni automatizzate si faranno strada nei trattori MTS".

Risposte automatiche

L'interesse per i veicoli per rimorchi automatizzati sta crescendo.

Diversi porti di tutto il mondo hanno sottoposto a collaudi camion e trattori senza autista.

Ad esempio la società di robotica cinese TuSimple ha in programma la messa in opera di 20 veicoli a guida autonoma presso il porto cinese di Caofeidian che è la sede di terminal container da 300.000 TEU.

La TuSimple sta sviluppando software ed equipaggiamento a guida autonoma che possono essere utilizzati con trattori per rimorchi e camion di altri produttori, con un sistema in grado di gestire la maggior parte dei compiti di guida sia in modo indipendente che su autostrade ad accesso controllato.

Nel contempo, il veicolo autonomo della Volvo, una unità trattore completamente elettrica denominata 'Vera', è stata utilizzata per il trasporto di carichi dal centro logistico DFDS all'impianto della APM Terminals presso il porto di Göteborg in Svezia.

Il veicolo 'Vera' effettua operazioni attraverso un centro di controllo centrale che si connette ad una interfaccia nella nuvola in grado di monitorare importanti aspetti della localizzazione, del livello della batteria e del contenuto del carico.

Il veicolo è progettato per essere compatibile con altri rimorchi.

Tuttavia l'unità 'Vera' è in grado di viaggiare solo ad una velocità di circa 25 miglia all'ora ed è stata progettata per movimentare operazioni ripetitive su distanze più brevi.

Chiaramente, l'automazione continua a contribuire a spingere avanti il settore dei veicoli per rimorchi.

I veicoli a guida autonoma possono offrire vantaggi per i porti, come il più elevato livello di sicurezza, la convenienza e la flessibilità e con l'accesso online alla Nuvola un gruppo operativo di un porto può monitorare i progressi del veicolo da una località distante e sicura.
(da: portstrategy.com, 27 settembre 2019)



PSA Genova Pra' Salerno Container Terminal Logistics Solution
Vincenzo Miele    


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail