ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

17 novembre 2019 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 18:11 GMT+1



CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERS ANNO XXXVII - Numero 31 OTTOBRE 2019

TRASPORTO INTERMODALE

LA SOLUZIONE DELL'ASSAI CONTROVERSA QUESTIONE CAMION CONTRO TRENO

Qual è più veloce?

Il treno o il camion per andare in Cina?

La risposta dipenderà dai punti di vista e quindi le diverse parti esprimono pareri variabili in ordine alla controversa questione treno contro camion per la direttrice da e verso la Cina.

In verità, la velocità del viaggio è più o meno la stessa.

Il vantaggio del camion sta nella consegna all'ultimo miglio, sottolinea Viacheslav Vikentyev della Delegazione Permanente per l'Eurasia dell'IRU.

L'IRU è un'organizzazione dell'autotrasporto globale appassionatamente coinvolta nelle iniziative per la ristrutturazione della Nuova Via della Seta.

"Quando i primi treni giunsero a Duisburg dalla Cina si trattava di un evento rivoluzionario.

Ora ci sono migliaia di treni lungo questa tratta.

Il prossimo passo è quello di diversificare il modo in cui le merci vengono spedite fra questi continenti" afferma Vikentyev.

Il 27 novembre Vikentyev parlerà in ordine a questo argomento in occasione dell'European Silk Road Summit.

Si riporta di seguito un'anteprima della sua presentazione.

Camion contro treno

A novembre del 2018, la Alblas Int. Transport ha organizzato un viaggio su strada da Khorgos (al confine con il Kazakhistan) alla città polacca di Slubice in 13 giorni.

Secondo Vikentyev un viaggio dallo stesso posto alla volta della Spagna potrebbe essere completato in 17-18 giorni.

In confronto, un viaggio da Xi'an nella Cina orientale a Mannheim in Germania viene effettuato in 15 giorni.

"In termini di velocità, il camion e il treno sono più o meno la stessa cosa.

Sono entrambi sicuramente più rapidi del trasporto via mare.

Ma il vantaggio del camion consiste nel fatto che esso assicura servizi da porta a porta di modo che non c'è necessità di trasbordo.

E questo può essere assai interessante per certe tipologie di prodotto" afferma il rappresentante dell'IRU.

I vantaggi dei TIR

Quest'anno, il governo cinese ha aperto tutti i suoi punti di controllo al trasporto internazionale su strada TIR.

È successo il 25 giugno.

Il TIR (Transport International Routiers) è un sistema di transito doganale e di garanzia internazionale applicabile a livello globale che consente alle merci di essere spedite da un paese di partenza, attraverso paesi di transito, alla volta di un paese di destinazione in vani di carico sigillati.

Con il TIR, il carico non dev'essere sottoposto a verifica o tirato fuori nel corso del viaggio.

Ciò significa che un trasporto camionistico può essere effettuato da un singolo autista dall'inizio alla fine.

Questo può far risparmiare un notevole quantitativo di tempo e denaro poiché non lo si perde a causa delle lunghe attese alle frontiere.

Questi vantaggi dei TIR sono ora disponibili per le tratte da e per la Cina, spiega Vikentyev.

Sorprendente

"Per la prima volta, ci sono stati autisti stranieri in Cina.

Tutto ciò è davvero una novità".

A marzo è stato effettuato un viaggio pilota con camion stranieri che hanno fatto ingresso in profondità nel territorio della Cina.

Dall'inizio dell'estate sono stati effettuati 250 viaggi da paesi come la Russia, la Polonia, la Germania, il Kazakhistan e la Turchia.

Ma le operazioni non sono state completamente prive di problemi, ci sono ancora ostacoli sulla strada.

"Poiché il TIR è una novità in questa parte del mondo, non tutti sono bene informati.

Qualcuno non conosce le nuove possibilità che hanno dinanzi a loro.

I camionisti vengono spesso fermati dalle autorità cinesi.

Gli ci vogliono uno o due giorni per chiarire se la spedizione è permessa.

Tali barriere devono essere rimosse se si vuole riuscire.

Al fine di farlo, abbiamo bisogno di far accrescere la consapevolezza".

Ambiente

È un momento problematico perché il settore del trasporto stradale possa dire di stare per immettere più camion sulle strade.

A causa dell'impatto ambientale dell'autotrasporto, il settore è sotto pressione e quello del trasporto merci ferroviario richiede il dirottamento dei traffici alla ferrovia.

Ma ci sarà sempre una domanda di trasporto su camion, afferma Vikentyev.

"La gente vorrà sempre pagare per consegne da porta a porta, specialmente quando si tratta di prodotti che richiedono consegne rapide e sicure.

Tuttavia i camion non subentreranno completamente al trasporto ferroviario di merci nel corridoio fra Europa e Cina" afferma il rappresentante dell'IRU.

"Queste modalità si integreranno a vicenda.

I traffici fra Cina ed Unione Europea hanno ora passato il segno dei 500 miliardi di dollari e ci si aspetta che raggiungano gli 800 miliardi di dollari entro il 2020, con una quota di traffico merci prossima ai 170 milioni di tonnellate.

A causa delle congestioni nelle rotte marittime e nei porti, i corridoi di trasporto terrestre eurasiatici potrebbero raggiungere l'8-10% dei traffici merci Cina-Unione Europea".

L'European Silk Road Summit

Si vuole saperne di più ascoltando la relazione di Viacheslav Vikentyev su questo argomento?

L'European Silk Road Summit si svolgerà dal 26 al 27 novembre a Venlo nei Paesi Bassi.

Le registrazioni per la partecipazione all'evento sono aperte.

Il programma dell'evento può trovarsi consultando il sito:
https://www.silkroadsummit.eu/programme/
(da: railfreight.com, 15 ottobre 2019)



PSA Genova Pra' Salerno Container Terminal Logistics Solution
Vincenzo Miele    


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail