ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

18 dicembre 2018 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 18:12 GMT+1



2 ottobre 2018

Ad agosto, mese funestato dal crollo di Ponte Morandi, il traffico delle merci nel porto di Genova è diminuito del -15,4%

Decisa riduzione dell'attività in tutti i settori ad eccezione di quelli delle merci convenzionali e dei passeggeri

Nella seconda metà dello scorso mese di agosto il porto di Genova ha accusato il rilevante impatto negativo del crollo del viadotto Ponte Morandi che è avvenuto il 14 agosto e che ha causato la morte di 43 persone, disastro che ha tagliato in due l'arteria autostradale che attraversa il capoluogo genovese da est ad ovest e che ha di fatto isolato il bacino di Sampierdarena nella parte orientale dello scalo portuale dal bacino occidentale di Prà-Voltri che non sono più connessi da un collegamento stradale diretto. Inoltre il crollo ha provocato l'interruzione della linea ferroviaria che attraversa la Valpolcevera e che collega il porto principalmente con i mercati d'oltre Appennino, linea la cui riapertura è prevista per dopodomani.

Nell'intero mese di agosto del 2018 il porto di Genova ha movimentato 3,83 milioni di tonnellate di merci, con una flessione del -15,4% che è stata determinata dalla contrazione di tutte le tipologie di traffico ad eccezione di quello delle merci convenzionali che hanno registrato un aumento del +0,6% sull'agosto 2017 attestandosi a 824mila tonnellate.

Lo scorso agosto nel settore dei container il traffico è stato di 1,70 milioni di tonnellate, con una diminuzione del -17,9%, totale che è stato realizzato con una movimentazione di contenitori pari a 181.863 teu (-16,6%). Relativamente al traffico containerizzato movimentato dai principali terminal dello scalo, lo scorso agosto il più consistente impatto negativo è stato registrato al terminal VTE che si trova nell'area portuale di Prà-Voltri e che ha movimentato 102.205 teu, con un calo del -24,5%. Tra i terminal situati nell'area portuale di Sampierdarena, il terminal SECH è l'unico ad aver segnato un incremento del traffico avendo movimentato 25.590 teu (+17,2%); in diminuzione, invece, è risultato il traffico dei container al terminal multipurpose Messina, che ha totalizzato 19.440 teu (-4,9%%), così come quello movimentato al Genoa Port Terminal, che ha chiuso agosto con 28.113 teu (-10,9%).

Lo scorso agosto il traffico delle rinfuse solide nel settore commerciale del porto è calato del -35,6% a 23mila tonnellate e quello nel segmento industriale è diminuito del -39,4% a 125mila tonnellate. Nel comparto delle rinfuse liquide il traffico degli oli minerali è ammontato a 1,02 milioni di tonnellate (-17,6%) e quello delle altre rinfuse liquide a 46mila tonnellate (-28,7%), di cui 37mila tonnellate di prodotti chimici (-10,1%) e 8mila tonnellate di oli vegetali e vino (-62,7%). In calo anche le forniture di bunker e di provviste di bordo che sono state pari a 95mila tonnellate (-3,3%).

Nel settore dei passeggeri, in cui la programmazione dell'attività è più rigida soprattutto in periodi di picco come quello di Ferragosto, il numero delle persone transitate nel porto di Genova lo scorso agosto è cresciuto del +4,3% a 660mila unità, di cui 94mila nel segmento delle crociere (+5,2%) e 566mila in quello dei traghetti (+4,2%).

Nei primi otto mesi di quest'anno il traffico complessivo delle merci è risultato pari a 36,99 milioni di tonnellate, con un aumento del +0,8% sul corrispondente periodo del 2017, e quello dei passeggeri a 2,14 milioni di persone (+2,8%).


ABB Marine Solutions

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail