ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

14 dicembre 2018 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 03:44 GMT+1



30 novembre 2018

Siglato l'Ancona Blue Agreement per anticipare e migliorare l'utilizzo in porto di combustibili a basso tenore di zolfo

Le compagnie si impegnano a far funzionare i motori principali e ausiliari delle navi con combustibile con un contenuto di zolfo non superiore allo 0,1%

Oggi ad Ancona è stato sottoscritto l'accordo volontario “Ancona Blue Agreement” dedicato alla tematica della qualità dell'aria nella realtà portuale, intesa che si focalizza sull'utilizzo dei carburanti delle navi che è stata promossa dall'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale e dalla Capitaneria di Porto di Ancona e che è stata siglata dai rappresentanti degli armatori e delle compagnie di navigazione che operano servizi traghetto che fanno scalo nel porto di Ancona.

In occasione della firma dell'accordo è stato specificato che, anche se attualmente le navi che scalano il porto dorico utilizzano combustibili con i parametri imposti dalla legge e verificati dai controlli costanti e puntuali della Capitaneria di Porto di Ancona, con l'intesa volontaria gli armatori e le compagnie di navigazione s'impegnano a far funzionare i motori principali e ausiliari delle navi con combustibile per uso marittimo con un tenore di zolfo non superiore allo 0,1% dall'ultimazione della manovra di ormeggio in porto e fino alla partenza e all'uscita dallo scalo, rispetto all'1,5% previsto dall'attuale legge.

Inoltre l'accordo, che ha validità fino al 31 dicembre 2019 con possibilità di rinnovo e che è aperto alla firma delle altre compagnie di navigazione che stanno attualmente completando l'analisi tecnica sui loro motori principali, stabilisce anche buone pratiche nella gestione delle macchine delle navi, l'ottimizzazione dell'arrivo e delle partenze ponendo particolare attenzione alla manutenzione dei motori con intervalli di intervento più frequenti rispetto allo standard previsto dai piani delle singole compagnie.
L'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale ha evidenziato che questo accordo è coerente con il percorso che vedrà il 1° gennaio 2020 entrare in vigore le nuove regole internazionali che abbassano le emissioni in atmosfera da parte del trasporto marittimo e si aggiunge alle azioni di miglioramento e di mitigazione in campo ambientale già messe in atto, di recente, dall'AdSP come parte della strategia per lo sviluppo del sistema portuale e dello scalo dorico.

«Arrivare a questa firma - ha sottolineato il presidente dell'ente portuale, Rodolfo Giampieri - è stato possibile grazie all'importante lavoro di condivisione fatto da tutti i soggetti coinvolti. Un comportamento virtuoso per promuovere un'iniziativa concreta per mitigare l'impatto ambientale che viene realizzata nel rispetto delle norme per la sicurezza della navigazione. Un impegno, il nostro e quello della Capitaneria, per arrivare ad un accordo che dimostra la chiara sensibilità verso il tema della sostenibilità da parte degli armatori che, oltre a rispettare la normativa, hanno deciso di fare un passo in più».

«La Capitaneria di Porto - ha commentato il contrammiraglio Enrico Moretti, comandante della Direzione Marittima di Ancona - ha da sempre posto l'attenzione sul rispetto, da parte delle navi che scalano il porto dorico, della normativa che indica il livello di zolfo da utilizzare, verificato attraverso i dovuti controlli e le necessarie verifiche non solo cartolari ma soprattutto mediante prelievi del carburante stesso, senza trovare alcuna irregolarità. Tuttavia, a fronte di episodi eclatanti che si sono verificati pur a fronte dell'impiego di fuel a norma, è stato necessario proporre alle compagnie ed agli armatori l'adozione dell'accordo su base volontaria che oggi verrà sottoscritto, e ciò in linea con i principi della precauzione, dell'azione preventiva e della correzione che devono informare l'azione della pubblica amministrazione. Ringrazio quanti sottoscriveranno l'accordo, che prevede l'adozione di misure più restrittive di quelle consentite dalla legge vigente, perché così facendo dimostrano che non vi è sacrificio economico che non possa essere affrontato quando c'è di mezzo la possibilità di migliorare la qualità dell'ambiente in cui tutti noi viviamo».

ABB Marine Solutions
Consorzio ZAI

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail