ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

18 novembre 2018 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 00:19 GMT+1



31 ottobre 2018

Uiltrasporti denuncia il silenzio il MIT sui licenziamenti in Liberty Lines

Fantappiè: il comportamento del Ministero è inconcepibile

Uiltrasporti denuncia che il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti non si sta adoperando per far fronte al problema delle procedure di licenziamento collettivo in corso nei confronti di lavoratori della Liberty Lines, compagnia di navigazione a cui il Ministero non ha rinnovato il contratto di concessione del servizio di trasporto marittimo veloce di passeggeri sulla tratta Messina-Reggio Calabria, servizio che è ora effettuato dalla compagnia Bluferries del gruppo Ferrovie dello Stato Italiane.

«Sono 72 - ha ricordato il segretario nazionale della Uiltrasporti, Paolo Fantappiè - i marittimi della società Liberty Lines in procedura di licenziamento, per un cambio di assegnazione della concessione di servizio Messina-Reggio Calabria, decisa dal Ministero dei Trasporti ed Infrastrutture, causando questa drammatica conseguenza». «Nonostante la richiesta urgente di incontro al MIT fatta dai sindacati - ha spiegato il rappresentante dell'organizzazione sindacale - ancora tutto tace, nonostante la gravità della situazione dei marittimi coinvolti e delle loro famiglie».

«Uiltrasporti - ha concluso Fantappiè - stigmatizza il comportamento del MIT inconcepibile. Non riusciamo a comprendere né il silenzio né la mancanza di iniziativa delle istituzioni centrali. Reiteriamo, pertanto, la richiesta di un immediato intervento del governo, per far fronte al dramma di questi marittimi».

ABB Marine Solutions
Consorzio ZAI
Salerno Container Terminal

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail