ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

10 luglio 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 16:55 GMT+2



11 giugno 2020

Confitarma chiede al governo di fare di più per sostenere il settore del trasporto marittimo

Sisto: alla fine di questa emergenza si dovrà seriamente parlare di una governance strutturata e dedicata a questa importante industria del Paese

La Confederazione Italiana Armatori (Confitarma) chiede al governo di fare di più per sostenere il settore del trasporto marittimo. Intervenendo oggi all'audizione informale presso la IX Commissione Trasporti, poste e telecomunicazioni della Camera nell'ambito dell'esame del disegno di legge C. 2500 di conversione del decreto-legge n. 34/2020 che reca misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all'economia, nonché di politiche sociali connesse all'emergenza epidemiologica da Covid-19, il direttore generale di Confitarma, Luca Sisto, ha evidenziato che «in questo periodo le navi non si sono mai fermate per assicurare l'approvvigionamento di presidi sanitari, farmaci, beni ed energia. Ciò non significa - ha sottolineato Sisto - che le aziende non abbiamo sofferto gli effetti dell'emergenza. Ci attendevamo di più - ha precisato - invece nel Decreto Rilancio il comparto marittimo è assente, non è considerato, a parte due interventi che riguardano una sola destinazione marittima e uno solo dei tre servizi tecnico nautici».

Sisto ha ricordato che Confitarma ha richiesto al governo dieci prime misure urgenti. Di queste, le misure per la liquidità risultano parzialmente confluite nelle norme per tutte le imprese insieme al Fondo Solimare, mentre, né la richiesta per l'abolizione dell'addizionale dello 0,5% sulla Naspi né l'abbattimento dei costi portuali sono state riconosciuti.

«Ci siamo quindi rivolti al nostro ministro di riferimento - ha spiegato il rappresentante della Confederazione - per ottenere almeno due interventi prioritari in questo momento. Il primo di questi riguarda il più importante operatore turistico italiano, Costa Crociere, che opera, unico nel settore crocieristico, con bandiera italiana su 29 unità meravigliose. Queste navi - ha specificato Sisto - sono ferme da mesi, ma sono armate con 300-400 persone per le quali l'azienda deve sostenere i costi senza fatturato. Ebbene: per una restrittiva lettura della legge n.30 del 1998 - ha proseguito Sisto - noi cosa facciamo? Non consentiamo a questa azienda italiana di svolgere per due mesi traffici crocieristici economicamente sostenibili con i competitor tra porti nazionali, da non confondere con altri tipi di traffico. Ribadisco che questo intervento è a costo zero perché tali navi sono già iscritte nel Registro internazionale».

Sisto ha spiegato inoltre che il secondo intervento chiesto da Confitarma, riguarda il sostegno alle aziende con unità iscritte nel primo Registro: «abbiamo richiesto - ha chiarito - un fondo di almeno 30 milioni per ristorare parzialmente il fatturato di tutte le aziende con unità iscritte nel primo Registro, e non solo per quelle del cabotaggio minore, come ad esempio quelle che operano nel bunkeraggio marittimo, senza le quali le altre navi non possono rifornirsi nei nostri porti, che hanno evidentemente sofferto la riduzione dei traffici».

«Alla fine di questa emergenza - ha concluso Luca Sisto - si dovrà seriamente parlare di una governance strutturata e dedicata a questa importante industria del Paese, forse meno visibile di altre ma certamente necessaria e indispensabile come abbiamo ampiamente dimostrato in questa emergenza».

PSA Genova Pra'

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail