ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

21 agosto 2019 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 19:54 GMT+2



26 aprile 2019

Spediporto, le festività hanno dilatato i ritardi nei controlli sulle merci nel porto di Genova

Botta: il ciclo dei controlli deve essere potenziato, migliorato e reso più efficiente

L'associazione degli spedizionieri genovesi denuncia che i ritardi nello svolgimento dei controlli sulle merci nel porto di Genova si sono ulteriormente dilatati in coincidenza con l'attuale susseguirsi di festività e che la situazione, già critica nelle scorse settimane, sta assumendo livelli insostenibili per operatori ed importatori. «Contenitori, con merce per decine di milioni di euro - spiega il direttore generale di Spediporto, Giampaolo Botta - sono fermi ad aspettare controlli che, se tutto va bene, potranno farsi solo dopo il lungo periodo di ponti e festività». «I nostri operatori sono tutti in ufficio, i traffici internazionali non conoscono tutte le nostre festività e - sottolinea Botta - è dura spiegare il fatto che ci vorranno anche più di dieci giorni per un controllo sanitario o in dogana».

Spediporto evidenzia che «parlare di infrastrutture e di alta tecnologia non ha senso fino a quando non si assumerà prima di tutto una mentalità orientata al business ed ai servizi». «I controlli - precisa Botta - devono esserci e noi siamo i primi a sostenerlo. Teniamo alla qualità che finisce sulle tavole degli italiani, ma il rischio è di perdere importanti linee di traffico. Merce alimentare, surgelati, pesce, carne, frutta e verdura non possono aspettare dieci giorni per un controllo. Così come non è possibile accettare che il più importante porto italiano si trovi in queste settimane con solo tre funzionari dell'ufficio di Sanità e con una manciata di funzionari di Dogana. Abbiamo bisogno di organici adeguati e di capacità organizzativa da parte delle nostre amministrazioni».

«C'è poi - aggiunge Botta - anche un discorso di sicurezza. Sono controlli - chiarisce il direttore generale dell'associazione riferendosi ai controlli radiometrico e chimici - che devono essere effettuati in tempi certi, in poche ore, onde evitare rischi per gli stessi lavoratori». A tal proposito Spediporto chiede un adeguamento del personale autorizzato ad effettuare questi controlli che - rileva l'associazione - è lo stesso da dieci anni a questa parte mentre il traffico è raddoppiato, con il risultato «che i tempi si sono allungati considerevolmente, i contenitori restano in catasta anche giorni prima di essere controllati, in questo modo viene svilita anche la normativa che tende a prevenire l'esposizione ad eventuali agenti nocivi».

«Lo diciamo da tempo e lo confermiamo oggi - conclude Botta - il ciclo dei controlli deve essere potenziato, migliorato e reso più efficiente. Si potrebbero fare oltre 100 assunzioni tra pubblico e privato, Regione Liguria e AdSP devono aiutarci a trovare il necessario sostengo da Roma».

PSA Genova Pra'
Vincenzo Miele

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail