ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

20 febbraio 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 13:23 GMT+1



CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERS ANNO XXXVII - Numero 15 DICEMBRE 2019

TRASPORTO STRADALE

LA TAPA IN CERCA DI UN COLLOQUIO CON BRUXELLES SUGLI STANDARD DI PARCHEGGIO DEI CAMION

La TAPA (Transported Asset Protection Association) sta esortando la Commissione Europea ad "ascoltare le voci di acquirenti e responsabili delle decisioni" per indirizzare la crescita dei nuovi SSTPA (standard delle aree di parcheggio sicure e protette per i camion) dell'Unione Europea, in quanto i furti dei carichi sui camion registrati in Europa hanno battuto tutti i precedenti record nel 2019.

L'associazione ha affermato che data la mancanza di parcheggi sicuri "che rappresentano ora la più grande minaccia alla sicurezza e protezione dei conducenti, dei camion e delle merci in Europa", la TAPA è "pronta a portare la sua esperienza di oltre 20 anni nella supervisione di programmi di certificazione di successo al tavolo di discussione per garantire alle aziende l'accesso e la fiducia in una soluzione solida ed economica".

Allineando il proprio standard settoriale in materia di requisiti di sicurezza dei parcheggi (PSR) in rapida crescita con il programma emergente dell'Unione Europa, l'associazione ha affermato che "aiuterà la Commissione ad accelerare la crescita di parcheggi sicuri e protetti in Europa ed a eliminare qualsiasi confusione nel settore tra i due standard.

Nel chiedere un dialogo costruttivo con la Commissione, la TAPA propone di adattare il proprio PSR per soddisfare i requisiti fondamentali degli SSTPA, pur mantenendo i metodi di controllo esistenti e comprovati dell'associazione che da oltre due decenni supportano strutture, autotrasporto e certificazioni di parcheggio sicure per il settore".

Thorsten Neumann, presidente ed amministratore delegato della TAPA per la regione Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA), ha commentato: "Non stiamo cercando di competere con gli SSTPSA dell'Unione Europea; vogliamo semplicemente aggiungergli valore.

In qualità di associazione all'avanguardia per la sicurezza della filiera distributiva per produttori e fornitori di servizi logistici, rappresentiamo gli acquirenti di parcheggi sicuri e i responsabili delle decisioni.

"Nel PSR, abbiamo sviluppato uno standard che è stato creato dal settore per il settore e viene già utilizzato in 53 aree di parcheggio che offrono oltre 5.000 parcheggi sicuri in 10 paesi.

Entro la fine del 2020, ci aspettiamo di avere 80 siti certificati PSR e di aver messo a punto l'infrastruttura e l'esperienza per fornire un supporto completo alla certificazione da capo a piedi per il settore".

Continua Neumann: "La TAPA ha svolto un ruolo attivo nel sostenere lo standard di parcheggio sicuro e protetto della Commissione, ma riconosciamo anche che le aziende sono caute perché il progetto LABEL dell'Unione Europea, il predecessore degli SSTPA, non è riuscito ad attrarre molti siti di parcheggio e le certificazioni non sono state mantenute.

La nostra soluzione si basa su questa realtà aziendale così come sulla nostra conoscenza di ciò che i clienti dei parcheggi sicuri accetteranno.

"Supportiamo tutte le iniziative, gli standard e i requisiti normativi che promuovono la sicurezza e la protezione delle persone, delle merci, delle attrezzature e dei servizi nella filiera distributiva globale purché siano accessibili, facili da adottare, adatti allo scopo e sostenibili.

Noi speriamo che i rappresentanti della Commissione facciano un passo avanti per parlare con noi al fine di realizzare un vero cambiamento nel parcheggio sicuro in Europa. "

La TAPA collabora già con successo con il LANDSEC dell'Unione Europea per supportare i suoi obiettivi di sicurezza.

"Riteniamo con fiducia che uno standard TAPA PSR reciprocamente riconosciuto, in linea con lo standard SSTPA dell'Unione Europa, riceverà un ampio supporto dal settore perché non ha senso avere standard separati", ha aggiunto Neumann.

"La proposta che stiamo formulando offre garanzie agli acquirenti di parcheggi sicuri e agli operatori di parcheggi perché include la comprovata capacità della TAPA di amministrare e far crescere programmi di certificazione indipendenti insieme ai requisiti dell'Unione Europea".

La soluzione della TAPA è delineata nel suo nuovo Documento Programmatico sul 'Supporto per il parcheggio dei camion negli Stati membri dell'Unione Europea'.

La ricerca del Parlamento Europeo ha precedentemente stimato che i reati relativi ai carichi commessi in Europa costano alle imprese circa 8,2 miliardi di euro l'anno.

Nei primi 11 mesi del 2019, l'IIS (Incident Information Service) della TAPA ha registrato oltre 3.500 furti di merci da camion parcheggiati in siti non classificati nella regione EMEA, e i furti di merci registrati da camion in Europa hanno battuto tutti i precedenti record nel 2019 - in base ai reati inerenti al carico denunciati all'IIS (Incident Information Service) della TAPA nella regione EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa).

Il numero di reati registrati nell'IIS della TAPA è aumentato ogni anno negli ultimi cinque o più anni.

Il 2018 è stato il precedente numero più alto di reati registrati - con il Rapporto Annuale IIS 2018 della TAPA che riporta 3.981 incidenti nella regione EMEA, in crescita del 38,2% rispetto al 2017.

Nei primi nove mesi del 2019, i rapporti trimestrali dell'associazione hanno già pubblicato 4.783 incidenti, superando già facilmente il record dell'anno scorso.

La TAPA ritiene che le informazioni sulla stragrande maggioranza degli incidenti non vengano ancora acquisite.
(da: lloydsloadinglist.com, 4 dicembre 2019)



PSA Genova Pra'


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail