ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

30 marzo 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 14:04 GMT+2



18 marzo 2020

Fim-Cisl e Fiom-Cgil, no al ricorso all'anticipo delle ferie collettive per il fermo di Fincantieri

Denunciano che è in violazione del protocollo sottoscritto da organizzazioni sindacali e datoriali e del Ccnl dei metalmeccanici

Fim-Cisl e Fiom-Cgil contestano a Fincantieri di aver imposto ai dipendenti l'anticipo delle ferie collettive a totale carico dei lavoratori a causa del fermo di due settimane delle attività produttive dei propri cantieri per affrontare l'emergenza sanitaria causata dalla diffusione del Covid-19. I due sindacati hanno denunciato che il ricorso alle ferie collettive avviene in violazione del protocollo sottoscritto da organizzazioni sindacali e datoriali su invito del presidente del Consiglio dei ministri, del ministro dell'economia, del ministro del lavoro e delle politiche sociali, del ministro dello sviluppo economico e del Ministro della salute e, soprattutto, del contratto collettivo nazionale di lavoro dei metalmeccanici.

«Intimiamo all'azienda - si legge in una nota di Fim-Cisl e Fiom-Cgil - di sospendere tale modalità chiedendo un intervento del Ministero del Lavoro perché venga rispettato quanto stabilito dal governo nell'intesa con Cgil. Cisl e Uil e di intraprendere nell'immediato quanto previsto dal decreto-legge 17 marzo 2020 n.18. Le organizzazioni sindacali - hanno precisato Fim-Cisl e Fiom-Cgil - valuteranno, qualora permanga il comportamento aziendale in atto, di agire nelle sedi deputate alla verifica degli estremi della condotta antisindacale di cui all'art. 28 dello Statuto dei lavoratori».



PSA Genova Pra' Logistics Solution

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail