ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

21 marzo 2019 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 04:23 GMT+1



2 gennaio 2019

Nogarin: Grimaldi Lines potrebbe decidere di abbandonare il porto di Livorno

Il sindaco ha spiegato che la possibile cancellazione degli scali potrebbe essere conseguenza di alcune frizioni con la Capitaneria di Porto

La Grimaldi Lines, compagnia di navigazione del gruppo armatoriale napoletano Grimaldi, potrebbe decidere di abbandonare il porto di Livorno. Lo ha reso noto l'ultimo dell'anno il sindaco della città toscana, Filippo Nogarin, specificando che la cancellazione degli scali allo scalo labronico potrebbe essere decisa «a causa di alcune frizioni con la Capitaneria di Porto».

«Mi pare - ha precisato il sindaco - che sia in corso un vero e proprio braccio di ferro tra Capitaneria e Autorità Portuale. Un braccio di ferro di cui sono poco chiare le ragioni e i contorni e dunque non intendo entrare nel merito di quanto sta accadendo. Ma una cosa è certa: interverrò personalmente presso il Ministero dei Trasporti per fare in modo che qualsiasi tensione venga smorzata e che si tuteli anche in questo caso l'interesse pubblico».

«Lo dico - ha aggiunto Nogarin - in maniera molto chiara: questa città non può permettersi di lasciar scappare un armatore così importante, perché un eventuale addio si tradurrebbe in una perdita significativa di posti di lavoro e questo sarebbe intollerabile. La nostra città, in passato, ha già pagato un prezzo troppo alto in termine di posti di lavoro perduti a causa di scelte politiche sbagliate fatte nel porto di Livorno. Ora basta - ha concluso il primo cittadino di Livorno - l'addio di Grimaldi deve essere scongiurato».

ABB Marine Solutions

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail