ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

25 giugno 2019 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 03:50 GMT+2



18 dicembre 2018

La federazione tedesca degli autotrasportatori BGL ha avviato una seconda class action contro i costruttori di camion

Con le due azioni collettive sono richiesti risarcimenti per una flotta di camion costituita da 149.000 veicoli

La federazione tedesca degli autotrasportatori Bundesverband Güterkraftverkehr Logistik und Entsorgung (BGL), con l'assistenza legale della financialright claims GmbH di Dusseldorf e dello studio legale Hausfeld Rechtsanwälte LLP di Berlino, ha avviato una seconda class action presso una corte distrettuale di Monaco di Baviera per conto di oltre 3.800 imprese che assieme hanno una flotta di più di 64.000 camion, azione legale che è nuovamente rivolta contro i principali costruttori di veicoli pesanti ritenuti colpevoli di aver costituito un cartello.

La federazione ha ricordato che nel 2016 e nel 2017 la Commissione Europea ha comminato multe record per un totale di oltre 3,7 miliardi di euro contro i principali costruttori di autocarri - MAN, Daimler-Benz, Volvo/Renault, DAF Iveco e Scania - per aver creato, tra il gennaio 1997 e il gennaio 2011, tramite accordi illegali, un cartello per concordare i prezzi di vendita dei camion e la data di applicazione e trasferimento ai clienti degli ulteriori costi derivanti dall'adeguamento dei veicoli agli standard da Euro III a Euro VI sulle emissioni.

Con la prima azione legale collettiva intrapresa da BGL alla fine del 2017, il totale di danni di cui è richiesto il risarcimento riguarda complessivamente una flotta di 149.000 camion.

ABB Marine Solutions
Voltri-Pra Terminal Europa
Vincenzo Miele

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail