ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

5 luglio 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 02:04 GMT+2



3 giugno 2020

Filt, Fit e Uilt hanno sollecitato il MIT ad intervenire in merito alla riorganizzazione dei servizi di rimorchio

L'invito - hanno specificato i sindacati - è volto a tutelare i lavoratori interessati

Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti hanno chiesto alla ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, un immediato intervento volto a sospendere gli effetti della recente circolare del MIT che prevede una riorganizzazione del servizio di rimorchio nei porti italiani in conseguenza della minore domanda. La sollecitazione - hanno spiegato le organizzazioni sindacali - è «al fine di tutelare i lavoratori interessati». «In assenza di un riscontro - hanno annunciato Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti - si valuteranno iniziative da intraprendere».

Le segreterie nazionali dei tre sindacati hanno specificato che la richiesta «nasce da questioni di metodo e di merito in una fase complessa per l'economia nazionale portuale e marittima e per le ripercussioni sui lavoratori del settore per i quali alcune società concessionarie hanno già avviato e concluso le procedure di accesso alle prestazioni del Fondo settoriale Solimare».

«La Direzione Generale per la vigilanza sulle autorità portuali ed il trasporto marittimo - hanno sottolineato infine Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti - ha attribuito alle Capitanerie di Porto e alle Autorità di Sistema Portuale le responsabilità di ulteriori penalizzazioni a carico dei lavoratori che si determinano, come nel caso del porto di Livorno, senza alcun preventivo confronto con le organizzazioni sindacali».

PSA Genova Pra'

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail