ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

8 dicembre 2019 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 19:35 GMT+1



3 dicembre 2019

Sbigottimento di Assiterminal per il via libera all'emendamento che introduce un contributo sui container in arrivo e partenza nei porti

Si tratterebbe - ha denunciato l'associazione - dell'ennesimo colpo alla competitività del sistema portuale e logistico italiano

Domenica la Commissione Finanze della Camera, proseguendo l'esame del decreto legge 124/2019 “Disposizioni urgenti in materia fiscale e per esigenze indifferibili”, tra le proposte emendative approvate ha dato il via libera alla proposta di introdurre un contributo sui container pieni e vuoti sbarcati e imbarcati nei porti italiani al fine di dotare l'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di strumenti idonei a rafforzare la vigilanza sulle merci. Una proposta che ha fatto infuriare l'Associazione Italiana Terminalisti Portuali (Assiterminal), secondo cui è «assurdo prevedere un ulteriore aumento dei costi sulle merci».

L'emendamento specifica che “l'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, mediante il ricorso a tecniche e strumenti a tecnologia innovativa, procede al rafforzamento della vigilanza sulle merci» e potrà farlo “senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica e in modo da garantire maggiori entrate per il bilancio dello Stato” se. “semplificando gli adempimenti gravanti sugli operatori”, verrà “istituito un contributo unificato sui container sbarcati e imbarcati nei porti dello Stato, anche se non contenenti merci”.

L'emendamento precisa che il contributo unificato, “accertato, liquidato e riscosso dall'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli con le modalità previste per i diritti di confine”, avrebbe tra gli obiettivi quello della copertura dei costi necessari affinché l'Agenzia delle Dogane consegua gli obiettivi di rafforzamento della vigilanza sulle merci “nella misura massima di 75 milioni di euro per il primo anno di applicazione del citato regolamento e di 150 milioni di euro per gli anni successivi”. Il provvedimento prevede “agevolazioni per i container viaggianti con motrice”.

Manifestando sbigottimento per l'approvazione in Commissione Finanze dell'emendamento al decreto legge fiscale che - ha sottolineato - «di fatto aumenta i costi complessivi gravanti sull'import/export delle merci», Assiterminal ha denunciato che «se un tale provvedimento dovesse passare si tratterebbe dell'ennesimo colpo alla competitività del sistema portuale e logistico del nostro Paese».

L'associazione dei terminalisti italiani ha specificato che non discute il merito del provvedimento: «l'Agenzia delle Dogane - ha evidenziato Assiterminal - svolge un ruolo che rispettiamo e che promuoviamo, ma - ha precisato l'associazione - si devono ricercare le risorse per “rafforzare la vigilanza sulle merci” nelle “normali” entrate dell'erario; stessa osservazione vale per la previsione di attingere alle risorse per l'autonomia finanziaria delle Autorità Portuali e finanziamento della realizzazione di opere nei porti (art.18 bis, legge 84/94) per ri-finanziare Uirnet».

«Tali provvedimenti - ha rilevato inoltre Assiterminal - sembrano essere decontestualizzati dallo scenario generale: già soffriamo sul tema delle infrastrutture (i fatti liguri e veneti sono sotto gli occhi di tutti, solo per citare gli esempi più recenti)».

L'associazione dei terminalisti ha quindi chiesto «l'intervento del Ministro De Micheli così come la cabina di regia sulle tematiche della tassazione dei canoni concessori e del regolamento sulle concessioni portuali. Auspichiamo certamente - ha concluso Assitermnal - un processo di “semplificazione degli adempimenti gravanti sugli operatori”, ma non certamente nei termini previsti da simili emendamenti che scaturiscono da chissà quale visione politico economica e chiediamo pertanto siano stralciati».

Vincenzo Miele

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail