ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

12 novembre 2019 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 07:49 GMT+1



22 ottobre 2019

Via libera dell'Antitrust all'ingresso del gruppo armatoriale MSC nel capitale della compagnia Messina

L'AGCM ha specificato che l'operazione di concentrazione non appare alterare in maniera sostanziale il livello della concorrenza

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) ha autorizzato l'operazione con cui il gruppo armatoriale elvetico Mediterranean Shipping Company (MSC), attraverso la controllata Marinvest, acquisirà il 49% del capitale della compagnia armatoriale genovese Ignazio Messina & C. e il 52% della Ro-Ro Italia, società costituita nel dicembre 2018 dall'azienda genovese quale special purpose vehicle per l'operazione di concentrazione ( del 14 giugno 2019).

Tale operazione sarà attuata in tre fasi: il conferimento nella Ignazio Messina da parte del gruppo armatoriale Messina della totalità delle sue attività, ivi inclusa l'attività terminalistica che comprende il terminal per contenitori, rotabili e merci varie Intermodal Marine Terminal (IMT) del porto di Genova, la sottoscrizione da parte di Marinvest di un aumento di capitale riservato, all'esito del quale quest'ultima arriverà a detenere il 49% delle azioni della Ignazio Messina e il controllo congiunto di questa società con il gruppo Messina, e infine la sottoscrizione da parte di Marinvest e del gruppo Messina di un aumento di capitale della società Ro-Ro Italia, in esito al quale le due società deterranno, rispettivamente, una partecipazione del 52% e del 48% del capitale sociale di Ro-Ro Italia, che conferirà loro il controllo congiunto della società. Successivamente Ro-Ro Italia acquisterà da Ignazio Messina quattro navi nonché i prestiti navali collegati al loro acquisto.

Nelle sue valutazioni l'Autorità Antitrust ha specificato che relativamente ai mercati rilevanti dei servizi di trasporto marittimo di container «l'operazione di concentrazione non appare sollevare criticità concorrenziali» e che, «per ciò che concerne i servizi di movimentazione di merci in container nei porti “terminali” compresi nel bacino di utenza del porto di Genova, si verifica una sovrapposizione a livello orizzontale - del tutto marginale - tra le attività delle parti limitatamente al caso in cui si consideri una catchment area del porto di Genova che includa anche il porto di Livorno».

Inoltre l'AGCM valutato che «sotto il profilo dell'integrazione verticale tra i servizi svolti da IMT e le attività delle parti nel settore del trasporto marittimo di merci su fasci di rotte da/verso il Mediterraneo, il carattere limitato delle quote di mercato detenute dal Gruppo Messina non è tale da sollevare preoccupazioni di natura concorrenziale legate a potenziali effetti di esclusione dal mercato o di discriminazione ai danni di operatori attivi nella filiera». L'authority ha quindi concluso che «l'operazione di concentrazione non appare alterare in maniera sostanziale il livello della concorrenza nei mercati rilevanti considerati».

PSA Genova Pra'
Salerno Container Terminal
Vincenzo Miele

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail