ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

27 settembre 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 05:19 GMT+2



6 maggio 2020

A causa del deterioramento del mercato CAI International sospende il progetto di vendita del ramo dei carri ferroviari

L'azienda ha chiuso il primo trimestre con una perdita netta di -1,3 milioni di dollari

La progressiva diffusione a quasi tutto il globo della pandemia di coronavirus, che si è manifestata in tutta la sua pericolosità tra la fine di febbraio e l'inizio di marzo, ha indotto il noleggiatore di container CAI International a sospendere le trattative per la cessione delle proprie attività nel settore del carri ferroviari. «A causa delle condizioni del mercato - ha spiegato il presidente e amministratore delegato dell'azienda, Victor Garcia - abbiamo deciso di interrompere il processo di vendita della nostra divisione ferroviaria. Pertanto la considereremo nuovamente quale parte delle nostre attività correnti. La nostra strategia rimane focalizzata sul miglioramento dell'utilizzo della flotta e sui risultati, cercando nel contempo opportunità per ridurre il nostro investimento complessivo nel settore ferroviario. Continueremo a cercare modi per monetizzare il nostro investimento negli asset, con una futura uscita da questo business quando le prospettive del mercato saranno più favorevoli ad una vendita. Quanto alla valutazione delle attività nel segmento dei carri ferroviari alla fine del trimestre - ha precisato Garcia - abbiamo registrato perdite per riduzione di valore ante imposte pari a 19,2 milioni di dollari, che includono la decisione di disfarci di 420 tra i più vecchi carri ferroviari non posti a noleggio e principalmente impiegati per i mercati dell'energia».

Intanto CAI International ha archiviato il primo trimestre di quest'anno con ricavi pari a 105,0 milioni di dollari, con una flessione del -5,5% sullo stesso periodo del 2019, di cui 69,1 milioni di dollari generati dal noleggio della flotta (-8,5%). I costi operativi sono ammontati a 89,0 milioni di dollari, con un rialzo del +32,8% sui primi tre mesi dello scorso anno. L'utile operativo è stato di 16,0 milioni di dollari (-63,7%) e il risultato economico netto è stato di segno negativo e pari a -1,3 milioni di dollari rispetto ad un utile netto di 18,6 milioni di dollari nel primo trimestre del 2019.

Circa l'impatto sull'attività dell'azienda determinato dalla pandemia, Garcia ha specificato che «la pandemia di Covid-19 e la conseguente reazione globale hanno prodotto un livello di incertezza senza precedenti sull'attività e aumentato il livello di rischio di credito nei confronti delle compagnie di navigazione nostre clienti. I nostri risultati per la parte restante dell'anno - ha aggiunto Garcia - saranno guidati dalle performance della nostra divisione container e dalle prestazioni contrattuali dei nostri clienti. Nonostante il limitato incremento della domanda di container nel secondo trimestre, riteniamo che l'impiego della flotta continuerà ad essere elevato a causa della natura a lungo termine dei nostri contratti con i nostri clienti e dell'oculata gestione della nostra flotta di container non noleggiata. Inoltre - ha affermato il presidente e CEO di CAI International - crediamo che a molti dei nostri clienti, in particolare in Asia, sarà concesso un supporto finanziario, dal momento che molti di questi clienti sono già in parte di proprietà del governo o sono supportati da questo. Ad esempio - ha sostenuto Garcia - sono stati segnalati casi in cui i governi di Corea e Taiwan stanno prendendo in considerazione un sostegno finanziario alle loro compagnie di navigazione nazionali».

«Le nostre maggiori esposizioni creditizie con i clienti - ha proseguito Garcia - sono nei confronti di vettori marittimi europei e noi riteniamo che, a causa della loro quota di mercato, della strategia di crescita delle attività e dell'importanza della supply chain globale, saranno in grado di ottenere sufficiente supporto finanziario per far fronte all'attesa contrazione della domanda di trasporto marittimo containerizzato. A marzo e ad aprile - ha precisato - i nostri clienti hanno rispettato i termini di pagamento nei nostri confronti. Riteniamo - ha concluso Garcia - che nei prossimi mesi saremo in grado di proseguire a collaborare con i nostri clienti e che gli obblighi contrattuali che i nostri clienti hanno nei nostri confronti saranno rispettati».


PSA Genova Pra'
Autorità di Sistema Portuale Mar Ligure Orientale

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail