ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

20 settembre 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 18:25 GMT+2



23 gennaio 2020

IBIA, la transizione ai combustibili navali conformi all'IMO 2020 si sta attuando in modo «sorprendentemente regolare»

Secondo l'associazione, eventuali problemi sono stati evitati grazie alla preventiva pianificazione da parte degli operatori

L'International Bunker Industry Association (IBIA), organizzazione che rappresenta gli operatori che fanno parte della catena della fornitura e consumo di combustibili navali, ha condotto nei giorni scorsi una serie di incontri a Copenhagen con rappresentanti di compagnie di navigazione e società di bunkeraggio al fine di valutare l'impatto sul settore della transizione alle nuove norme concordate presso l'International Maritime Organization (IMO) che hanno introdotto dallo scorso primo gennaio un limite massimo dello 0,50% del tenore di zolfo nei carburanti navali. L'esito di questi colloqui è che «tutti - ha sottolneato l'IBIA - hanno segnalato una transizione sorprendentemente regolare».

L'associazione ha specificato che un altro elemento comune nei riscontri ottenuti è che tutti gli operatori hanno iniziato a pianificare e a preparare la transizione alle norme IMO 2020 almeno due anni fa assicurandosi che i loro fornitori fossero in grado di procurarsi combustibile conforme. L'associazione ha chiarito che «in generale proprietari e operatori di navi nonché i fornitori di bunker che IBIA ha incontrato a Copenhagen non hanno avuto grossi problemi circa la disponibilità di carburante conforme, nonostante in alcune regioni siano state riscontrate carenze».

Inoltre l'IBIA ha reso noto che gli interlocutori hanno rilevato un forte aumento del prezzo del combustibile VLSFO a bassissimo tenore di zolfo, il cui livello a gennaio ha raggiunto e anche superato il prezzo del gasolio marino MGO in porti mondiali importanti per la fornitura di bunker come quello di Singapore, ma ha precisato che, tuttavia, si prevede che tale distorsione del mercato sarà di breve durata.

Circa la qualità del bunker, dai colloqui è emerso che gli operatori non hanno avuto problemi dovuto alla carenza di stabilità del fuel o alla miscelazione di combustibili incompatibili. Una delle preoccupazioni espresse più di frequente dagli operatori era piuttosto quella di come gestire i risultati di test sul fuel che indicassero un tenore di zolfo lievemente superiore allo 0,50%, problema - ha osservato l'associazione - che risiede principalmente nella differenza tra l'interpretazione del contratto commerciale di fornitura del bunker relativamente alla precisione dei test sul combustibile e le procedure di verifica del tenore di zolfo adottate dalle autorità per ottenere campioni del fuel e verificarne la conformità che sono incluse nell'Allegato VI della Convenzione internazionale Marpol approvate dall'IMO. A tal proposito l'IBIA ha spiegato di aver fornito chiarimenti ai propri associati.

PSA Genova Pra'
Autorità di Sistema Portuale Mar Ligure Orientale

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail