ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

20 agosto 2018 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 17:10 GMT+2



7 febbraio 2018

Polichetti e Novella vice presidenti delle commissioni Porti e Infrastrutture e Navigazione Oceanica di Confitarma

Prese in esame le principali tematiche di pertinenza

Nuove nomine in seno alla Confederazione Italiana Armatori (Confitarma), con la carica di vice presidente della Commissione Porti e Infrastrutture assegnata a Gianpaolo Polichetti e quella di vice presidente della Commissione Navigazione Oceanica a Valeria Novella che è stata nominata anche presidente del Gruppo di Lavoro Operatività Nave.

«Come hanno già fatto i miei predecessori - ha spiegato il presidente della Commissione Porti e Infrastrutture, Mario Mattioli, e presidente della Confitarma - ho assunto ad interim la presidenza di questa Commissione che affido alla guida di Gianpaolo Polichetti. L'indicazione di massima che ho voluto dare alla Commissione è quella di lavorare per aiutare concretamente il nostro sistema portuale a colmare il gap culturale che ancora oggi esiste e che pone distanze incolmabili con i porti del Nord Europa. Credo che anche gli armatori possano fare la loro parte affinché il nostro sistema portuale sia decisamente più efficiente. Sono sempre più convinto che navi e porti abbiano bisogno di un ministero dedicato alle tematiche del mare, che possa operare in sinergia con un ministero dei trasporti competente per le infrastrutture».

Ieri, dopo la nomina di Polichetti, la Commissione Porti e Infrastrutture ha fatto il punto sulle principali tematiche portuali, a cominciare dall'atteso decreto legislativo correttivo della legge n.84 del 1994. Particolare attenzione è stata dedicata alla nuova proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa agli impianti portuali di raccolta per il conferimento dei rifiuti delle navi. A tal proposito sono emerse perplessità in merito all'ottenimento, da parte delle navi in servizio di linea regolare, delle previste esenzioni in quanto queste sono condizionate dall'accettazione da parte di tutti i porti scalati lungo la rotta dell'accordo sottoscritto dall'armatore con il fornitore del servizio nel porto in cui avviene il conferimento. È stato rilevato che, a causa di tale condizione, il regime delle esenzioni rischia di essere del tutto vanificato e per tale motivo Confitarma si è già attivata presso le istituzioni per proporre una modifica della norma in sede di adozione della direttiva europea.

Dalla discussione è poi emersa l'esigenza dell'armamento di procedere in tempi rapidi all'estensione del servizio di pilotaggio in VHF nei porti italiani al fine di evitare di dover ricorrere a misure alternative sulla falsariga di quanto già avviene negli altri paesi europei.

Ieri inoltre, dopo la nomina di Novella, la Commissione Navigazione Oceanica ha analizzato i vari aspetti della sicurezza della navigazione con particolare attenzione alla crisi migratoria nel Mediterraneo, alla cyber secutity, e al fenomeno della pirateria. In particolare su questo tema è stata sottolineata l'urgenza che la revisione del decreto ministeriale 266/2012, concernente l'imbarco dei contractors, venga firmata dai due ministri degli Interni e delle Infrastrutture e Trasporti.

In materia di sicurezza marittima, sono stati invitati a partecipare ai lavori della Commissione il professor Andrea Margelletti, presidente del Ce.S.I. - Centro Studi Internazionali e consigliere strategico del ministro della Difesa, il comandante Giuseppe Pasquino, capo Nucleo Traffico Mercantile/NCAGS di CINCNAV, il comandante Mario Esposito Montefusco del 6° Reparto Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, il comandante Alessandro Morosini del 3° Reparto Stato Maggiore Marina, e il generale Marco Angeloni della Guardia di Finanza.

Il comandante Pasquino ha fatto il punto sulle attività del Naval Co-operation and Guidance for Shipping (NCAGS) illustrando le procedure e le pratiche attuative per la collaborazione e lo scambio di informazioni tra armamento e Marina Militare, sia in periodo di pace che di guerra o in situazioni di pericolo per la navigazione. Il professor Margelletti ha parlato dei possibili scenari futuri nell'area del cosiddetto Mediterraneo allargato che inevitabilmente risentirà di due fattori importanti, e cioè l'apertura delle rotte artiche e la nuova via della seta. Fattori che oltre ad incidere sui traffici marittimi mondiali avranno ripercussioni sulla maritime security.

«La nostra Commissione - ha commentato il presidente della Commissione Navigazione Oceanica, Carlo Cameli - continuerà a monitorare l'impianto normativo del Registro Internazionale anche in stretto rapporto con la Commissione Finanza e Diritto d'Impresa e con il Gruppo Giovani Armatori. Per quanto riguarda i temi della sicurezza proseguiremo la stretta e proficua collaborazione con le autorità militari e le istituzioni. Particolare attenzione verrà data al cyber risk, partecipando anche alle discussioni nelle più importanti sedi internazionali quali ad esempio il Bimco e l'Intertanko, dove siamo presenti ai massimi livelli».

Vincenzo Miele
ABB Marine Solutions
Consorzio ZAI

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail