ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

19 gennaio 2021 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 04:12 GMT+1



18 dicembre 2020

Mattioli (Federazione del Mare): notevoli le ripercussioni della crisi sanitaria ed economica sul settore marittimo, portuale e logistico italiano

Occorre assicurare al sistema marittimo nazionale - ha sottolineato - una sede politico-amministrativa adeguata

«Sono notevoli le ripercussioni della crisi sanitaria ed economica sul settore marittimo, portuale e logistico italiano fortemente integrate nel commercio internazionale». Lo ha sottolineato il presidente della Federazione del Mare, Mario Mattioli, nel suo intervento di apertura dei lavori della prima riunione interministeriale della cabina di regia sul mare, presieduta da Manlio Di Stefano, sottosegretario al MAECI. «I confini - ha spiegato Mattioli - sono stati chiusi, la domanda mondiale è diminuita, la produzione è stata ridotta o addirittura fermata. Per non menzionare l'impossibilità di effettuare i cambi di equipaggio, che sta creando una situazione molto difficile per tutti i marittimi delle unità sia mercantili che da pesca. In proposito - ha rilevato - è di grande rilevanza la risoluzione dell'ONU che ha dichiarato i marittimi lavoratori chiave».

«Nel contesto internazionale - ha proseguito il presidente della Federazione del Mare - tutte le componenti del cluster marittimo mettono in rete l'economia dell'Italia. Il nostro sistema marittimo è vincente ed è per questo che occorre assicurargli una sede politico-amministrativa adeguata con poteri di coordinamento, in modo che una catena di comando ben integrata porti ad una maggior efficacia nell'adozione e nell'attuazione delle decisioni in campo marittimo (tra queste in primis una semplificazione burocratica) e sia in grado di farlo in tempi conformi agli standard europei e internazionali caratteristici di questo mondo. Apprezziamo quanto il MAECI sta facendo attraverso l'importante focal point marittimo grazie al quale molte problematiche con l'estero possono essere risolte. Così come non dimentico i rapporti con i Ministeri delle Infrastrutture e dei Trasporti e dell'Ambiente, con i quali il settore è in quotidiano contatto».

«Il nostro Paese - ha osservato Mattioli - si trova in una posizione privilegiata, vera piattaforma al centro di un mare come il Mediterraneo ove passa circa il 20% dell'intero traffico marittimo mondiale. Nonostante ciò, il gap logistico-infrastrutturale dell'Italia viene valutato in circa 70 miliardi di euro: cifra allarmante per un Paese importatore, trasformatore ed esportatore, che fonda la sua competitività nel contesto globale sulla capacità ed efficienza del sistema logistico. Per questo è fondamentale per gli interessi economici e di proiezione internazionale del nostro Paese, sostenere politiche volte a promuovere blue economy e attività legate al settore marittimo, alla navigazione, alla pesca, alle tecnologie blu, al turismo costiero e alle energie rinnovabili. Le risorse del Recovery Fund potranno rappresentare importanti opportunità per tutta la nostra economia marittima».

«In questo contesto - ha concluso il presidente della Federazione del Mare - la proposta di legge che mira alla creazione di una zona economica esclusiva, è una buona notizia! La ZEE infatti permetterà al nostro Paese di esercitare, nel rispetto del diritto alla libertà di navigazione, il diritto sovrano di sfruttamento esclusivo delle risorse naturali e l'installazione di strutture artificiali per la tutela ambientale e la ricerca scientifica e sarà anche un importante strumento per sostenere la blue economy e tutto l'indotto economico delle comunità costiere».


Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail