ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

18 décembre 2018 Le quotidien en ligne pour les opérateurs et les usagers du transport 17:55 GMT+1




Marino Abbo

Tommaso Affinita

Amici della Terra

The Alliance of Maritime Regional Interests in Europe

A.N.CA.NA.P.

Corrado Antonini

Eleuterio Arcese

Associazione Spedizionieri Corrieri e Trasportatori di Genova

Autorità portuale di Genova

Autorità portuale di Savona - Vado

Bartolomeo Barberis

Barry Rogliano Salles

Giuseppe Bernardi

Gian Piero Bertoglio

Claudio Burlando

Fabio Capocaccia

Sandro Carena

Censis

Giovanni Cerruti

Paolo Clerici

CNEL

Nicola Coccia

Confitarma

Conseil National des Transports - France

Consulta Generale per l'Autotrasporto e per la Logistica

Paolo Costa

Antonio Cosulich

Cour des comptes
République Française

Enrico Cutillo

Luigi D'Amato

Antonio D'Amico

Paolo d'Amico

Danish Shipowners' Association

Gian Enzo Duci

Giulio Ercolessi

Eurispes

European Commission

European Community Shipowners' Associations

European Federation of Inland Ports

European Sea Ports Organisation

Giorgio Fanfani

Maurizio Fasce

Federal Maritime Commission

Federazione Nazionale degli Spedizionieri

FILT-CGIL, FIT-CISL e UILTrasporti

Fausto Forti

Giorgio Fossa

Filippo Gallo

Gigi Gallo

Sebastiano Gattorno

Giorgio Giaccardi

Mario Giusfredi

Aldo Grimaldi

Emanuele Grimaldi

Inail

Institute of Transport and Maritime Management Antwerp

Ipsema

ISEMAR

Neil Kinnock

Paul Kyprianou

Alessandro Laghezza

Piero Lazzeri

Yigal Maor

Nereo Marcucci

Mario Mattioli

Gianni Migliorino

Ministero dei Trasporti e della Navigazione

Giorgio Mitolo

Giovanni Montanari

Pasqualino Monti

Gianni Moscherini

Enrico Musso

Guido Nasta

Luigi Negri

Francesco Nerli

Giovanni Novi

Ocean Shipping Consultants

Roberta Oliaro

Alessandra Orsero

Michele Pappalardo

Parlement Européen

Luigi Perissich

Sandro Petriccione

Alessandro Pitto

Raimondo Pollastrini

Romano Prodi

Giovanni Ravano

Rép. Française
Ministère de l'Écologie

Luigi Robba

Nicolas Sartini

Gianfranco Sartirana

Enrico Scerni

Giulio Schenone

Valentina Schiavi

SIG-2

Mario Sommariva

Roberto Speciale

Tavolo delle Regioni e Province Autonome

Tirrenia

Alfredo Tosato

Paul Tourret

Manlio Trotta

Under 50

Unione Interporti Riuniti

The World Bank Group

World Shipping Council

World Trade Organization

 
Confederazione Italiana Armatori

Relazione del presidente
Mario Mattioli

Roma, 30 ottobre 2018

Signor Ministro, Onorevoli parlamentari, Signor Presidente di Confindustria, Autorità, Colleghi armatori e rappresentanti del cluster marittimo, Signore e Signori, studenti e cadetti, grazie di essere qui.

Non vi nascondo l'emozione nel prendere la parola in questa mia prima Assemblea pubblica da presidente di Confitarma.

Signor Ministro, so che dovrà lasciare i nostri lavori prima del previsto perché impegnato in Parlamento proprio sulla definizione del "decreto Genova".

Le riassumo quindi i passaggi principali della mia relazione, che le lascio comunque nella sua interezza, così come avremmo voluto commentarla insieme oggi.

Signor Ministro, proprio per questo ci tengo particolarmente a ringraziarla per la disponibilità e lo spazio che ci sta dedicando nonostante i sopraggiunti impegni istituzionali odierni.

Lei sa che siamo la casa dell'industria armatoriale italiana da ben 117 anni, riconosciuti come primario interlocutore in tutte le sedi istituzionali in cui si parla di shipping, e sono orgoglioso di aver ufficializzato la scorsa settimana il rientro in Confitarma di una realtà che, con tre Presidenti, ha contribuito alla storia e al successo di Confitarma e della marineria italiana negli ultimi decenni.

Questo è un successo dell'associazionismo! Un tema su cui si è concentrata una parte importante della mia azione in questo primo anno di mandato.


Un Paese che deve tornare a sentirsi marittimo

Lo dico con forza: dobbiamo risvegliare la cultura marittima del nostro Paese, dobbiamo tornare a considerarci un Paese marittimo!

Oggi, Signor Ministro, una componente dell'economia nazionale così importante è governata da una sola Direzione Generale all'interno del Suo Ministero. Direzione che voglio ringraziare per la disponibilità, lo spirito di collaborazione e l'abnegazione dimostrata nell'affrontare i tanti problemi, pur operando sotto organico.

Signor Ministro, ridiamo al Comparto Marittimo una governance dedicata per accentuare il ruolo di volano di sviluppo per il nostro Paese! È una scelta che non può essere più rimandata.


Ruolo del settore marittimo

Il cluster rappresenta oltre il 2% del PIL nazionale complessivo e il 3,5% della componente non statale, dando lavoro a quasi 500mila persone.

Questi sono i numeri che danno forza e sostanza alla nostra richiesta di maggiore attenzione verso un settore che in Italia acquista dal resto dell'economia 20 miliardi di Euro l'anno di beni e servizi e il cui valore aggiunto per addetto è uno dei più elevati.

Nel 2017, circa il 60% delle merci importate e il 50% di quelle esportate dall'Italia sono transitate via mare.

Le navi portarinfuse e petroliere sono indispensabili non solo per alimentare la produzione e lo sviluppo del Paese, in particolare dell'industria manifatturiera, ma anche per la vita quotidiana di tutti noi.

L'Italia è anche il principale mercato crocieristico d'Europa.

Il settore del turismo italiano può contare anche sulla più grande flotta di traghetti al mondo, e su una vasta e articolata rete di collegamenti, le Autostrade del Mare.

Il mare è importante: dalla fine degli anni ‘80, in attuazione degli orientamenti comunitari in materia di aiuti di Stato ai trasporti marittimi, gli Stati dell'Unione Europea offrono alle proprie flotte agevolazioni di natura operativa, contributiva e fiscale. Ciò al fine di renderle competitive rispetto a quelle dei Paesi a bassa o zero fiscalità.


Il Registro Internazionale

In Italia questa strategia è stata attuata con il Registro Internazionale, che quest'anno compie vent'anni dalla sua istituzione avvenuta con la legge n. 30 del 1998.

In vent'anni la nostra flotta si è rinnovata qualitativamente ed è di fatto raddoppiata: da circa 8,5 milioni di tonnellate di stazza siamo passati a fine 2017 a 16,3 milioni di tonnellate, nonostante il periodo difficile vissuto negli ultimi dieci anni.

Siamo tra le prime quattro flotte dei grandi Paesi riuniti nel G20, con posizioni di leadership o di assoluto rilievo nei settori più sofisticati, quali unità Ro-Ro, navi da crociera, navi per prodotti chimici e petroliferi.

Lo ribadisco: senza il Registro Internazionale oggi non saremmo qui a parlare dei successi della nostra flotta mercantile.

Parlo delle navi di bandiera italiana, non delle imprese armatoriali: queste, infatti, continuerebbero ad operare creando ricchezza altrove.

Signor Ministro, ricordo che dal 1998 ad oggi, sulle navi che svolgono traffici internazionali e cabotaggio sopra le 100 miglia, l'occupazione italiana e comunitaria è più che raddoppiata.

Grazie al Registro Internazionale, oggi la bandiera italiana si colloca al primo posto nel mondo per numero di marittimi italiani e comunitari occupati, pari nel 2017 a circa 38mila, oltre a 8.500 occupati a terra.

Questi numeri dimostrano che la facoltà data dalla legge di poter imbarcare su alcune delle nostre navi anche marittimi extracomunitari garantisce sia la competitività della nostra flotta di bandiera che l'imbarco di un numero elevato di marittimi italiani e comunitari.

Ridurre o limitare i benefici del Registro Internazionale sarebbe controproducente nonché in controtendenza rispetto a quanto si registra a livello europeo.

Signor Ministro, a suo tempo noi armatori abbiamo preso un impegno con il Paese. L'abbiamo mantenuto e vogliamo continuare a mantenerlo.


Leggi obsolete e sburocratizzazione

Dovremmo invece aumentare la competitività della nostra flotta che, nonostante il Registro Internazionale, resta ancora frenata da una serie di norme ormai desuete.

Basti citare il caso del decreto del 1895, ancora in vigore, in materia di sanità marittima.

Sono normative pensate per un mondo che andava ancora a vela e a carbone e non per le navi di oggi, moderni stabilimenti industriali altamente tecnologici.

La semplificazione delle norme e della burocrazia, la digitalizzazione del settore - tema, Signor Ministro, che so essere molto caro a Lei, come anche al mondo confindustriale - l'ammodernamento di alcune "particolarità italiane" sono ormai indifferibili perché incidono sulla nostra competitività.

Signor Ministro, lavoriamo insieme - Amministrazione e industria armatoriale - per migliorare ancora la nostra bandiera, rendendola ...
. . . [ suite ]   


ARCHIVES

  • 14 maggio 2018:
    Spediporto
    Relazione del presidente Alessandro Pitto

  • 22 ottobre 2015:
    Confitarma
    Relazione del Presidente, Emanuele Grimaldi all'assemblea

  • 27 marzo 2015:
    ISoMAR
    SPEDIPORTO
    Associazione Spedizionieri del Porto di La Spezia
    Assemblea generale congiunta: "La Liguria che fa sistema"

  • 15 ottobre 2014:
    Confitarma
    Relazione del Presidente, Emanuele Grimaldi all'assemblea

  • 20 giugno 2014:
    Federaagenti
    Relazione del presidente Michele Pappalardo all'assemblea generale dell'associazione

  • 31 marzo 2014:
    Assagenti
    Spediporto
    Relazione dei Presidenti, Gian Enzo Duci e Maurizio Fasce

  • 29 ottobre 2013:
    Assoporti
    Relazione del presidente Pasqualino Monti all'assemblea generale dell'associazione

  • 18 maggio 2013:
    ANITA
    Relazione all'assemblea del presidente, Eleuterio Arcese

  • 25 marzo 2013:
    Spediporto
    Relazione all'assemblea della presidente Roberta Oliaro

  • 18 luglio 2012:
    Assonave
    Relazione del presidente Corrado Antonini all'assemblea

  • 18 luglio 2012:
    Assoporti
    Relazione del presidente Francesco Nerli all'assemblea generale dell'associazione

  • giugno 2012:
    Comitato delle Compagnie di Assicurazioni Marittime di Genova
    Relazione del presidente Bartolomeo Barberis

  • 15 giugno 2012:
    Alfredo Tosato
    Relazione all'assemblea dell'ANPAN

  • 20 aprile 2012:
    Giovanni Cerruti
    Relazione all'assemblea di Assagenti

  • 28 marzo 2012:
    Spediporto
    Relazione all'assemblea della presidente Roberta Oliaro

  • 25 gennaio 2012:
    Francesco Nerli
    Intervento del presidente di Assoporti alla conferenza Meseuro

  • 23 maggio 2011:
    Giovanni Cerruti
    Relazione all'assemblea di Assagenti

  • 18 maggio 2011:
    European Sea Ports Organisation
    European Federation of Inland Ports
    The Review of the First Railway Package
    Joint Position Paper

  • 8 aprile 2011:
    Alfredo Tosato
    Relazione all'assemblea dell'ANPAN

  • 28 marzo 2011:
    Spediporto
    Relazione all'assemblea della presidente Roberta Oliaro

  • 1 febbraio 2011:
    Confetra
    66ª Assemblea
    Relazione del Presidente Fausto Forti

  • 2 dicembre 2010:
    Consulta Generale per l'Autotrasporto e per la Logistica
    Le Linee Politiche del Piano Nazionale della Logistica

  • 1 dicembre 2010:
    Unione Interporti Riuniti
    Interporti: le premesse per fare una logistica d'eccellenza

  • 30 novembre 2010:
    INAIL
    Analisi degli infortuni nel comparto marittimo. Anno 2009

  • settembre 2010:
    Unione Interporti Riuniti
    Primi elementi per il nuovo Piano Nazionale della Logistica

  • settembre 2010:
    EURISPES
    Cagliari, Gioia Tauro e Taranto: 60 milioni di euro in 5 anni per salvare più di 9.000 posti di lavoro a rischio

  • 28 maggio 2010 :
    Filippo Gallo
    Relazione del presidente all'assemblea di Federagenti

  • 20 maggio 2010 :
    Giovanni Cerruti
    Relazione all'assemblea dell'Associazione Agenti Raccomandatari Mediatori Marittimi Agenti Aerei - Genova

  • aprile 2010:
    ANPAN
    Relazione del Consiglio Direttivo presentata dal Presidente Alfredo Tosato

  • aprile 2010:
    Paolo Costa
    Venezia: inaugurazione dell'Anno Portuale

  • marzo 2010:
    Spediporto
    Relazione all'assemblea della presidente Roberta Oliaro

  • marzo 2010:
    Confitarma
    Relazione del presidente eletto Paolo d'Amico

  • marzo 2010:
    Confitarma
    Relazione del presidente uscente Nicola Coccia

  • dicembre 2009:
    World Shipping Council
    Valuation of the Liner Shipping Industry. Economic Contribution and Liner Industry Operations

  • settembre 2009 :
    World Shipping Council
    The Liner Shipping Industry and Carbon Emissions Policy

  • 10 giugno 2009 :
    Giovanni Cerruti
    Relazione all'assemblea dell'Associazione Agenti Raccomandatari Mediatori Marittimi Agenti Aerei - Genova

  • 30 marzo 2009 :
    Associazione Spedizionieri Corrieri e Trasportatori di Genova
    Relazione morale del Consiglio Direttivo

  • 8 luglio 2008:
    Nicola Coccia
    Relazione all'assemblea della CONFITARMA - Confederazione Italiana Armatori

  • aprile 2008:
    Autorità Portuale di Genova
    Piano Operativo Triennale 2008-2010

  • 31 marzo 2008:
    Associazione Spedizionieri Corrieri e Trasportatori di Genova
    Relazione morale del Consiglio Direttivo

  • marzo 2008:
    ECSA
    European Community Shipowners' Associations
    Annual Report 2006-2007

  • 15 gennaio 2008:
    Ministère de l'Écologie, de l'Energie, du Développement durable et de l'Aménagement du territoire - République Française
    Réforme des ports

    [ INDEX ]

  • ABB Marine Solutions


    Rechercher des hôtels
    Destination
    Date d'arrivée
    Date de départ
    Index Première Page

    - Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Gênes - ITALIE
    tél.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail